Tutti i passaggi per ripristinare una corretta chiusura dello sportello del forno.

Può capitare che dopo anni di utilizzo, lo sportello del nostro forno in cucina, sia esso di tipo elettrico a gas o di altro genere, non chiuda più in modo corretto. Ci accorgiamo che la chiusura non avviene in modo ottimale, ovvero che non attecchisce in modo perfetto, come avveniva prima, alla parete del mobile.

Questo comporta chiaramente una dispersione di calore, che può rallentare il processo di cottura o non impedire il raggiungimento della temperatura impostata e pertanto riscontrare delle difficoltà nella cottura dei diversi alimenti. Allo stesso tempo la dispersione di calore, genere un aumento di consumo energetico e una fuoriuscita di calore che logicamente andrà ad impattare con una superficie che alla lunga potrebbe anche rovinarsi, pensiamo ad esempio al top di una cucina componibile o altro.

Il responsabile di questa non più corretta chiusura sono le cerniere, e nello specifico le molle che si trovano al loro interno, che nel corso del tempo hanno perso di forza, e pertanto dobbiamo sostituire per intero.

Per procedere con la sostituzione, la prima cosa da fare è quella di sganciare lo sportello dal resto del mobile della cucina, per farlo bisogna aprilo completamente e sollevare i fermi che bloccano la cerniera. Una volta sollevate bisogna procedere simulando la sua chiusura, si noterà che lo sportello si solleva dal punto in cui è fissato al mobile e conseguentemente muovendolo con delicatezza, facendolo sganciare dall’incastro si sfilerà. A questo punto abbiamo estratto lo sportello e possiamo procedere con la sostituzione delle cerniere.

Innanzi tutto bisogna che ci si appoggi su una superficie piana e comoda, come quella di un banco da lavoro o anche un tavolo. Ricordiamoci di muoverci con cautela in quanto abbiamo a che fare con delle componenti delicati quali il vetro del forno ed anche le cerniere che potrebbero essere pericolose in caso di scatto accidentale, questo dovrebbe essere provocato con azioni maldestre.

Procuriamoci un cacciavite a croce ed una chiave serratubi, quest’ultima servirà ad riportare il fermo della cerniera nella posizione originale prima ed a bloccarlo nuovamente in fase successiva.

Ora, se facciamo attenzione, lo sportello è composto da due pezzi, due unità tenute insieme da delle viti, possono essere due o più di due a seconda del tipo di modello ed addirittura ce ne possono essere altre nella maniglia. Tutte queste viti, tengono uniti i due pezzi, e dobbiamo svitarle in modo tale da poter accedere comodamente alle cerniere. Le viti solitamente si trovano nella parte inferiore, mentre nel lato superiore il pezzo è fissato ad incastro, quindi una volta sicuri di aver mollato tutte le viti muoviamolo leggermente fino a farlo uscire dal punto di fissaggio.

Una volta che abbiamo le cerniere a vista e libere, possiamo notare che sono fissate alla controporta, da una o più viti, che dobbiamo svitare. Prima di effettuare detta operazione è però necessario, riportare le molle nella posizione originale, quindi dobbiamo rimuovere il fermo, che abbiamo agganciato in fase di sgancio dello sportello, nella fase iniziale. Per farlo ci aiutiamo con la chiave serratubi, non proviamoci con le mani, ci faremmo sicuramente del male, quindi facciamo leva sul gancio, liberiamo il fermo riportandolo nella posizione originale.

A questo punto non ci resta che svitare la vite che tiene fisse le cerniere, estrarle e sostituirle con quelle nuove che abbiamo precedentemente acquistato o in caso contrario portare le vecchie ad un negozio di ricambi per acquistare le stesse nuove.

Una volta fissate le cerniere non ci resta che procedere esattamente al contrario, ricordiamo che è necessario bloccare la cerniere con il fermo, sempre con l’ausilio della chiave serratubi, e ripetere le stesse operazioni, fino ad agganciare lo sportello alla cucina.
Ultima pubblicazione: 18/02/2016
Condividi su FacebookCondividi su TwitterCondividi su RedditCondividi su WhathsappCondividi tramite email

Icona regione.
Massimo da Roma giorno 24/10/2022
Salve, ho un forno Franke con più di 10 anni di buon lavoro. Lo sportello non aderisce più bene, così con codici alla mano ho ordinato e montato le cerniere originali, risultato continua a non aderire, non chiude bene cosa può essere?
 
Icona elettro-domestici.com
 
Per rendermi conto dovrei vederlo dal vivo, ma ipotizzando possono essere i punti di fissaggio delle cerniere che non sono più nella corretta posizione e sebbene hai messo le cerniere nuove, lo sportello non chiude bene in quanto è spostato il punto di fissaggio. Dovresti aprire per vedere se il fissaggio si è spostato.
Icona regione.
Daniele da Grosseto giorno 27/12/2021
Salve, ho verificato (scambiando la destra con la sinistra) che entrambe le cerniere sono ok ma le molle spingono a chiudere bene soltanto nella slitta di destra mentre a sinistra rimane un po’ di gioco e chiaramente tutta la chiusura della porta ne risente. Apparentemente le slitte sembrano entrambe ok, ma evidentemente a sinistra ho un problema che non riesco a valutare. Potrebbe essere risolvibile spessorando il metallo della slitta (e con cosa)? La slitta è sostituibile agendo all'interno dello chassis del forno? Ha altri suggerimenti da darmi? Grazie!
 
Icona elettro-domestici.com
 
Buongiorno Daniele, i componenti del forno in generale sono tutti sostituibili, ma evidentemente in base al modello possono essere strutturati in modo diverso, così come la difficoltà per raggiungerli e poi sostituirli. Inoltre si può incorrere in viti arrugginite difficili se non impossibile da svitare. Dalla tua descrizione, credo che il difetto possa essere nella slitta interna, che si sarà abbassata dal lato sinistro. Questo lo dovresti dedurre guardando con attenzione lo sportello, che deve essere in bolla. Purtroppo posso dirti solo questo, nel senso che come agire va capito sul posto avendo il forno davanti.
 
 

Non hai trovato cosa cercavi? Suggerisci, commenta o aggiungi qualcosa: compila il modulo.

 
supporto
Ho letto ed accetto la privacy policy
 
 
Articoli correlati:
 
Immagine rappresentativa articolo.
Per garantire nel tempo il massimo dell’efficienza della macchina del caffè è fondamentale eseguire periodicamente, una delle operazioni più importanti per il suo funzionamento, la decalcificazione.
 
 
Immagine rappresentativa articolo.
Abbiamo sempre distinto i piani cottura tra quelli a gas, elettrici, e vetroceramica in generale. Soffermandoci su quelli a gas oltre a quello che tradizionalmente conosciamo, ovvero quello tradizionalmente più diffuso, vogliamo soffermarci su una nuova tecnologia che è presente sul mercato.
 
 
Immagine rappresentativa articolo.
Se mentre sta funzionando o dalla volta precedente senza che abbiamo fatto nulla, di colpo, smette di farlo, il forno elettrico ha un difetto di natura tecnica. Tra i diversi componenti che ne possono essere responsabili, il primo da controllare è il termostato di sicurezza.
 
 
Immagine rappresentativa articolo.
La cappa è un elemento fondamentale in ogni cucina. Il suo impiego consente, con il riciclo dell’aria di eliminare i cattivi odori ed i fumi generati durante la cottura, evitando anche la formazione di umidità, nociva per i mobili della stessa cucina, ma in generale per tutto l’ambiente e la casa.
 
 
Immagine rappresentativa articolo.
Abbiamo visto in un articolo precedente come procedere nell’installazione di una cappa filtrante a parete per cucina, ovvero il modello che si aggancia alla parete e nella parte superiore è presente una colonna o tubo puramente estetico.
 
 
Immagine rappresentativa articolo.
Un forno a gas, diversamente da uno elettrico, ovviamente è caratterizzato dal funzionamento con il gas. In pratica il calore viene prodotto dalla combustione del gas e non dal riscaldamento di una resistenza come avviene per l’elettrico.
 

Linea
lineaPrivacy PolicylineaCookie PolicylineaDisclaimerlineacanale you tubelineaFan Page FacebooklineaCopiright.linea
Linea