Icona accesso.
 
 
 
 
 
 

Quando sostituire il sensore ottico o Owi nella lavastoviglie.

I modelli di lavastoviglie dotati di una elettronica più evoluta, dispongono di un dispositivo che agevola le diverse fasi del lavaggio al fine di ottimizzarne il risultato ed anche i consumi energetici e di acqua.

A seconda del produttore tale sensore può assumere nomi differenti, Owi nel caso di Whirlpool, Ignis, Bauknecht, Hotpoint, Indesit, in sostanza marche appartenenti allo stesso produttore o sensore ottico, anche detto virtuale, in marchi come Bosch, Siemens ed altri. Ad ogni modo il componente può essere dotato di sensori intelligenti in grado di analizzare il livello di sporco e conseguentemente stabilire la giusta quantità di acqua, di tempo e di energia necessaria per ottenere risultati di pulizia perfetti.

Al suo interno uno specifico sensore di torbidità è in grado di analizzare il livello di sporco, in base alla trasparenza dell’acqua, pertanto garantire un lavaggio delle stoviglie con sola acqua pulita. Se durante il ciclo viene riscontrata che l’acqua del lavaggio è nitida, la durata può essere ridotta o può essere anticipata la fine del ciclo, in funzione del raggiungimento della pulizia delle stoviglie, ottenendo un risparmio di acqua e di energia.

Il sensore non sempre dispone di tali specifiche, alle quali si aggiungono e comunque presenti nella versione di base, quella del rilevamento della temperatura dell’acqua e quella del livello di carico. In buona sostanza il sensore ottico o Owi sostituisce l’impiego della sonda NTC, e del pressostato, che su questi modelli di lavastoviglie ovviamente non ci sono.

Tale sensore pertanto in caso di difetto può essere responsabile di errori di funzionamento della lavastoviglie, legati al carico dell’acqua o al raggiungimento della temperature. Nelle indicazioni dei codici di errore quando si fa riferimento a difetto del pressostato o  alla sonda NTC, nei modelli che non ne sono dotati, ma dove è presente il sensore, si deve procedere con la sua sostituzione.

Per capire se la lavastoviglie lo monta, si può verificare aprendo lo sportello e rimuovendo il filtro all’interno della vasca. Accedendo alla vista del pozzetto, si  potrà individuare se c’è sul lato al suo interno.

Sensore Owi.

Per sostituirlo invece è necessario accedere alla parte sottostante della lavastoviglie, dove è presente tutta la componentistica. Per farlo è necessario adagiarla su un fianco e rimuovere lo zoccolo ed il pannello di fondo.

Il sensore è fissato all’interno del pozzetto, per poterlo estrarre potrebbe essere necessario sganciare la resistenza elettrica che essendogli molto vicino non ne consentirebbe l’estrazione. Per toglierlo, dove aver rimosso lo spinotto di connessione, è necessario fargli compire una rotazione in senso antiorario, per consentire ai punti di fissaggio, di venir fuori dall’incastro e poi sollevarlo. Possiamo ruotarlo afferrandolo dalla parte interna, ovvero dall’interno del pozzetto, quindi da dentro la lavastoviglie oppure dal lato che abbiamo aperto.

Per reinserirlo è preferibile passare una soluzione saponosa lungo la guarnizione di tenuta, ed, evitando di toccarlo dalla parte davanti, dove ci sono i sensori, infilarlo seguendo la corrispondenza degli incastri all’interno del vano del pozzetto. Deve scendere fino in fono e successivamente bisogna ruotarlo in senso orario fino al raggiungimento del fine corsa. In questa posizione gli incastri sono ben saldi e possiamo procedere con il rispristino della connessione ed il montaggio della parti precedentemente smontate.

 
Condividi su FacebookCondividi su TwitterCondividi su RedditCondividi su WhathsappCondividi tramite email
 

 
 
 
 
 
 
 

Non hai trovato cosa cercavi? Suggerisci, commenta o aggiungi qualcosa: compila il modulo.

supporto
 
 
Altri articoli che ti potrebbero interessarti:
 
 
Spazio trasparente.
Immagine rappresentativa articolo.

Risultati assolutamente interessanti in termini di prestazioni sulle lavastoviglie, la Bosch li ottiene con le nuove lavastoviglie dotate del sistema Active Water abbinato all’impiego della zeolite.
 
 
Spazio trasparente.
Immagine rappresentativa articolo.

Potrebbe capitare che la lavastoviglie, che ha sempre lavato in modo esemplare, ad un bel momento al termine del lavaggio non restituisca più piatti, bicchieri, posate, stoviglie e quant’altro ben pulite. Ovvero che non lavi più in modo efficace, come aveva fatto fino al precedente lavaggio.
 
 
Spazio trasparente.
Immagine rappresentativa articolo.

Per eseguire un ciclo di lavaggio con la lavastoviglie come ben sappiamo è necessario utilizzare il detersivo ed il brillantante, che vengono inseriti nello sportellino che si trova sul lato interno dello sportello. Possiamo utilizzare le pastiglie, che potrebbero includere il brillantante, o del detersivo in polvere, da dosare col misurino. Il brillantante normalmente viene inserito sempre nell’erogatore, ma su un altro scomparto.
 
 
Spazio trasparente.
Immagine rappresentativa articolo.

Quando si imposta un ciclo di lavaggio, a meno che non si possieda una lavastoviglie con il programma automatico, capace di adeguare la temperatura di lavaggio al tipo sporco, bisogna scegliere tra i cicli proposti, quello più appropriato per il tipo di sporco che abbiamo necessità di pulire.
 
 
Spazio trasparente.
Immagine rappresentativa articolo.

Contrariamente alla lavatrice, che è presente in tutte le case, la lavastoviglie ha una presenza di gran lunga inferiore. Mentre la prima è divenuta oramai indispensabile, l’acquisto della lavastoviglie, alcune volte, viene sottovalutato, o meglio considerato come superfluo anche perché il suo utilizzo viene associato ad un consumo di energia elettrica da sommare a quello che già si ha con altri elettrodomestici.
 
 
Spazio trasparente.
Immagine rappresentativa articolo.

Sebbene tutte le lavastoviglie abbiano lo stesso compito, ovvero lavare piatti, bicchiere e tutto il resto, ed in linea generale abbiano dei programmi di lavaggio che riprendono le medesime caratteristiche, tra di loro ci sono dei modelli dotati di programmi speciali.
 
 
 
 
 
 
 

 
Linea
 
lineaPrivacy Policy lineaCookie Policy lineaDisclaimerlineacanale you tubelineaFan Page FacebooklineaCopiright.linea
Linea