Come verificare se la potenza termica del condizionatore è rapportata al dimensionamento del locale da climatizzare

di Antonello Careri - pubblicato il 13/10/2015
Premesso che ogni condizionatore ha una sua potenza termica e per capirci meglio per tale potenza si intende quella che comunemente è identificata con i btu/h, va detto che nello scegliere un impianto si può commettere un errore grossolano in riferimento a detta potenza. Ci riferiamo in modo particolare all’individuazione della capacità termica che l’impianto possiede ed il suo rapporto al fabbisogno termico dell’ambiente di destinazione.

Prima di andare avanti e focalizzare l’attenzione su quello che vogliamo risaltare nelle righe successive, dobbiamo precisare che la scelta dell’impianto deve passare attraverso un corretto dimensionamento, che ci porta all’individuazione dei btu/h che l’impianto da installare deve possedere. Se tale passaggio viene eseguito da un installatore professionista allora non ci sono problemi, ma se come avviene in moltissimi casi, ci si reca in un negozio generalista e si effettua un dimensionamento in grandi linee, che in moltissimi casi se le condizioni di isolamento ed esposizione dell’ambiente rientrano nello standard, può centrare le reali necessità, ma in altri può farci incorrere nel particolare all’errore che dicevamo all’inizio.

Per capire bene cosa può succedere dobbiamo precisare che l’indicazione che viene data sulla potenza dei vari modelli, quindi di 9000, 12000, 15000, 18000 btu/h ed altro, non corrisponde alla potenza reale, ma ad un identificativo generale che le aziende utilizzano per segmentare il prodotto. In realtà, quando ci si trova in presenza ad esempio di un modello riconosciuto come 9000 btu/h, ma questo vale per tutti gli altri segmenti, possiamo trovarci in presenza di un condizionatore che realmente è un 8530 btu/h in regime di raffreddamento e di 10750 bth/h in regime di riscaldamento (abbiamo preso ad esempio un modello esistente).

A questo punto diciamo che ci viene indicato che per la stanza in questione può andare bene un 9000 btu/h e che realmente è necessaria detta potenza termica. Conseguentemente e solitamente si procede alla scelta tra i modelli a disposizione, di un 9000 btu/h o per meglio dire al segmento equivalente.

Questo è un errore in quanto come nel caso dell’esempio, l’impianto in questione è di 8530 btu/h, quindi sottodimensionato e come detto in precedenza, ogni split ha una potenza differente e non è raro trovare modelli da “9000 btu/h” anche al di sotto di tale potenza.

Pertanto, essendo a conoscenza che i btu/h indicati possono essere rappresentativi del segmento, è pertanto necessario, identificare sulla scheda tecnica o chiedere al venditore di verificare i btu/h reali dell’impianto, al fine di evitare di installare un modello che è al di sotto del fabbisogno termico di cui si necessita. Ricordiamo che un corretto dimensionamento deve effettuarsi sulla potenza nominale di un impianto, la quale deve essere pari o leggermente superiore al carico termico della locale di destinazione.

Altra distinzione deve essere effettuata sulla modalità di impiego del condizionatore, ovvero se questo verrà utilizzato solo per il raffreddamento (vale tutto quello che abbiamo detto fino ad ora) o anche per il riscaldamento. In quest’ultimo caso il carico termico dell’ambiente è normalmente superiore e legato ad una serie di fattori, che possono incidere considerevolmente sulla potenza necessaria per il suo riscaldamento.

La scelta dell’impianto deve quindi passare prima attraverso un preciso dimensionamento e successivamente nell’identificare la potenza termica in btu/h del condizionatore per la modalità riscaldamento, che come abbiamo visto in precedenza e diversa da quella del raffreddamento e non corrisponde quasi mai al dato identificativo del segmento di prodotto.

Condividi su Facebook Condividi su TwitterCondividi su RedditCondividi su WhatsAppCondividi tramite email



Articoli in argomento

Il vantaggio della tecnologia inverter rispetto a quella on-off in linea generale ed il caso specifico di non convenienza
Come capire se un climatizzatore inverter conviene sempre rispetto ad uno on-off

Condizionatore non raffredda quali le cause e cosa controllare
Condizionatore non raffredda: non manda aria fredda? Ecco le cause più frequenti dell'anomalia e come provare a risolvere il suo malfunzionamento da solo

Condizionatore monosplit, dual split o multisplit: scelta e consumo
Come decidere tra un condizionatore monosplit o dual split per climatizzare due ambienti o tra un multi split ed altrettanti mono per più ambienti

Etichettatura energetica per i ventilatori residenziali
Cosa cambia nell’indicazione delle prestazioni tecniche per i ventilatori residenziali con l’introduzione dell’energy label

Quale scelta è meglio tra più condizionatori mono split ed un multi split
Le ragioni principali per le quali acquistare o non un multi split

Cosa succede durante la fase del raffreddamento e del riscaldamento nel climatizzatore, quando si imposta la funzione sleep
La funzione sleep migliora la qualità del sonno durante la notte. Vediamo come varia la gestione della temperatura in funzione di quella del corpo.

Linea
lineaPrivacy PolicylineaCookie Policy lineapreferenzelinea chi siamo lineaDisclaimerlineacanale you tubelineaFan Page FacebooklineaCopiright.linea
Linea