Icona accesso.
 
 
 
 
 
 

Come eseguire la posa del lavello nel piano di lavoro della cucina.

Posizioniamo la piletta in modo tale da far combaciare il raccordo di fissaggio del tubo del troppopieno sul lato dei fori di quest’ultimo. Verifichiamo se i tubi del troppo pieno sono delle giuste dimensioni, in caso contrario segniamo il pezzo in eccesso e tagliamolo con un seghetto. Al termine inseriamo il raccordo ad avvitare, la guarnizione, ed avvitiamolo alla piletta, dall’altro lato lo raccordiamo e portiano il punto terminale, al quale abbiamo inserito precedentemente la guarnizione, a combaciare con i fori di evacuazione del lavello, ci mettiamo in una posizione comoda e l’avvitiamo e dopo aver capovolto il lavello verifichiamo il risultato.

Piletta.

Ora inseriamo le staffe a morsa negli incastri presenti lungo tutto il perimetro del lavello, serviranno a fissarlo bene al top della cucina e schiacciare la guarnizione posizionata lungo il bordo, contro il top, in modo da evitare che sostanze liquide si possano infilare al di sotto.

Staffe fissaggio lavello.

Giriamo il lavello nella posizione di fissaggio e lo facciamo calzare bene nel foro del top, ora inseriamo i flessibili del miscelatore fine a poggiare quest’ultimo.

Ci spostiamo dal lato di sotto e con un cacciavite o un avvitatore avvitiamo tutte le staffe a morsa, nel farlo potremo notare come riescano a tirare il lavello verso il basso, accostandolo perfettamente al piano.
Inseriamo la guarnizione e successivamente la placca metallica all’interno delle barre filettate di fissaggio del miscelatore, avvitiamo i bulloni fino in fondo manualmente fino al massimo che possiamo stringere e completiamo il serraggio con una apposita chiave.

Avvitiamo i flessibili dell’acqua così come scendono dal miscelatore, normalmente, guardando frontalmente, sulla sinistra c’è il tubo dell’acqua calda ed a destra la fredda.

Terminiamo inserendo le guarnizioni nel raccordo ad avvitare, che inseriremo sul tubo di allungamento della piletta, e lo fissiamo, lo stesso faremo con l’altro raccordo e sifone che fisseremo al precedente e per terminare fare confluire nello scarico a muro utilizzando i raccordi appropriati per agevolare il suo percorso.

Scarico lavello.

Ultimiamo eseguendo una verifica dello scorrere dell’acqua e del funzionamento dello scarico, con relative verifiche per escludere la presenza di perdite.

 
Condividi su FacebookCondividi su TwitterCondividi su RedditCondividi su WhathsappCondividi tramite email
 

 
 
 
 
 
 
 

Non hai trovato cosa cercavi? Suggerisci, commenta o aggiungi qualcosa: compila il modulo.

supporto
 
 
Altri articoli che ti potrebbero interessarti:
 
 
Spazio trasparente.
Immagine rappresentativa articolo.

In un forno da incasso, oltre a trovare la ventola interna alla muffola, che ha la funzione di distribuire uniformemente il calore prodotto dalle resistenze, il suo funzionamento a seconda del modello di forno può essere abbinato ad una o più resistenze in funzione, possiamo trovare anche quella tangenziale.
 
 
Spazio trasparente.
Immagine rappresentativa articolo.

I piani cottura in vetroceramica possono essere dotati di diversi sistemi per generare calore, in questo articolo approfondiamo la tecnologia ad induzione.
 
 
Spazio trasparente.
Immagine rappresentativa articolo.

Negli ultimi anni la cucina a libera installazione ed anche i piani di cottura da incasso hanno subito un cambiamento per quanto riguarda la proposta dei fuochi a gas per la cottura.
 
 
Spazio trasparente.
Immagine rappresentativa articolo.

Abbiamo visto in un articolo precedente come procedere nell’installazione di una cappa filtrante a parete per cucina, ovvero il modello che si aggancia alla parete e nella parte superiore è presente una colonna o tubo puramente estetico.
 
 
Spazio trasparente.
Immagine rappresentativa articolo.

Un forno elettrico, come base, al suo interno dispone di una resistenza posta sul fondo ed una posta nella parte superiore. Esse a seconda delle impostazioni di cottura possono funzionare contemporaneamente oppure singolarmente. Di norma la cottura tradizionale esige il funzionamento contemporaneo, al fine di avere un calore uniforme, mentre il funzionamento singolo è impiegato per terminare la cottura o per pietanze particolari che necessitano di una cottura differenziata.
 
 
Spazio trasparente.
Immagine rappresentativa articolo.

La gamma di cucine Hotpoint Ariston con il catalogo per l’anno 2012 conta circa 16 modelli, che coprono diverse misure standard e nello specifico cucine con larghezza di 60 cm, 70 cm, 80 cm e 90 cm.
 
 
 
 
 
 
 

 
Linea
 
lineaPrivacy Policy lineaCookie Policy lineaDisclaimerlineacanale you tubelineaFan Page FacebooklineaCopiright.linea
Linea