Spazio trasparente.
 
Sul piano cottura il piezoelettrico si aziona da solo e di continuo, come risolvere.
 
Foto articolo.
Tutti i piani di cottura oramai sono dotati del piezoelettrico per l’accensione elettronica. Basterà pertanto premere la manopola della mandata del gas per sentire il ticchettio e vedere la scintilla in corrispondenza del fornello, che ne consente l’accensione.

Questa operazione pertanto è subordinata alla pressione della manopola o nei casi in cui è presente il pulsante, sempre in concomitanza alla mandata del gas.

Potrà capitare che dopo un tempo variabile di utilizzo del piano di cottura, sentire che l’accensione elettronica, parta da sola. Nonostante non vengono premuti pulsanti o manopole, la scintilla continua a funzionare ininterrottamente, e riusciamo a bloccarla solo nel momento in cui stacchiamo la corrente elettrica.

Questo condizione si verifica a causa di infiltrazioni di acqua o di residui di grasso o polvere al di sotto del piano di cottura. Questo potrebbe succedere nel momento in cui si pulisce il piano impiegando troppa acqua oppure a causa dello sversamento di quella di ebollizione, comunque per la caduta di sughi o altro, che nel corso del tempo, si possono verificare anche se si è molto attenti.

Le infiltrazioni raggiungendo la zona sottostante le manopole, infiltrandosi all’interno della catenaria, che è l’insieme di interruttori, collegati tra di loro ed alimentati elettricamente, che consentono, nel momento in cui viene premuta una manopola o il pulsante, di chiudere il circuito elettrico, consentire il passaggio della corrente e generare la scintilla.

Ora questa anomalia di funzionamento potrebbe avere una risoluzione senza intervento ed una con l’intervento. Nel primo caso, sperando che l’infiltrazione di acqua sia stata minima, lasciando staccata la corrente per qualche giorno, consentire che si asciughi e che non abbia danneggiato in modo irreparabile la catenaria.

Nell’altro caso, la soluzione è la sua sostituzione, per la quale è necessario smontare il piano di cottura. Pertanto procediamo togliendo le griglie, i cappellotti, gli sparti fiamma e tiriamo le manopole. In corrispondenza degli innesti per i bruciatori ci sono delle viti, le svitiamo tutte e successivamente abbiamo la possibilità di sollevare la parte in acciaio del piano, che ci da accesso a tutta la componentistica interna del piano.

Possiamo notare come sui rubinetti sia incastrata la catenaria, quindi se siamo in presenza di un piano con quattro fuochi, troveremo in ognuno dei rubinetti un componente della catenaria, collegato al successivo ed infine tutti collegati all’alimentazione elettrica.

Dobbiamo staccare i faston dall’alimentazione, ricordandoci da dove li stiamo togliendo, e disincastrare i vari componenti della catenaria. Allo stesso modo con un procedimento inverso montiamo la nuova, ricomponiamo in piano di cottura ed abbiamo terminato.

articoli sul tema:
 
 
Spazio trasparente.
Negli ultimi anni la cucina a libera installazione ed anche i piani di cottura da incasso hanno subito un cambiamento per quanto riguarda la proposta dei fuochi a gas per la cottura.

Pubblicato:
giovedì 31 maggio 2012
 
 
Spazio trasparente.
Un forno elettrico, come base, al suo interno dispone di una resistenza posta sul fondo ed una posta nella parte superiore. Esse a seconda delle impostazioni di cottura possono funzionare contemporaneamente oppure singolarmente. Di norma la cottura tradizionale esige il funzionamento contemporaneo, al fine di avere un calore uniforme, mentre il funzionamento singolo è impiegato per terminare la cottura o per pietanze particolari che necessitano di una cottura differenziata.

Pubblicato:
giovedì 20 settembre 2018
 
 
Spazio trasparente.
Indipendentemente dalla tipologia di cappa che si è scelto di installare nella cucina componibile, per procedere con una corretta installazione, che è preferibile affidare ad un tecnico specializzato, è opportuno tenere ed attenersi a delle regole di base.

Pubblicato:
giovedì 18 aprile 2013
 
 
Spazio trasparente.
La gamma di cucine Hotpoint Ariston con il catalogo per l’anno 2012 conta circa 16 modelli, che coprono diverse misure standard e nello specifico cucine con larghezza di 60 cm, 70 cm, 80 cm e 90 cm.

Pubblicato:
martedì 13 novembre 2012
 
 
Spazio trasparente.
Una tipologia di forno, non particolarmente diffusa in Italia ma, che merita assolutamente una particolare attenzione è quella con funzione pirolitica. Questo tipo di forno a dire il vero è molto diffuso in tutta Europa ed in particolar modo nel territorio francese, dove quasi tutti i forni venduti sono dotati di questa funzione.

Pubblicato:
mercoledì 8 maggio 2013
 
 
Spazio trasparente.
Ogni fornello del piano di cottura della cucina è comandato da un pomello, che ne consente l’accensione e ne regola l’intensità della fiamma. Difatti ruotando tale manopola in senso antiorario la fiamma si abbassa, mentre girandolo in verso orario la fiamma si alza.

Pubblicato:
giovedì 22 settembre 2016
 
 
Spazio trasparente.
Nell’ambito del panorama di prodotti proposti per i piani cottura da incasso, un approfondimento specifico deve essere dedicato ai piani cottura in vetroceramica.

Pubblicato:
giovedì 16 dicembre 2010
 
 
Spazio trasparente.
Per la nostra cucina possiamo scegliere diversi tipi di piani di cottura, non solo dal punto di vista estetico, ma in particolar modo per la tecnologia che utilizzano per trasmettere il calore alle pentole e consentire di cucinare gli alimenti al suo interno.

Pubblicato:
martedì 21 maggio 2013
 
 
Spazio trasparente.
I forni da incasso sono costruiti con delle misure standard in modo tale da poter essere inseriti, indipendentemente dalla marca della cucina componibile, all’interno del vano appositamente creato.

Pubblicato:
venerdì 28 ottobre 2011
 
 
Spazio trasparente.
Può capitare che dopo anni di utilizzo, lo sportello del nostro forno in cucina, sia esso di tipo elettrico a gas o di altro genere, non chiuda più in modo corretto. Ci accorgiamo che la chiusura non avviene in modo ottimale, ovvero che non attecchisce in modo perfetto, come avveniva prima, alla parete del mobile.

Pubblicato:
giovedì 18 febbraio 2016
 
 
 
 
Linea
 
lineaPrivacylineaDisclaimerlineaContattacilineaGoogle PublisherlineaFan Page FacebooklineaCopiright.lineaiubendalinea
Linea
 
Torna su