Spazio trasparente.
 
Una delle stufe elettriche più diffuse sul mercato il termoconvettore, funzionamento e prestazioni.
 
Foto articolo.
Uno delle stufe più diffuse per il riscaldamento elettrico è il termoconvettore, è composto da un telaio in lamiera, che può variare come consistenza in base al produttore, all’interno del quale è posizionata una resistenza elettrica. In alcuni modelli al suo interno c’è una ventola, che spinge l’aria verso l’esterno, in questo caso può essere chiamato termoventilatore.

Il telaio che assume la forma di un parallelepipedo rettangolo, è aperto nella parte superiore, dalla quale fuoriesce l’aria calda, e dalla parte inferiore.

Al suo interno ci sono i pochi elementi essenziali al suo funzionamento, ovvero la resistenza elettrica, solitamente da 2000 watt (in alcuni casi è di 2400 watt), una ventola, l’apparato comandi, che è agganciato al telaio lateralmente e si estende al di fuori con i pulsanti necessari per l’impostazione del funzionamento. Chiaramente i vari elementi interni sono collegati con i fili elettrici che conduco la corrente e ne consentono il funzionamento.

In commercio si trovano diversi modelli, di differenti produttori, ognuno dei quali ha caratteristiche di base uguali, e non si differenziano l’uno dall’altro se non per una forma leggermente diversa, in alcuni casi leggermente più grande, in altri più bombata, in altri ancora con degli intagli al telaio, anche se in linea di massima sono tutti molto simili.

Ci sono tuttavia dei modelli che propongono delle caratteristiche che generano una differenza di qualità, ma prima di analizzare questi modelli, vediamo quali sono le prestazioni di base che appartengono a tutti i termoconvettori.

Esternamente troviamo il quadro comandi sul quale ci sono, a seconda del modello due manopole o due pulsanti ed una manopola. La prima manopola o i due pulsanti,  regolano la potenza di funzionamento, ci sono tre posizioni sulle quali si può impostare la potenza: 750/1250/2000 watt.

Nel caso in cui c’è la manopola è indicata la posizione sulla quale bisogna orientarla per impostare la potenza, con dei riferimenti identificativi come un pallino, due pallini, tre pallini, o una lineetta, due lineette, tre lineette. Nel caso dei pulsanti, sul primo c’è una lineetta mentre sul secondo ce ne sono due, schiacciando il primo si ha la forza minima, con solo il secondo la media, con tutti e due si ha la somma di 750 + 1250 per un totale di 2000 watt.

La seconda manopola, termostato, ha invece la funzione di regolare la temperatura, la sua posizione corrisponde ad una gradazione, raggiunta la quale la stufa si spegne.

Su alcuni modelli di termoconvettori può esserci anche il timer, un utile strumento che consente di impostare l’accensione e lo spegnimento automatico. Ha la forma di un orologio con tanti piccoli pioli con i quali si possono impostare più fasi di accensioni e di spegnimenti che possono ripetersi per un periodo di tempo illimitato.

La stufa riesce a riscaldare approssimativamente ambienti di circa 60 metri cubi ed il suo consumo è variabile in base alla potenza di posizionamento fino ad un massimo di 2 kwh o 2,4 kwh nel caso del modello di 2400 watt.

I modelli dotati di ventilazione possono essere di due tipi, con ventilazione separata o abbinata. Nei termoventilatori con funzione separata un pulsante ne attiva il funzionamento, negli altri modelli parte automaticamente all’accensione. La ventola contribuisce a diffondere il calore più velocemente nell'ambiente.

Per concludere ci soffermiamo su quelle che sono i plus in più che propongono alcuni modelli. Primo fra tutti è la robustezza, confrontandoli si può notare come lo spessore e la resistenza della lamiera nei modelli più costosi è più consistente. Altri modelli impiegano un sistema di doppia ventilazione separata, per migliorare ed aumentare la diffusione del calore. Altri modelli al loro interno impiegano una “bacchetta” contenente dell’olio che si riscalda con il calore dal quale è attraversata, contribuendo a mantenere maggiormente il caldo.

articoli sul tema:
 
 
Spazio trasparente.
La scelta del prodotto più indicato per riscaldare un ambiente domestico, diventa molte volte abbastanza complicato, in quanto, oltre al prezzo, ci sono molte altre variabili da tenere in considerazione.

Pubblicato:
sabato 18 febbraio 2012
 
 
Spazio trasparente.
Se parliamo di stufa elettrica non può certo mancare la stufa al quarzo, una delle prime stufe ad essere utilizzate per il riscaldamento domestico secondario.

Pubblicato:
mercoledì 10 novembre 2010
 
 
Spazio trasparente.
A volte capita, è una condizione che si ripete spesso, di riportare il termoventilatore appena comprato in negozio, denunciando il difetto di non funzionamento. In realtà, nella quasi totalità dei casi, è perfettamente funzionante, deve solo essere impostato il timer in modo corretto.

Pubblicato:
mercoledì 28 settembre 2011
 
 
Spazio trasparente.
La stufa alogena si è diffusa, in modo molto forte, con una presenza ed un assortimento molto ampio nei negozi, intorno all’anno 2005. La sua capacità di inserirsi e di vantare una elevata richiesta da parte del consumatore, è da ricondursi alla sua fama di consumare poca energia elettrica ed anche al costo contenuto, si possono trovare modelli intorno alle 10,00 euro.

Pubblicato:
sabato 11 dicembre 2010
 
 
Spazio trasparente.
Il termoventilatore è composto di una di una resistenza elettrica e da una ventola, che ha la funzione di propagare il calore. Generalmente viene identificato come termoventilatore la stufetta di piccole dimensioni, solitamente con una forma cilindrica o una forma simile ad una palla, destinata a riscaldare piccoli ambienti o il bagno.

Pubblicato:
sabato 11 dicembre 2010
 
 
Spazio trasparente.
Nel panorama vasto e variegato del riscaldamento elettrico il radiatore rimane un articolo sempre molto richiesto e diffuso.

Pubblicato:
venerdì 7 ottobre 2011
 
 
Spazio trasparente.
Una delle stufe più diffuse per il riscaldamento elettrico è il termoconvettore, è composto da un telaio in lamiera, che può variare come consistenza in base al produttore, all’interno del quale è posizionata una resistenza elettrica. In alcuni modelli al suo interno c’è una ventola, che spinge l’aria verso l’esterno, in questo caso può essere chiamato termoventilatore.

Pubblicato:
mercoledì 10 novembre 2010
 
 
Spazio trasparente.
Nelle varianti con funzionamento manuale o elettronico sono molto diffuse nei negozi, proponendo una vastità di modelli, caratteristiche e superfici riscaldate. Le case produttrici commercializzano il carburante, derivato del petrolio, necessario al loro funzionamento.

Pubblicato:
sabato 11 dicembre 2010
 
 
 
 
Linea
 
lineaPrivacylineaDisclaimerlineaContattacilineaGoogle PublisherlineaFan Page FacebooklineaCopiright.lineaiubendalinea
Linea
 
Torna su