Icona accesso.
 
 
Spazio trasparente.
Spazio trasparente.
 
 
 
 
 
 

Discesa di classe con la nuova etichetta energetica della lavatrice.

 
A partire da giorno 1 marzo del 2021 l’etichetta energetica di alcuni elettrodomestici, tra cui la lavatrice, cambia, viene introdotta una versione con delle modifiche.

Sebbene l’entrata in vigore è giorno 1 marzo 2021, ci sarà un lasso di tempo nel quale saranno disponibili entrambe le etichette, per dar tempo al consumatore di abituarsi alla nuova etichettatura e avere un termine di paragone ancora con la precedente.

Difatti, oltre ai cambiamenti nell’aspetto, l’introduzione di nuovi pittogrammi, si riscontreranno delle differenze, anche significative, della classe energetica. La riscalatura diffonderà le prestazioni energetiche su una scala più ampia dalla A alla G, fondamentalmente un ritorno al passato, che vede pertanto l’abolizione delle più (+) in aggiunta alla classe A, e quindi una più semplice identificazione e metodo ti paragone.

La nuova etichetta stabilisce dei nuovi standard del risparmio energetico, che nel corso del tempo, come già era avvenuto precedentemente, porteranno ad un ulteriore risparmio per il consumatore.

La riscalatura, come conseguenza immediatamente visibile sposterà molti prodotti, per via del nuovo metodo di calcolo, appartenenti alla classe A o superiori A+++, A++, A+, verso classi inferiori di parecchio. Questo non significa che l’elettrodomestico è diventato improvvisamente energivoro; non è cambiato nulla nello specifico delle sue prestazioni rispetto al giorno precedente all’entrata in vigore della nuova classe, pertanto non allarmiamoci e continuiamo a fare i nostri acquisti regolarmente.

Vediamo ora, attraverso un paragone della vecchia e della nuova Energy Label, come cambia la classe, ma che nella sostanza il consumo è il medesimo.

Energy Label lavatrice fino al 28 02 20 Energy Label lavatrice dal 01 03 21

Possiamo subito notare come una lavatrice in classe A+++, passi ad una nettamente inferiore, addirittura una E, ciononostante come dicevamo prima le prestazioni sono sempre uguali. Questo cambiamento è frutto di nuovi metodi di valutazione che vedono riformulati gli intervalli, i range delle varie classi, e conseguentemente l’appartenenza ad una, piuttosto che ad un’altra, sulla base del calcolo di un indice di efficienza energetica (IEE).

Di seguito la tabella relativa all’IEE, utilizzato con la vecchia etichetta:

IEE lavatrice fino al 280220

Questa la nuova tabella dell’IEE utilizzato come base per l’identificazione della classe energetica per l’Energy Label che decorre da giorno 01 marzo 2021:

IEE lavatrice dal 010321

Dal confronto si evincono gli intervalli, che anche se in alcuni casi si discostano di poco dalla precedente, ricordiamo che il metodo di calcolo, sul quale non ci soffermiamo in quanto molto complesso, è differente, pertanto genera un posizionamento della classe che può discostarsi di più classi.

Quello che invece ci interessa e che vogliamo puntualizzare è il dato del consumo che resta invariato ed è quello su cui è necessario focalizzarsi per una valutazione consapevole. Nella prima Energy Label il consumo è di 173  kWh per 220 cicli di lavaggio, quindi possiamo stabilire che è di 0,786 kWh per ciclo. Nella seconda Energy Label è di 78 kWh per 100 cicli di lavaggio, pertanto di 0,78 kWh per ciclo di lavaggio. Anche qui ci sarebbe da dire che per quanto simile il consumo è leggermente diverso, ma ancora, questo, è frutto di una base di calcolo, diversa, ma in linea di massima che resta in linea con la precedente.

 

 
 
 
 
 
 

Se non hai trovato quello che cercavi, se vuoi suggerire, commentare o aggiungere qualcosa compila il modulo.

supporto
 
 
Altri articoli che ti potrebbero interessarti:
 
 
Spazio trasparente.
Immagine rappresentativa articolo.

Abbiamo parlato di come deve essere installata una lavatrice, ovvero le fase riguardanti l’eliminazione dei blocchi e di come debba essere posizionata e livellata. Trascurando tuttavia un parte fondamentale dell’installazione: il posizionamento del tubo di scarico.
 
 
Spazio trasparente.
Immagine rappresentativa articolo.

Capita molto spesso che trascorso qualche anno di vita, ma la condizione si può concretizzare anche prima, la lavatrice emetta del cattivo odore. Ci riferiamo in modo specifico a quello generato dai residui di lavaggio e non a quello causato da surriscaldamento o bruciature di componenti, per le quali è opportuno verificare le cause scatenanti, che possono essere differenti da caso a caso.
 
 
Spazio trasparente.
Immagine rappresentativa articolo.

Come ben noto la lavatrice è dotata di un filtro attraverso il quale l’acqua di scarico del lavaggio, passa prima di essere eliminata completamente attraverso il tubo di condotta, raccordato ad una conduttura a muro o dove non esistente agganciato con il collo d’oca al lavabo o altro.
 
 
Spazio trasparente.
Immagine rappresentativa articolo.

Quando impostiamo un ciclo di lavaggio in una lavatrice è necessario inserire il detersivo e l’ammorbidente nei rispettivi scomparti, come descritto nella guida pratica per l’utilizzo.
 
 
Spazio trasparente.
Immagine rappresentativa articolo.

Appena si accende la lavatrice o durante il suo funzionamento improvvisamente il salvavita scatta, staccando la corrente elettrica. È una condizione che non si verifica spesso, ma è una circostanza che comunque si riscontra e ci impedisce di utilizzare la lavatrice e le altre apparecchiature elettriche della casa, se non stacchiamo la sua spina.
 
 
Spazio trasparente.
Immagine rappresentativa articolo.

Abbiamo visto nell’articolo “gruppo vasca lavatrice rotta” come intervenire per il recupero della lavatrice, vediamo ora come procedere e come capire su quali modelli di lavatrice possiamo sostituire i cuscinetti.
 
 
 
 
 
 
 

 
Linea
 
lineaPrivacy Policy lineaCookie Policy lineaPreferenzelineaDisclaimerlineacanale you tubelineaFan Page FacebooklineaCopiright.lineaiubendalinea
Linea