Icona accesso.
 
 
 
 
 
 

Come è strutturata e come leggere i dati indicati sull’energy label del climatizzatore d’aria con singolo e doppio condotto, reversibili, solo freddo o solo riscaldamento ed il calendario di attuazione.

Cambia il panorama dell’etichettatura energetica dei climatizzatori d’aria e diversamente da quanto avveniva con la vecchia, che uniformava tutti i climatizzatori in modo indistinto senza considerare la tecnologia, la nuova normativa, che entra in vigore giorno 1 gennaio del 2013, distingue le diverse tecnologie.

Oggetto della nuova regolamentazione sono tutti i climatizzatori con sistema aria/aria aventi una potenza massima di 12 Kw.

In questo articolo ci soffermiamo sui climatizzatori a singolo e doppio condotto, entrambi utilizzano la stessa etichetta energetica, anche se si differenziano da un punto di vista tecnico.

I condizionatori d’aria a singolo condotto devono essere denominati, obbligatoriamente, “condizionatori d'aria locali”. Il produttore deve pertanto stampare tale dicitura sulla scatola, sulle istruzioni, e su tutti i materiali cartacei o elettronici  divulgati. Per climatizzatore a singolo condotto si intende che in fase di riscaldamento o raffreddamento, l’aria destinata al condensatore viene prelevata dall’ambiente in cui si trova il climatizzatore ed espulsa all’esterno tramite un condotto.

Per climatizzatore a doppio condotto, si intende un unico blocco situato all’interno del locale da climatizzare, vicino ad una finestra o ad una parete, che in regime di raffreddamento o di riscaldamento, preleva l’aria esterna destinata al condensatore tramite un condotto e la restituisce, all’ambiente esterno, per mezzo di un secondo condotto.

Al produttore rimane l’obbligo di corredare il prodotto della Energy label, mentre al rivenditore rimane quello di esporla in maniera evidente sul climatizzatore d’aria. Altro obbligo è quello di indicare in pubblicità, se ci sono riferimenti al consumo o al prezzo, la classe energetica di appartenenza. Se il climatizzatore è in pompa di calore, deve essere indicata oltre alla classe per il raffreddamento anche quella in riscaldamento.

Il 1° gennaio 2013 vengono pertanto introdotte tre distinte etichette a seconda che il climatizzatore a doppio condotto sia di tipo reversibile (caldo e freddo), solo freddo o solo riscaldamento. Le classi vanno dalla A+++,A++,A+,A,B,C,D.

Vediamo nel dettaglio come sono strutturate:

Climatizzatore con mono o doppio condotto reversibile.

energy label climatizzatore mono e doppio condotto reversibile 2013

Scopriamo nel dettaglio a cosa si riferiscono le varie parti dell’etichetta ed i suoi pittogrammi. Partendo dall’alto abbiamo:

I = Nome o marchio del fornitore;

II = Modello del climatizzatore;

Ventola e flusso d’aria blu che indica il raffreddamento;

Ventola e flusso d’aria rosso che indica il riscaldamento;

Punta della freccia contenete la classe, di raffreddamento a sinistra e riscaldamento a destra, in corrispondenza alla stessa classe riportata sulla scala cromatica;

Kw, indica la potenza termica in raffreddamento a sinistra ed in riscaldamento a destra;

EER, coefficiente di efficienza energetica (si riferisce al raffreddamento);

COP, coefficiente di rendimento nominale (si riferisce al riscaldamento);

Kwh/60min, indica il consumo in kw per un’ora di funzionamento. A sinistra in modalità di raffreddamento, mentre a destra in riscaldamento;

Db, pressione sonora, rumore.

Climatizzatore con mono o doppio condotto solo freddo.

energy label climatizzatore mono e doppio condotto solo freddo 2013

Scopriamo nel dettaglio a cosa si riferiscono le varie parti dell’etichetta ed i suoi pittogrammi. Partendo dall’alto abbiamo:

I = Nome o marchio del fornitore;

II = Modello del climatizzatore;

Ventola e flusso d’aria blu che indica il raffreddamento;

Punta della freccia contenete la classe di raffreddamento in corrispondenza alla stessa classe riportata sulla scala cromatica;

Kw, indica la potenza termica in raffreddamento;

EER, coefficiente di efficienza energetica;

Db, pressione sonora, rumore.

Kwh/60min, indica il consumo in kw per un’ora di funzionamento.

Climatizzatore con mono o doppio condotto solo riscaldamento.

energy label climatizzatore mono e doppio condotto solo caldo 2013

Scopriamo nel dettaglio a cosa si riferiscono le varie parti dell’etichetta ed i suoi pittogrammi. Partendo dall’alto abbiamo:

I = Nome o marchio del fornitore;

II = Modello del climatizzatore;

Ventola e flusso d’aria rosso che indica il riscaldamento;

Punta della freccia contenete la classe di riscaldamento in corrispondenza alla stessa classe riportata sulla scala cromatica;

Kw, indica la potenza termica in riscaldamento;

COP, coefficiente di rendimento nominale;

Db, pressione sonora, rumore.

Kwh/60min, indica il consumo in kw per un’ora di funzionamento.

 
Condividi su FacebookCondividi su TwitterCondividi su RedditCondividi su WhathsappCondividi tramite email
 

 
 
 
 
 
 
 

Non hai trovato cosa cercavi? Suggerisci, commenta o aggiungi qualcosa: compila il modulo.

supporto
 
 
Altri articoli che ti potrebbero interessarti:
 
 
Spazio trasparente.
Immagine rappresentativa articolo.

Come è risaputo un condizionatore d’aria fisso, quindi parliamo degli split da parete, anche se i concetti che andremo ad esprimere possono riguardare anche altre tipologie di impianti, espellono acqua durante il loro funzionamento. Tale condizione è del tutto normale e deve verificarsi in modo regolare, altrimenti ci può essere qualcosa che non funziona correttamente.
 
 
Spazio trasparente.
Immagine rappresentativa articolo.

Il condizionatore portatile è quasi sempre impiegato nella stagione estiva per sconfiggere la calura, difatti nasce principalmente per tale scopo e nella stragrande maggioranza i modelli sono dotati della funzione di raffreddamento, ventilazione e di deumidificazione.
 
 
Spazio trasparente.
Immagine rappresentativa articolo.

Sia che si tratti di un impiego per il riscaldamento o che venga utilizzato per i giorni di caldo estremo per raffreddare l'ambiente e consentirci di godere del refrigerio e di un ambiente finalmente vivibile, quando improvvisamente il condizionatore beko non funziona più è veramente un disastro!
 
 
Spazio trasparente.
Immagine rappresentativa articolo.

Sebbene il condizionatore sia in grado di riscaldare un ambiente è notoriamente considerato come l’elettrodomestico del raffreddamento. Quando si dice condizionatore, si pensa quasi sempre all’estate ed alla sua capacità di farci stare al fresco in un ambiente che altrimenti risulterebbe vivibile a fatica.
 
 
Spazio trasparente.
Immagine rappresentativa articolo.

Abbiamo già parlato di anomalie di carattere generale che i diversi impianti di condizionatori fissi dei differenti produttori possono manifestare, ma nello specifico di ogni produttore ed addirittura in alcuni casi differenziandosi per modello, ci sono dei codici specifici per ognuno di loro, che vengono restituiti sul display o sul telecomando per comunicarne il difetto.
 
 
Spazio trasparente.
Immagine rappresentativa articolo.

Tra un po' arriverà il grande caldo e allora, prima che vi colga impreparati, sarebbe giusto assicurarsi del corretto funzionamento dei condizionatori d'aria. La loro cura è un processo fondamentale per garantire l'efficienza dell'impianto di climatizzazione e scongiurare problemi tecnici che impedirebbero alla macchina di svolgere un buon lavoro.
 
 
 
 
 
 
 

 
Linea
 
lineaPrivacy Policy lineaCookie Policy lineaDisclaimerlineacanale you tubelineaFan Page FacebooklineaCopiright.linea
Linea