Consumo scaldabagno elettrico, funzionamento, come sceglierlo e risparmiare usandolo

di Antonello Careri - pubblicato il 02/02/2023
A tanti sarà capitato di dover accendere lo scaldabagno elettrico ed avere la sensazione di stare consumando un sacco di energia! Riscaldare l'acqua è necessario, non se ne può fare a meno! Ma la sensazione è tale o consuma veramente? Insomma quanto consuma uno scaldabagno? E poi è diverso il consumo in base alla sua capienza? Ed infine come è fatto e come funziona lo scaldabagno?  In questo articolo spiegheremo tutti questi aspetti ma anche come stabilire quale è la capienza giusta in base alle esigenze e scopriremo qual è realmente il consumo sia in watt che in euro!
consumo scaldabagno elettrico
Tempo di lettura: 13 minuti
Cosa trovi in questo articolo

Quanto consuma uno scaldabagno elettrico

Energy label consumi scaldabagno

Come è fatto e come funziona lo scaldabagno elettrico

Conviene tenere lo scaldabagno sempre acceso?

Come scegliere lo scaldabagno elettrico

Domande poste dai consumatori

Commenti per chiedere informazioni


Quanto consuma uno scaldabagno elettrico

Il consumo di uno scaldabagno elettrico per la produzione di acqua calda per una famiglia di tre persone, è stimato in 1550 Kwh all'anno, ma quanto consuma un boiler elettrico dipende da diversi fattori, ad esempio dalla sua capacità, da quanto viene tenuto in funzione, dal modello specifico ed anche dalla temperatura dell'acqua. Prima di acquistarlo possiamo sapere qual è il consumo esatto o anche approssimativo? Certo, possiamo stabilire il consumo in due modi diversi, il primo consultando la scheda tecnica ed il secondo l'energy label sulla quale viene riportato chiaramente. In entrambi i casi i dati dichiarati devono essere soggetti ad alcune considerazioni che faremo trattando questi due aspetti.

Iniziamo riportando in delle tabelle i dati rilevati dal confronto di più modelli di scaldabagno. Consideriamo la potenza in Kw (resistenza), l'assorbimento in watt e il costo in euro per un'ora di funzionamento basato sul costo del kwh di 0,40 centesimi. La potenza varia tra 1,2 kw e 1,5 kw, ma alcuni modelli possono raggiungere i 2 kw. Si consiglia di verificare la scheda tecnica prima dell'acquisto o di inviarci i dettagli tramite i commenti per verificare i consumi effettivi.

Consumi boiler elettrico secondo i dati tecnici

Nella prima tabella consideriamo il consumo di uno scaldabagno da 10 litri, considerato anche istantaneo, che è il più piccolo della categoria. Viene comunemente utilizzato per riscaldare l'acqua per lavare i piatti in cucina e viene identificato con il nome di scaldabagno sotto o sopra lavello in base alla posizione degli attacchi dell'acqua. Nel primo caso sopra e nel secondo sotto la struttura del mini boiler. A prescindere dalla più comune finalità, può essere utilizzato in qualsiasi altro contesto.

Consumo scaldabagno elettrico 10 litri
Potenza Kw Consumo Watt h Consumo euro h
1,2 1200 0,48

I modelli da 15 litri hanno la medesima finalità di quelli da 10 e sono commercializzati nella versione sopra e sotto lavello.

Consumo scaldabagno elettrico 15 litri
Potenza Kw Consumo Watt h Consumo euro h
1,2 1200 0,48

Il 30 litri commercializzato nella linea sopra lavello, ha la medesima finalità dei due precedenti, ma grazie alla maggiore capienza può risultare una soluzione valida anche per la doccia, anche se con delle limitazioni che dopo vedremo.

Consumo scaldabagno elettrico 30 litri
Potenza Kw Consumo Watt h Consumo euro h
1,5 1500 0,60

Lo scaldabagno da 50 litri è uno dei più usati e commercializzati e può essere usato in generale per qualsiasi finalità di acqua calda in casa.

Consumo scaldabagno elettrico 50 litri
Potenza Kw Consumo Watt h Consumo euro h
1,2 1200 0,48
1,5 1500 0,60

Per uno scaldabagno da 80 litri teoricamente il consumo non cambia, intendendo per esso l'assorbimento, ma vedremo dopo cosa significa.

Consumo scaldabagno elettrico 80 litri
Potenza Kw Consumo Watt h Consumo euro h
1,2 1200 0,48
1,5 1500 0,60

Gli scaldabagni da 100 litri hanno un consumo di 1500 watt per ora di funzionamento.

Consumo scaldabagno elettrico 100 litri
Potenza Kw Consumo Watt h Consumo euro h
1,5 1500 0,60

Da quanto si potrebbe dedurre dalle tabelle, il consumo di un boliler da 10 litri potrebbe sembrare uguale a quello di uno da 50 litri, mentre quello da 30 litri uguale al consumo di un modello da 80 litri o 100 litri. In realtà non è affatto in questo modo! Il consumo fin ora visto, si riferisce ad un'ora di funzionamento, durante la quale la resistenza resta attiva per tutto il tempo. In base alla grandezza dello scaldabagno, il tempo per riscaldare l'acqua e portarla a 45°C è diverso e determina un consumo differente. Nella scheda tecnica si trova un riferimento al tempo di riscaldamento che ad esempio in un 10 litri si aggira intorno a 30 minuti, mentre in un 50 litri supera le 2 ore ed in un 80 e 100 litri, le 3 ore. Vuoi sapere quanto impiega lo scaldabagno a riscaldare? Vediamolo con i dati sotto riportati!

Media tempo riscaldamento scaldabagno
Litri Tempo
10 litri 30 minuti
15 litri 45 minuti
30 litri 1 ora e 10 minuti
50 litri 2 ore e 10 minuti
80 litri 3 ore e 10 minuti
100 litri 3 ore e 40 minuti

I dati si riferiscono al tempo medio, che può variare di pochi minuti a seconda del modello e delle sue funzionalità (ad esempio, modelli che ottimizzano il consumo potrebbero aumentare il tempo di funzionamento di pochi minuti, mentre modelli con funzioni particolari potrebbero ridurlo). Questi tempi sono basati sulla temperatura standard dell'acqua in ingresso e sulla temperatura ambiente. Tuttavia, queste condizioni possono influire significativamente sul tempo di riscaldamento, ad esempio durante l'estate, quando le temperature dell'acqua e dell'ambiente sono più alte, ci vorrà molto meno tempo di quanto prevedono le indicazioni medie.

Considerando queste variabili, il consumo di uno scaldabagno da 10 litri che necessita di 30 minuti per riscaldare l'acqua, è inferiore a quello indicato nella relativa tabella e potrebbe ulteriormente diminuire in caso di utilizzo estivo. Ora ti starai chiedendo: quanto consuma uno scaldabagno elettrico da 30 litri? E quanto uno da 50 litri o da 80 litri? Per rispondere a questa domanda, abbiamo sviluppato un modulo di calcolo automatico dei consumi, che tiene conto della variabilità del costo del kwh. Per eseguire il calcolo è necessario indicare nei relativi campi il costo per Kwh del proprio piano tariffario ed il tempo in minuti che lo scaldabagno impiega per riscaldare l'acqua. Questo dato è indicato sulla scheda tecnica di ogni modello, in assenza si può fare riferimento alla tabella che si trova sopra. Nel caso in cui nell'utilizzo quotidiano si stabilisce che il tempo ch eimpiega ad riscaldare, si può usare il modulo per stabilre quale sia stato il consumo per quel tempo. Ad esempio se in estate un 50 litri riscalda in 15 minuti, si pososno usare tali dati per calcolare il consumo in euro.

Calcola consumo scaldabagno in base a potenza e tempo


Boiler elettrico consumi secondo l'energy label

Il secondo modo per stabilire il consumo dello scaldabagno è leggere il dato riportato sull'energy label che indica quale è il consumo annuale, considerando che resti acceso per tutto l'anno. In questa tabella sono riportati i consumi dichiarati per le relative categorie.

Consumi scaldabagno elettrico annuo
Tipo Classe A Classe B € classe
10 Litri 519 Kwh 561 Kwh 207,60 - 224,40
15 Litri 522 Kwh 558 Kwh 208,80 - 223,20
30 Litri Classe C 552 Kwh 220,80
50 Litri   1250 - 1316  Kwh 500,00 - 526,40
80 Litri   1250 - 1316  Kwh 500,00 - 526,40
100 Litri   1250 - 1316  Kwh 500,00 - 526,40

Energy label consumi scaldabagno

Come è avvenuto per altri elettrodomestici anche per lo scaldabagno elettrico la legge impone che ogni modello sia correlato della relativa etichettatura energetica. Il regolamento prevede l'obbligo per il produttore di corredare ogni apparecchio messo in commercio della sua etichetta, che deve essere stampata per gli scaldacqua a pompa di calore sull’imballaggio, mentre per gli scaldacqua destinati all’utilizzo d’insieme ne deve essere presente una seconda su ogni elemento, ed obbliga il rivenditore ad esporre tale etichetta su ogni singolo prodotto in modo che inequivocabilmente possa ad esso essere associata. Ogni scaldacqua deve essere munito della scheda di prodotto.

Gli scaldabagno si distinguono in modelli convenzionali, solari, a pompa di calore, serbatoi per l’acqua calda ed infine gli insieme di scaldacqua e dispositivi solari. Per ognuna di queste tipologie c’è una specifica etichettatura energetica che propone una scala che va dalla A+ alla F per tutti, fatta eccezione per gli insieme di scaldacqua e dispositivi solari che prevedono una scala dalla A+++ alla G. Vediamo ora nel dettaglio come è formata e come leggere i dati riportati sull’energy label dello scaldabagno.

Scaldabagno elettrico classico

Energy label scaldabagno

Il primo dato in alto è la marca ed il modello dello scaldabagno a cui fa riferimento. La classe di efficienza energetica è indicata con una freccia nera con la punta orientata verso la tabella arcobaleno in corrispondenza della relativa classe di efficienza.

Funzione scaldacqua
Indica che siamo in presenza di un apparecchio che ha la funzione di riscaldare l’acqua e che il suo profilo di carico (basato su una frequenza di aspirazione di acqua) è L (i profili di carico sono XXS, XS, S, M, L, XL, XXL).Rumorosità scaldacqua
Indica la rumorosità all'interno, in dB, arrotondato alla cifra intera più vicina.
Temporizzatore scaldacqua
Si tratta di un simbolo aggiuntivo inserito quando lo scaldabagno è in grado di funzionare durante le ore morte.
Consumo scaldacqua
Consumo annuo di elettricità indicato in kWh in e/o il consumo annuo di combustibile in GJ in termini di GCV, arrotondato alla cifra intera più vicina.

Scaldabagni solari

Energy label scaldabagno solare

Il primo dato in alto è la marca ed il modello dello scaldabagno a cui fa riferimento. La classe di efficienza energetica è indicata con una freccia nera con la punta orientata verso la tabella arcobaleno in corrispondenza della relativa classe di efficienza.

Funzione scaldacqua
Indica che siamo in presenza di un apparecchio che ha la funzione di riscaldare l’acqua e che il suo profilo di carico (basato su una frequenza di aspirazione di acqua) è L (i profili di carico sono XXS, XS, S, M, L, XL, XXL).
Rumorosità scaldacqua
Indica la rumorosità all'interno, in dB, arrotondato alla cifra intera più vicina.
Consumo scaldacqua e mappa europea irraggiamento solare
Indica il consumo annuale di elettricità in kWh o di combustibile in GJ in termini di GCV arrotondati alla cifra intera più vicina. La mappa indica tre zone di irraggiamento solare con tre colorazione di diversa tonalità di blu, e per ognuna il consumo.

Scaldacqua pompa di calore

Energy label scaldacqua pompa di calore

In buona sostanza riprende le stesse informazioni della precedente energy label, fatta eccezione per la rumorosità che viene indicata anche per l’esterno essendo questo munito della pompa di calore.

Funzione scaldacqua
Indica che siamo in presenza di un apparecchio che ha la funzione di riscaldare l’acqua e che il suo profilo di carico (basato su una frequenza di aspirazione di acqua) è L (i profili di carico sono XXS, XS, S, M, L, XL, XXL).
Rumorosità scaldacqua
Indica la rumorosità all'interno ed all'esterno, in dB, arrotondato alla cifra intera più vicina.
Temporizzatore scaldacqua
Indica che è in grado di funzionare durante le ore morte.

Serbatoi d’acqua

Energy label serbatoi di acqua

Partendo dall’alto al punto I e II troviamo indicati la marca del fornitore ed a seguire il modello.
Funzione serbatoio
Indica che siamo in presenza di un apparecchio per contenere l’acqua serbatoio.
Dispersione in watt
Indica la dispersione in watt.
Volume in litri
Indica il volume in litri del serbatoio, arrotondato alla cifre intera più vicina.

Insiemi di scaldacqua e dispositivi solari

Energy label insiemi di scaldacqua e dispositivi solari

Il primo dato in alto è la marca ed il modello dello scaldabagno a cui fa riferimento. La classe di efficienza energetica è indicata con una freccia nera con la punta orientata verso la tabella arcobaleno in corrispondenza della relativa classe di efficienza.

Funzione scaldacqua
Indica che siamo in presenza di un apparecchio che ha la funzione di riscaldare l’acqua e che il suo profilo di carico (basato su una frequenza di aspirazione di acqua) è L (i profili di carico sono XXS, XS, S, M, L, XL, XXL).
Classe energetica scaldabagno
Indica la classe di efficienza energetica dello scaldabagno.
Combinazione collettore solare e serbatoio
Indica se un collettore solare e un serbatoio per l’acqua calda possano essere compresi nell’insieme di scaldacqua e dispositivi solari.
Classe di efficienza energetica
La classe di efficienza energetica di riscaldamento dell'acqua, riferita all’insieme di scaldacqua e dispositivo solare, con la punta della freccia (nera) rivolta in corrispondenza della relativa classe di efficienza energetica sulla tabella arcobaleno.

Come è fatto e come funziona lo scaldabagno elettrico

Lo scaldabagno elettrico è una soluzione alternativa al riscaldamento dell'acqua con la caldaia a gas. Si tratta di una soluzione impiegata in quegli ambienti non dotati di tali impianti per motivi pratici o economici. A differenza della caldaia a gas lo scaldabagno elettrico (boiler) utilizza l'energia elettrica come fonte di calore. Può essere installato in un bagno, in una cucina o qualsiasi altro ambiente e si presenta come una unità, solitamente di forma cilindrica oppure cubica, montata sulla parete.

Componenti scaldabagno elettrico

Uno scaldabagno è composto da un serbatoio per il contenimento dell'acqua, una resistenza elettrica, un termostato, un isolamento termico ed un innesto di entrata per l'acqua fredda ed uno di uscita per la calda. Nel punto di entrata dell'acqua viene montata una valvola di sicurezza per il non ritorno dell'acqua nella conduttura. In pratica una volta che l'acqua fredda è entrata può uscire soltanto dal tubo di mandata dell'acqua calda.

Il serbatoio è una delle parti più importanti del boiler e ne stabilisce l'aspetto qualitativo, difatti il materiale di cui è composto può essere diverso: acciaio, porcellana, ceramica o materiali trattati con smaltature al titanio o materiali formati da resine specifiche. Il sistema di riscaldamento prevede la presenza di una resistenza elettrica che può disporre di potenza diversa, 1200 watt o 1500 watt, a seconda della grandezza del boiler. La differenza di potenza incide su quanto lo scaldabagno elettrico consumi. L'isolamento termico è un materiale che avvolge il serbatoio e resta chiuso all'interno dell'involucro esterno. Non tutti gli isolamenti possiedono la stessa qualità, più è alta, migliore è la capacità di mantenere nel tempo l'acqua calda all'interno e diminuire la dispersione termica. Questo è un altro fattore che incide su quanto consuma lo scaldabagno. Il termostato regolare il raggiungimento della temperatura dell'acqua. Spesso la differente qualità del serbatoio è correlata ad una maggiore garanzia, che ricordiamo essere per legge di 2 anni, ma in modelli con elevata qualità viene elevata a 5 anni ed in alcuni casi anche a 10 anni.

Scaldabagno elettrico funzionamento

Il suo funzionamento è semplice, l'acqua nel serbatoio viene riscaldata dalla resistenza e viene mantenuta calda al suo interno per essere consumata al bisogno. Dopo aver raggiunto la temperatura la resistenza si stacca, per riprendere il suo lavoro, nel momento in cui il termostato rileva una diminuzione di temperatura.

Conviene tenere lo scaldabagno sempre acceso?

Scaldabagno elettrico conviene tenerlo sempre acceso? Questa è una domanda frequente, alla quale spesso si sentono pareri contrastanti. Per dare una risposta è necessario basarsi su come funziona lo scaldabagno e successivamente saremo in grado di valutare l'opportunità di tenerlo sempre acceso e comunque comprendere come mettere in pratica piccoli accorgimenti per risparmiare energia. Lo scaldabagno è oggetto di catalogazione energetica in base alla quale possiamo stabilire esattamente il consumo annuale se usato nella modalità attiva: sempre acceso. Oltre a tale dato possiamo leggere sulla targhetta dei dati tecnici l'assorbimento in watt, che ci servirà per capire se conviene tenerlo sempre acceso oppure no!

Quando lo si accende, entra in funzione la resistenza elettrica, che impiega un certo tempo per elevare la temperatura dell’acqua ad un certa gradazione. L’acqua che si accumula all’interno del serbatoio a seconda della zona e del periodo dell’anno ha una temperatura d’ingresso differente, d’inverno sarà più fredda mentre in estate sarà più calda. Questo dato fa variare il tempo necessario al riscaldamento dell’acqua. Il limite di riscaldamento invece è regolato dal termostato che può essere settato a proprio piacimento. Raggiunta la temperatura impostata la resistenza cessa il funzionamento ed il consumo energetico si azzera. Questo processo si verifica sia nel caso lo si tenga sempre acceso, sia quando lo si accende in modo sporadico, seguendo delle specifiche esigenze. La differenza vera è propria si riscontra dopo, quando lo scambio termico con l'ambiente circostante fa cedere calore all'acqua calda in esso contenuto, che si raffredda. La perdita di calore viene indicata con il termine "dispersione termica" sulla scheda tecnica, dove viene riportato il dato nella forma x kWh/xh, ad esempio 0,99 kWh/21h. Significa che dopo aver raggiunto la temperatura, verranno impiegati 0,99 kWh per mantenerla costante nelle successive 21 ore.

Per fare un esempio e come se riscaldassimo un pentolino di acqua ed una volta fatto bollire, lo lasciassimo nell’ambiente, questo a seconda delle condizioni ambientali, più o meno fredde, cederà il suo calore nel corso del tempo fino a far raggiungere all’acqua la temperatura ambiente. Nello scaldabagno succede la stessa cosa, con la precisazione che la cessione del calore è più lenta e varia a seconda dell’isolamento di cui lo stesso scaldabagno è dotato. In ogni caso questa cessione di calore avviene e comporta una conseguenza sui consumi energetici di chi lo lascia sempre acceso.

In definitiva è consigliabile accendere lo scaldabagno per il tempo necessario al riscaldamento dell’acqua, staccarlo subito dopo ed utilizzare l’acqua calda il prima possibile. Non è ancora chiaro? Facciamo un esempio:

Immaginiamo di utilizzare uno scaldabagno da 50 litri in inverno, con un assorbimento di 1200 watt. Quando viene acceso, richiede circa 2 ore e 10 minuti per raggiungere la temperatura desiderata, consumando 1200 watt all'ora. Una volta raggiunta la temperatura, possiamo fare una doccia lunga o due docce veloci e abbiamo consumato 2,4 kwh. Se lo scaldabagno rimane acceso di continuo, appena facciamo la doccia, si abbassa la gradazione ed entra in funzione la resistenza, che impiega grosso modo lo stesso tempo per riscaldare nuovamente l’acqua. Certamente questo è normale farlo se c’è la necessità di avere ancora acqua calda nell’immediatezza, ma se ne abbiamo scarsa necessità o la impieghiamo il giorno dopo o due gironi dopo, la cessione di calore, farà in tutto questo tempo attaccare e staccare la resistenza, ogni qualvolta la temperatura scende al di sotto di quella impostata, con un conseguente assorbimento ripetuto di elettricità, che ci farà consumare più corrente e gonfiare la bolletta.

Per ottimizzare i consumi è opportuno impiegare uno scaldabagno rapportato alle proprie esigenze, più è grande e maggiore è il tempo necessario al riscaldamento dell’acqua. Se in casa si vive da soli o se si è in più persone ma l’utilizzo di acqua calda non è concentrato nello stesso tempo un 50 litri è sufficiente. E’ opportuno impostare il termostato sui 60°C ed è utile impiegare un timer per regolarizzare il tempo di accensione, quindi tarandolo per la durata realmente necessaria al raggiungimento della temperatura. Se compatibile con le necessità è conveniente farlo funzionare nelle ore in cui l’energia costa di meno, la notte ed al mattino presto.

Come scegliere lo scaldabagno elettrico

La scelta dello scaldabagno elettrico si deve basare fondamentalmente su tre fattori:

1) Garanzia scaldabagno;
2) Tecnologia;
3) Punti di prelievo;
4) Numero di persone.

La scelta della garanzia varia tra quella di 2 anni a quella di 5 anni, ci possono essere anche dei modelli con una garanzia superiore. Il variare della durata della garanzia dipende dal tipo di smaltatura della caldaia, nei modelli base viene effettuata con trattamenti standard ad 850° C, mentre in altri con caldaie superiori vengono proposte smaltature al titanio ad 850 °C. La qualità del serbatoio incide sulla qualità dello scaldabagno e sul prezzo.

Il mercato offre scaldabagni con sistemi e tecnologie che garantiscono un notevole risparmio energetico. I modelli elettronici ad esempio possiedono una scheda che memorizza le abitudini familiari e regola la produzione di acqua calda in base a queste, mantenendo comunque una temperatura costante di 45°C negli altri momenti. In altri, dotati di display digitale, e di gestione elettronica avanzata, si può programmare il funzionamento giornaliero o settimanale. Infine in alcuni modelli sono dotati di un deflettore che assicura una miscelazione dell’acqua fredda in entrata con la calda presente nel serbatoio, molto più lentamente, permettendo così un guadagno di acqua calda ed un risparmio di energia elettrica.

Oltre a questi aspetti tecnologici, da un punto di vista pratico dobbiamo considerare quanti punti di prelievo d’acqua dovrà servire contemporaneamente il nostro scaldacqua, in base alle sue dimensioni questa sua capacità varia. Uno scaldacqua da 10 litri, 15 litri e 30 litri riesce a servire 1 solo prelievo, per 2 prelievi bisogna passare ad uno di 50 litri, per i 3 prelievi ad 80 litri o 100 litri, mentre la capacità maggiore con 4 prelievi simultanei si ottiene con scaldacqua da 100 o150 litri.

Per concludere, determiniamo quale scaldabagno sceglire in base al numero di persone che devono fare la doccia.

Scelta scaldabagno in base alle persone
Tipo Persone Inverno/Estate Tipo doccia
30 litri 1/2 Veloce
50 Litri 2/3 Veloce
80 Litri 3/4 Veloce
100 Litri 4/5 Veloce

tags: consumi funzionamento

Condividi su Facebook Condividi su TwitterCondividi su RedditCondividi su WhatsAppCondividi tramite email


Simbolo regione della città di Santa Maria Capua Vetere
Alfio da Santa Maria Capua Vetere
Vorrei aggiungere a questo interessante discorso un accorgimento sul consumo per l'elemento scaldabagno. Fare la manutenzione all'interno pulendolo dalla formazione di calcare e sostituire la resistenza, in quando dopo circa 6, 8 mesi dal normale funzionamento se state attendi alla spia di funzionamento la vedrete accendersi anche senza consumare acqua e cosi si ha un consumo di corrente inutile e costoso. A mio parere stando attendi a questo importante particolare si può tenere lo scaldabagno acceso 24 ore su 24 senza avere consumi eccessivi al di fuori delle proprie esigenze.
 
Icona elettro-domestici.com
 
Buongiorno Alfio, grazie per aver espresso il tuo punto di vista, che non mi è chiaro in tutto. Concordo sulla manutenzione, ma non mi è chiaro il discorso di tenerlo acceso 24h senza avere consumi eccessivi.
Simbolo regione della città di Torino
Ilario da Torino
Circa tre mei fa ho sostituito uno scaldaacqua elettrico 10 lt per la cucina, 3 giorni fa ha smesso di funzionare, mi sono rivolto al rivenditore per la garanzia e questi m ha risposo che la garanzia copre solo un'eventuale foratura del serbatoio, mentre la parte elettrica non è coperta da garanzia? Cosa c'è di vero?
 
Icona elettro-domestici.com
 
Buongiorno Ilario, la garanzia come da normativa europea copre il prodotto per la durata di due anni dalla data di acquisto. Sono coperti tutti, non c’è una limitazione, quindi non si può dire solo la foratura, i difetti di fabbricazione, quindi possono essere anche elettrici. Con gli scaldabagni solitamente succede che la foratura è riconosciuta senza batter ciglio in quanto il rivenditore non ha nessuna difficoltà ad effettuare il reso al fornitore ed averne il rimborso economico o materiale. Il difetto elettrico invece può essere di natura insita alla fabbricazione o essere stata causato dal consumatore, in questo ultimo caso la garanzia decade. Il consumatore ha tuttavia diritto ad esercitare il diritto alla garanzia, ma non essendoci solitamente una struttura di assistenza che venga a verificare il danno, il rivenditore non potendo determinare il danno se di fabbrica o causato, e quindi avere eventuali problemi di reso, ti dice questo. Il mio consiglio è di verificare la presenza del centro assistenza, di contattarli telefonicamente e metterti d’accordo per come poter effettuare una verifica. Se riscontreranno un difetto di fabbrica te lo sostituiranno o ti faranno un certificato con il quale il rivenditore non porrà obiezioni.

Articoli in argomento

Analisi del funzionamento dello scaldabagno in pompa di calore e risvolti sul risparmio in bolletta
Come funziona, quali sono i vantaggi ed a quanto corrisponde il risparmio energetico in termini economici

Consumo scaldabagno elettrico, funzionamento, come sceglierlo e risparmiare usandolo
Quanto consuma uno scaldabagno elettrico, come sceglierlo in base alle persone e quali sono gli accorgimenti da impiegare per ridurre il consumo elettrico.

Come è strutturata e come leggere l’energy label degli scaldacqua convenzionali, solari, pompa di calore, combinati e serbatoi per l’acqua calda
Dettagli dell’etichettatura energetica di ogni singolo apparecchio destinato al riscaldamento o mantenimento dell’acqua

Linea
lineaPrivacy PolicylineaCookie Policy lineapreferenzelinea chi siamo lineaDisclaimerlineacanale you tubelineaFan Page FacebooklineaCopiright.linea
Linea