Icona accesso.
 
 
 
 
 
 

Come aprire il piano di cottura per accedere al suo interno.

Per eseguire una riparazione del piano di cottura è necessario accedere al suo interno, dove risiedono i componenti che ne consento il funzionamento, così se c’è un guasto ad una candeletta, ad una termocoppia, una perdita, un difetto ad un manopola ed altro dobbiamo necessariamente aprirlo.

Prima di iniziare è necessario, per lavorare in totale sicurezza, staccare la spina di alimentazione o comunque la corrente che lo alimenta. Successivamente togliamo le griglie ed a seguire cappellotti e bruciatori, in modo da avere la superficie del piano completamente libera.

Continuiamo estraendo le manopole di accensione dei fuochi, che sono inserite ad innesto sull’asta di comando del rubinetto, pertanto le afferriamo saldamente con la mano e facciamo forza verso l’alto fino a quando non riusciamo ad estrarle. Facciamo attenzione che in alcune ci possono essere delle molle, quindi a non perderle. Successivamente può rimanere una parte in plastica che funge da copertura al pomello, le togliamo.

Piano cottura libero.

Ora, possiamo identificare su di esso la presenza di alcune viti,  collocate, due sul bordo posteriore, nel punto in cui si può agganciare il coperchio (se presente va svitato) pertanto una sul lato sinistro e l’altra sul destro. Le altre viti le troviamo avvitate sui lati degli incastri dei bruciatori.

Procediamo svitandole, se il piano ha qualche anno potremmo riscontrare una difficoltà nella loro rotazione, pertanto prima di svitarle spruzziamo dello sbloccante, potremmo rischiare altrimenti di strozzare, spezzare la testa della vite.

Viti piano cottura.

Riponiamo tutte le viti svitate, da parte e cerchiamo di afferrare il piano da un lato, non è facile infilare le mani, pertanto ci possiamo aiutare in questa fase, con la punta di un cacciavite a taglio abbastanza grande.

Continuiamo nell’intento fino a quando il piano non si disincastra da un lato così che possiamo afferrarlo con le mani. Facciamo sempre molta attenzione a non forzare per estrarlo, deve uscire molto fluidamente.

Nel momento in cui è leggermente sollevato, facciamo caso se il bordo frontale è incastrato in un innesto che fuoriesce dalla piastra sottostante, se così lo disincastriamo.

Man mano che agiamo nella sua movimentazione vedremo che si solleva sempre di più, fino ad essere libero dai lati. Quindi possiamo alzarlo completamente facendo attenzione a non farlo urtare contro la candeletta del piezoelettrico e la valvola di sicurezza, che si infilano tramite delle fessure attraverso di esso.

Rimozione piastra in acciaio del piano cottura.

A questo punto possiamo riporre il piano in acciaio da parte insieme alle viti e lavorare all’interno della base per eseguire le operazioni di riparazione necessarie.

 
Condividi su FacebookCondividi su TwitterCondividi su RedditCondividi su WhathsappCondividi tramite email
 

 
 
 
 
 
 
 

Non hai trovato cosa cercavi? Suggerisci, commenta o aggiungi qualcosa: compila il modulo.

supporto
 
 
Altri articoli che ti potrebbero interessarti:
 
 
Spazio trasparente.
Immagine rappresentativa articolo.

I piani cottura in vetroceramica possono essere dotati di diversi sistemi per generare calore, in questo articolo approfondiamo la tecnologia ad induzione.
 
 
Spazio trasparente.
Immagine rappresentativa articolo.

Negli ultimi anni la cucina a libera installazione ed anche i piani di cottura da incasso hanno subito un cambiamento per quanto riguarda la proposta dei fuochi a gas per la cottura.
 
 
Spazio trasparente.
Immagine rappresentativa articolo.

Abbiamo visto in un articolo precedente come procedere nell’installazione di una cappa filtrante a parete per cucina, ovvero il modello che si aggancia alla parete e nella parte superiore è presente una colonna o tubo puramente estetico.
 
 
Spazio trasparente.
Immagine rappresentativa articolo.

Un forno elettrico, come base, al suo interno dispone di una resistenza posta sul fondo ed una posta nella parte superiore. Esse a seconda delle impostazioni di cottura possono funzionare contemporaneamente oppure singolarmente. Di norma la cottura tradizionale esige il funzionamento contemporaneo, al fine di avere un calore uniforme, mentre il funzionamento singolo è impiegato per terminare la cottura o per pietanze particolari che necessitano di una cottura differenziata.
 
 
Spazio trasparente.
Immagine rappresentativa articolo.

La gamma di cucine Hotpoint Ariston con il catalogo per l’anno 2012 conta circa 16 modelli, che coprono diverse misure standard e nello specifico cucine con larghezza di 60 cm, 70 cm, 80 cm e 90 cm.
 
 
Spazio trasparente.
Immagine rappresentativa articolo.

Una tipologia di forno, non particolarmente diffusa in Italia ma, che merita assolutamente una particolare attenzione è quella con funzione pirolitica. Questo tipo di forno a dire il vero è molto diffuso in tutta Europa ed in particolar modo nel territorio francese, dove quasi tutti i forni venduti sono dotati di questa funzione.
 
 
 
 
 
 
 

 
Linea
 
lineaPrivacy Policy lineaCookie Policy lineaDisclaimerlineacanale you tubelineaFan Page FacebooklineaCopiright.linea
Linea