Icona accesso.
 
 
 
 
 
 

Come verificare se la resistenza della lavastoviglie è funzionante.

Per stabilire se la resistenza di riscaldamento dell’acqua della lavastoviglie è funzionante è necessario eseguire un test per verificare se c’è continuità ohmica. Per eseguire tale controllo è necessario essere in possesso di un tester. La prova può essere eseguita direttamente sulla resistenza montata sulla lavastoviglie senza la necessità di doverla smontare.

Per chi non è in possesso di un multimetro, la verifica può essere eseguita in modo empirico. In questo caso è necessario smontare la resistenza ed utilizzare un cavetto di alimentazione elettrica, appositamente strutturato. La prova viene eseguita con la corrente elettrica (220 v), pertanto da evitare se non si ha praticità con la corrente e lasciar fare la verifica a personale qualificato, in quanto si può rimanere fulminati.

Prima di scoprire come procedere, dobbiamo raggiungere la resistenza, che nella lavastoviglie, fatta eccezione per i vecchi modelli nei quali si trovava all’interno della vasca, per i modelli attuali, si trova al di sotto di essa.

Dopo aver staccato l’alimentazione elettrica ed anche quella idrica, possiamo piegare la lavastoviglie sul retro e, svitare le viti, che fissano nella parte sottostante, una lamiera o un pannello che funge da vasca di raccolta dell’acqua in caso di perdita (non presente su tutti i modelli). Per toglierlo potrebbe essere necessario a seconda del modello, svitare le viti dello zoccolo o altro; ad ogni modo è essenziale rimuovere tutto ciò che è presente al fine di poter avere piena visione e la possibilità di lavorare in questa zona dove sono presenti tutti i componenti, tra cui la resistenza.

La resistenza di riscaldamento è racchiusa in un tubo. Si presenta come un cilindro, che al sui interno ha un altro cilindro, un tubo, che è inserito nella mandata della pompa di lavaggio da una parte ed al condotto che manda l’acqua agli irroratori dall’altro lato. Le due estremità si infilano in degli innesti o manicotti, ed ad essi fissate con delle fascette stringi tubo a clip.

resistenza

Per eseguire la verifica è necessario che stacchiamo il filo di alimentazione della resistenza, che può essere formato semplicemente due innesti faston femmina, infilati negli equivalenti maschi sull’inserto, oppure da uno spinotto. Togliamo anche il faston della messa a terra (filo giallo/verde). Siamo pronti per eseguire la misurazione.

Accendiamo il tester e posizioniamo il selettore sui 200 Ohm (Ω) e posizioniamo i suoi puntali rispettivamente su uno e sull’altro faston o pin, di ingresso. Non dobbiamo farli urtare mentre eseguiamo la verifica. Possiamo eseguire la misurazione anche invertendo i puntali di posizione, ma sempre senza farli urtare. Il rilevamento del dato ci indica se la resistenza va bene oppure no.

Test funzionamento resistenza lavastoviglie.

Una resistenza funzionante ha approssimativamente un valore introno ai 25 Ohm (Ω). Il valore può essere diverso in base alle specifiche tecniche del modello di resistenza, ce ne sono da 24,5 Ω, 25 Ω, 26,1 Ω ed altre. Il dato viene indicato sulla sua specifica scheda tecnica ed è un valore che viene indicato per una temperatura di misurazione di 20°C. Nel rilevamento, pertanto, ci potranno essere delle leggere differenze, ma se siamo approssimativamente intorno al valore dei 25 Ω il valore è in linea.

La resistenza di riscaldamento, che lavora con una tensione di 220/230 V ed una frequenza di 50 Hz, dispone anche di un termostato di sicurezza, che si antepone all’invio della corrente ai due poli della resistenza. Normalmente il suo contatto è chiuso, pertanto lascia passare la corrente, entra in funzione aprendo il contatto ed interrompendo il passaggio elettrico, solo nel momento in cui riscontra un riscaldamento eccessivo, oltre gli 85°C.

La misurazione con il tester, può essere presa anche sui due punti del termostato di sicurezza che deve restituire il medesimo valore, quello riscontrato in precedenza, ovvero quello intorno ai 25 (Ω).

Anche se da questi controlli la resistenza risulta essere funzionante, ci potrebbe essere una dispersione, che possiamo misurare sempre col tester, del quale dovremo spostare il selettore sul buzzer (cicalino). Per questo controllo dobbiamo posizionare un puntale sul faston di terra o sulla carcassa esterna della resistenza e l’altro su uno e/o l’altro dei due faston di ingresso. Non dobbiamo riscontrare continuità, il display deve rimanere su 1 o su 0 (zero) a seconda del tipo di multimetro che stiamo utilizzando ed ovviamente nessun cicalino.Verifica dispersione resistenza lavastoviglie.

Eseguiti queste verifiche con esito positivo possiamo stabilire che la resistenza è funzionante, oppure no, anche se vi è da dire, che una dispersione si potrebbe verificare solo a temperature elevate, pertanto nel momento in cui la resistenza è in funzione.
 
Condividi su FacebookCondividi su TwitterCondividi su RedditCondividi su WhathsappCondividi tramite email
 

 
 
 
 
 
 
 

Non hai trovato cosa cercavi? Suggerisci, commenta o aggiungi qualcosa: compila il modulo.

supporto
 
 
Altri articoli che ti potrebbero interessarti:
 
 
Spazio trasparente.
Immagine rappresentativa articolo.

Ovviamente il tema di questo articolo è comprendere cosa non sta funzionando quando siamo in presenza di una lavastoviglie che non carica acqua, ma al fine di poter eseguire una autodiagnosi corretta è fondamentale stabilire il momento in cui normalmente dovrebbe avvenire il carico dell'acqua. Una precisazione, che potrebbe definirsi quasi scontata, ma in realtà non lo è! Se ti chiedessi quando avviene il carico dell'acqua? La risposta potrebbe essere: prima del lavaggio!
 
 
Spazio trasparente.
Immagine rappresentativa articolo.

Se si è in possesso di una vecchia lavastoviglie, che magari continua a funzionare e quindi non vogliamo cambiarla per evitare di effettuare una nuova spesa, è opportuno sapere che in realtà quello che non andiamo a spendere subito, lo pagheremo nel corso del suo utilizzo durante pochi anni.
 
 
Spazio trasparente.
Immagine rappresentativa articolo.

Una condizione che si può riscontrare in una lavastoviglie è quella relativa alla mancata accensione. Può succedere anche appena comprata, anche se è molto raro, più spesso con il trascorre del tempo.
 
 
Spazio trasparente.
Immagine rappresentativa articolo.

Abbiamo analizzato in un articolo precedente le cause che possono provocare il fermo del ciclo di lavaggio in una lavastoviglie immediatamente dopo il carico dell’acqua nella vasca.
 
 
Spazio trasparente.
Immagine rappresentativa articolo.

Potrebbe capitare che al termine di un ciclo di lavaggio o in altri momenti in cui entra in funzione la pompa di scarico, nella lavastoviglie, di sentirla funzionare ma di non ravvisare lo scarico. Se la pompa di scarico si attiva, però non avviene lo scarico, è necessario eseguire alcuni controlli. Vediamo quali!
 
 
Spazio trasparente.
Immagine rappresentativa articolo.

La rumorosità della lavastoviglie è deducibile in fase di scelta dalle indicazioni riportate sull’energy label, che ne indica chiaramente i decibel db(a) prodotti in fase di lavaggio. Pertanto se vogliamo un modello silenzioso poniamo particolare attenzione a questo dato.
 
 
 
 
 
 
 

 
Linea
 
lineaPrivacy Policy lineaCookie Policy lineaDisclaimerlineacanale you tubelineaFan Page FacebooklineaCopiright.linea
Linea