Icona accesso.
 
 
Spazio trasparente.
Spazio trasparente.
 
 
 
 
 
 

Eliminare e riportare al nuovo la lavatrice con le prime macchie di ruggine.

 
Molto spesso, in modo particolare, sulla lavatrice, ma lo stesso può avvenire anche su altri elettrodomestici, si assiste alla formazione di ruggine sul telaio che con il trascorrere del tempo aumenta, rendendo l’elettrodomestico poco presentabile.

La lavatrice tra tutti è più soggetta a questa condizione. In modo particolare si assiste alle prime comparse in dei punti ben specifici, ovvero appena sotto il cassetto del detersivo e negli angoli in basso.

La causa principale che ne da origine è l’umidità nella parte bassa ed il defluire di piccole quantità di acqua miste a detersivo nella zona sotto il cassetto. Tra le due la zona più colpita è quella del cassetto.

Altro fattore responsabile è la tipologia di vernice utilizzata in fase di fabbricazione, ma qui nulla possiamo fare, se non riuscire a capire all’acquisto quale sia la migliore, ovviamente su un prodotto economico, molto più probabilmente troveremo una vernice più scarsa.

A prescindere dalla circostanze e dai materiali, nel momento in cui si viene a creare la ruggine sul telaio, spesso abbinata anche a dei sedimenti in punti poco raggiungibili e segni di vario tipo, esteticamente diventa poco bella. Se ulteriormente trascurata, lo stato estetico complessivo può peggiorare al punto che potremmo avvertire, seppure il prodotto è perfettamente funzionate, di sostituirlo con un nuovo.

Sconsigliamo ovviamente di farlo ed anzi consigliamo di procedere ad un recupero dell’estetica della lavatrice, dedicandoci un po’ di tempo. Ovviamente per recuperarla è necessario disporre di alcune attrezzature, quali un trapano o avvitatore con delle spazzole in acciaio da potervi montare, una mascherina, una paglietta in acciaio, dei guanti in lattice ed infine una bomboletta di colore bianco elettrodomestico. Possiamo acquistarla del tipo non resistente al calore, costa meno e va bene in quanto sulla lavatrice non ci sono punti caldi.

Sempre con la spina di alimentazione staccata, rimuoviamo il top della lavatrice ed il cassetto del detersivo e successivamente svitiamo le viti che bloccano il cruscotto. Ce ne sono sia frontalmente che nella parte superiore, pertanto destiamo attenzione per svitarle tutte ed infine sganciamo il cruscotto.

Ora che i punti con la ruggine sono raggiungibili, con il trapano o avvitatore, sul quale abbiamo montato la spazzola in acciaio, iniziamo l’azione di pulizia. Mettiamo la mascherina per non respirare i residui prodotti e comunque stiamo un po’ a distanza. Puliamo fino in fondo la ruggine, quindi esercitiamo l’azione di pulizia per tutto il tempo necessario. Quando sarà visibile la lamiera completamente pulita, allora potremo ritenere di aver terminato la fase di eliminazione della ruggine. Eseguiamo la pulizia su tutti i punti dove è presente la ruggine.

Ora con la paglietta in acciaio, guardiamo con attenzione i punti in cui ci sono dei segni di sporco e li eliminiamo. Puliamo accuratamente tutta la superfice del telaio con un panno umido, così da eliminare polvere e sporco. Lasciamo asciugare per il tempo necessario.

Ora potremmo passare alla fase di verniciatura, tuttavia è preferibile passare prima un prodotto antiruggine sui punti che abbiamo lavorato. Questo evita che con il trascorre del tempo, anche poco in alcuni casi, la ruggine riprenda la sua azione e torni nuovamente. Lasciamo agire il prodotto per il tempo necessario, lo troviamo indicato sulle istruzioni del prodotto.

Successivamente spruzziamo, tenendoci ad una distanza di una diecina di centimetri, il bianco elettrodomestico. Eseguiamo dei piccoli spruzzi, non concentrandoci su un punto, ovvero cerchiamo di spostarci con la mano in modo da spandere uniformemente il prodotto ed evitare la formazione di grumi o gocce. Lasciamo asciugare per il tempo necessario.

Se è il caso eseguiamo un secondo passaggio di vernice e lasciamo asciugare nuovamente. Nel momento in cui riteniamo che il risultato sia soddisfacente, rimontiamo come in precedenza e la lavatrice è riportata al nuovo.

 

 
 
 
 
 
 

Se non hai trovato quello che cercavi, se vuoi suggerire, commentare o aggiungere qualcosa compila il modulo.

supporto
 
 
Altri articoli che ti potrebbero interessarti:
 
 
Spazio trasparente.
Immagine rappresentativa articolo.

Il nemico numero uno per la lavatrice, ma questo vale anche per la lavastoviglie, ed in generale per tutti gli elettrodomestici che vengono a contatto con l’acqua, è il calcare, che inesorabilmente dai primi utilizzi dell’apparecchio inizia la sua azione di deposito su alcuni componenti.
 
 
Spazio trasparente.
Immagine rappresentativa articolo.

Abbiamo visto in un articolo precedente come usare la lavatrice, pertanto quali sono le fasi preparatorie relative ai vari capi che è necessario lavare, quindi come dividerli, le macchie e la funzione degli scomparti del cassetto del detersivo.
 
 
Spazio trasparente.
Immagine rappresentativa articolo.

L’errore F12 nella lavatrice a marchio Whirlpool, appartenente alla linea Wave, è originato da un difetto relativo alla resistenza di riscaldamento, ovvero siamo in presenza di un corto circuito.
 
 
Spazio trasparente.
Immagine rappresentativa articolo.

La scelta di una lavatrice è divenuta nel corso di questi ultimi anni un po’ più impegnativa di quanto non accadeva per il passato, dove non c’erano molte delle caratteristiche e prestazioni che le lavatrici di oggi propongono.
 
 
Spazio trasparente.
Immagine rappresentativa articolo.

Quando durante la fase del lavaggio di una lavatrice o di una lavasciuga l’acqua non viene riscaldata, il motivo è da ricondursi al non funzionamento della resistenza elettrica di riscaldamento, ovviamente le motivazione che la inducono a non funzionare possono essere di diversa natura, sia elettriche che elettroniche, ma in molti altri casi è proprio l’intero elemento che non va e pertanto deve essere sostituito.
 
 
Spazio trasparente.
Immagine rappresentativa articolo.

Abbiamo visto nell’articolo relativo al funzionamento della vaschetta del detersivo, quale è il procedimento che consente al detersivo, alla candeggina ed all’ammorbidente di essere prelevati nel momento in cui il lavaggio lo prevede, quindi un impiego cadenzato.
 
 
 
 
 
 
 

 
Linea
 
lineaPrivacy Policy lineaCookie Policy lineaPreferenzelineaDisclaimerlineacanale you tubelineaFan Page FacebooklineaCopiright.lineaiubendalinea
Linea