Spazio trasparente.
Spazio trasparente.
 
Spazio trasparente.
Sostituire un impianto di condizionamento solo freddo con un modello a pompa di calore.
 
Ci sono molti impianti di condizionamento più o meno recenti che sono di solo raffreddamento, installati logicamente per soddisfare questa specifica necessità, che però nell’arco del tempo è cambiata, necessitando anche del riscaldamento, e pertanto ci si trova nell’esigenza di avere un impianto capace di assolvere anche a questo compito.

A tal proposito ci viene spesso chiesto se è possibile sostituire una sola delle due componenti, motore o split, per rendere perseguibile il risultato.

La risposta è no, ma vediamo nel concreto perché non si può effettuare e cosa potrebbe fare.

Sostituire una delle due componenti è una strada non perseguibile in quanto, ognuna delle due parti è progettata per funzionare solo in quella modalità. È presenta una sola linea frigorifera, solo freddo, ed il flusso del gas refrigerante segue solo ed esclusivamente il medesimo percorso nello stesso verso. In un sistema a pompa di calore le linee frigorifere sono due, ed in base alla modalità impostata il flusso viene invertito veicolando il calore verso l’esterno o verso l’interno a seconda che funzioni rispettivamente in modalità di raffreddamento o di riscaldamento.

Quindi da un punto di vista pratico non è proprio possibile collegare uno split in pompa di calore con un motore solo freddo e viceversa, mancano gli attacchi delle mandate del gas.
Quindi se si è nella necessità di sostituire un impianto solo freddo con una pompa di calore è necessario sostituire entrambe le componenti. Quello che possiamo recuperare, in taluni casi, è una parte del vecchio impianto, ovvero la linea frigorifera esistente, lo scarico della condensa, e certamente le staffe per fissare il motore del condizionatore.

Per quanto riguarda la line frigorifera, tuttavia è necessario fare una precisazione, nel senso che in base al tipo di tubatura utilizzata ed al tipo di gas che il vecchio impianto utilizzava, bisogna considerare la sua compatibilità con il nuovo impianto. Quindi è importante che i due sistemi utilizzino dei gas uguali. Anche in questo caso comunque sarà necessario da parte del tecnico installatore una verifica dello stato della tubatura, e necessaria una azione di pulizia di residui del vecchio impianto.

Ad ogni modo è comunque preferibile, considerata la necessità di passare il secondo tubo per il gas, di sostituire anche quello presente. In buona sostanza per passare da un vecchio impianto di condizionamento solo freddo ad uno in pompa di calore è necessario sostituire tutto.

 

 
articoli sul tema:
 
 
Spazio trasparente.


Il gas R22 impiegato per i vecchi impianti di climatizzazione, come stabilito da una normativa europea è stato messo al bando già da alcuni anni, a causa della presenza di sostanze gassose lesive per l’ozono.
 
 
Spazio trasparente.


Premesso che ogni condizionatore ha una sua potenza termica e per capirci meglio per tale potenza si intende quella che comunemente è identificata con i btu/h, va detto che nello scegliere un impianto si può commettere un errore grossolano in riferimento a detta potenza.
 
 
Spazio trasparente.


Un impianto di climatizzazione può essere considerato come un insieme di elementi in grado di generare del benessere. Infatti con la sua capacità di variare le condizioni dell’aria nel quale è posizionato, rende l’ambiente confortevole aumentando la sensazione di benessere.
 
 
Spazio trasparente.


L’aria che respiriamo è un elemento fondamentale per il nostro benessere psicofisico. Ogni giorno respiriamo circa 2200 volte e la qualità dell’aria non è sempre buona.
 
 
Spazio trasparente.


La gamma dei condizionatori portatili della Olimpia Splendid è formata da ben 8 modelli, ognuno di loro con caratteristiche tecniche e capacità termiche differenti, così da poter soddisfare le diverse esigenze di raffreddamento degli ambienti domestici.
 
 
Spazio trasparente.


Cambia il panorama dell’etichettatura energetica dei climatizzatori d’aria e diversamente da quanto avveniva con la vecchia, che uniformava tutti i climatizzatori in modo indistinto senza considerare la tecnologia, la nuova normativa, che entra in vigore giorno 1 gennaio del 2013, distingue le diverse tecnologie.
 
 

Se non hai trovato quello che cercavi, se vuoi suggerire, commentare o aggiungere qualcosa compila il modulo.

supporto
 
 
 
 
 
 
Foto articolo.
 
 
 

 
Linea
 
lineaPrivacy Policy lineaCookie Policy linea lineaDisclaimerlineaContattacilineacanale you tubelineacanale you tubelineaFan Page FacebooklineaCopiright.lineaiubendalinea
Linea
 
Torna su