Icona accesso.
 
 
 
 
 
 

Quanto consuma in un’ora una stufa elettrica.

La stufa elettrica è certamente uno dei prodotti più utilizzati per riscaldare quegli ambienti domestici che non sono dotati di un riscaldamento primario. Sono le più usate in quanto costano relativamente meno rispetto a prodotti alimentati a gas, combustibili o altro e soprattutto, sono quelle più comode da usare.

Una stufa elettrica per funzionare necessita esclusivamente della corrente, non necessita di installazione, basta semplicemente infilare la spina nella presa ed inizia a riscaldare.

In commercio esistono diversi tipologie di stufe, che possiedono delle forme diverse ed in funzione della loro forma e struttura diffondere il calore differentemente, pertanto in base alle necessità è necessario orientarsi sul prodotto che meglio si addice alle specifiche del caso.

Vediamo ora invece quanto consuma la stufa elettrica, facendo una distinzione tra le varia tipologie, ovvero: la stufa al quarzo, la stufa alogena, il termoconvettore, il convettore, il termoventilatore, il termoventilatore ceramico, la stufa oscillante al carbonio, il radiatore ad olio.

Eseguiremo un calcolo basandoci sulla potenza massima della stufa e stabilendo un costo del Kw/h, comprensivo di tutte le spese, di 25 centesimi di euro. Valuteremo il consumo per 1 ora di funzionamento.

La stufa al quarzo (1200 watt) ha un consumo di 30 centesimi di euro per ora di funzionamento.
La stufa alogena (1200 watt) ha un consumo di 30 centesimi di euro per ora di funzionamento.
Il termoconvettore (2000 watt) ha un consumo di 50 centesimi di euro per ora di funzionamento.
Il convettore (2000 watt)  ha un consumo di 50 centesimi di euro per ora di funzionamento.
Il termoventilatore (2000 watt)  ha un consumo di 50 centesimi di euro per ora di funzionamento.
Il termoventilatore ceramico (2000 watt) ha un consumo di 50 centesimi di euro per ora di funzionamento.
La stufa oscillante al carbonio (1000 watt) ha un consumo di 25 centesimi di euro per ora di funzionamento.
Il radiatore ad olio (2000 watt) ha un consumo di 50 centesimi di euro per ora di funzionamento.

I prodotti che abbiamo preso in considerazione tuttavia possono essere disponibili con delle potenze diverse, ad esempio ci sono termoventilatori da 2400 watt o stufe al quarzo anche di 400 watt o in generale delle potenze intermedie a quelle indicate.

A tal fine per poter eseguire un’ampia valutazione dei consumi ma anche dare la possibilità di valutarlo in funzione di un impiego di potenza inferiore rispetto a quella massima posseduta, possiamo utilizzare un calcolatore automatico, che consentirà di elaborare consumi differenti in funzione anche di un costo del kw/h diverso. Possiamo anche valutare il consumo per più giorni.

 
Quanto consuma la stufa elettrica:
 
 
 
 
 
 
 
Condividi su FacebookCondividi su TwitterCondividi su RedditCondividi su WhathsappCondividi tramite email
 

 
 
 
 
 
 
 

Non hai trovato cosa cercavi? Suggerisci, commenta o aggiungi qualcosa: compila il modulo.

supporto
 
 
Altri articoli che ti potrebbero interessarti:
 
 
Spazio trasparente.
Immagine rappresentativa articolo.

Quando arriva l’estate, come se non bastasse dover fare i conti con il caldo e l’umidità, bisogna combattere le zanzare. Si tratta di una vera e propria lotta, le notti diventano teatro di battaglia contro il fastidiosissimo insetto, che disturba il nostro sonno con il suo insopportabile ronzio e le punture subite ci provocano un prurito irrefrenabile.
 
 
Spazio trasparente.
Immagine rappresentativa articolo.

La stufa alogena si è diffusa, in modo molto forte, con una presenza ed un assortimento molto ampio nei negozi, intorno all’anno 2005. La sua capacità di inserirsi e di vantare una elevata richiesta da parte del consumatore, è da ricondursi alla sua fama di consumare poca energia elettrica ed anche al costo contenuto, si possono trovare modelli intorno alle 10,00 euro.
 
 
Spazio trasparente.
Immagine rappresentativa articolo.

La stufa elettrica è certamente uno dei prodotti più utilizzati per riscaldare quegli ambienti domestici che non sono dotati di un riscaldamento primario. Sono le più usate in quanto costano relativamente meno rispetto a prodotti alimentati a gas, combustibili o altro e soprattutto, sono quelle più comode da usare.
 
 
Spazio trasparente.
Immagine rappresentativa articolo.

Per chi in casa non possiede una caldaia per la produzione di acqua calda igienico-sanitaria, la soluzione per averla è quella dell’impiego di uno scaldabagno, che fino a poco tempo fa, si indirizzava esclusivamente verso il classico con funzionamento elettrico, passando attraverso l’individuazione della capacità in relazione alle esigenze familiari, ma oggi ci si può indirizzare all’acquisto di uno scaldabagno in pompa di calore.
 
 
Spazio trasparente.
Immagine rappresentativa articolo.

Il termoventilatore è composto di una di una resistenza elettrica e da una ventola, che ha la funzione di propagare il calore. Generalmente viene identificato come termoventilatore la stufetta di piccole dimensioni, solitamente con una forma cilindrica o una forma simile ad una palla, destinata a riscaldare piccoli ambienti o il bagno.
 
 
Spazio trasparente.
Immagine rappresentativa articolo.

Uno dei difetti che più comunemente si manifesta nel convettore e nel termoconvettore elettrico, è quello relativo al mancato riscaldamento, totale o parziale. Nella gestione della potenza (750/1250/2000 watt) dispone di due pulsanti, che consentono di regolarla ad un livello minimo, uno medio ed uno massimo, rispettivamente premendone uno, l’altro o entrambi contemporaneamente.
 
 
 
 
 
 
 

 
Linea
 
lineaPrivacy Policy lineaCookie Policy lineaDisclaimerlineacanale you tubelineaFan Page FacebooklineaCopiright.linea
Linea