Comprare un deumidificatore? Valuta questo elemento.

Un fattore fondamentale, che bisogna tenere in considerazione nel momento in cui si acquista un deumidificatore d'aria, è la temperatura che è presente all'interno dell'ambiente che abbiamo intenzione di deumidificare.

Per comprendere il motivo è necessario comprendere come vengono indicati i dati relativi alla capacità,  ovvero i dati relativi alle prestazioni tecniche dei vari modelli di deumidificatore.

Sulle schede tecniche possiamo trovare sostanzialmente indicata la capacità di deumidificazione, ovvero quanta acqua riescono ad asportare da un ambiente nell'arco di 24 ore e allo stesso tempo la metratura o molto più spesso il volume, che riescono a deumidificare.

Scheda tecnica deumidificatore dati capacità e volume deumidificato.

Scheda tecnica deumidificatore dati capacità e volume deumidificato.

Scheda tecnica deumidificatore dati capacità e volume deumidificato.

Questo ci consente di determinare se un modello è più o meno indicato per una specifica stanza. Il più delle volte seguendo queste indicazioni si va ad acquistare un deumidificatore che è rapportato all'ambiente da deumidificare, tuttavia non viene preso in considerazione ed è questo il fattore fondamentale, che bisogna invece tener presente, la temperatura dell'ambiente; difatti quelle indicazioni tecniche si riferiscono ad una specifica condizione dell'ambiente, ovvero che ci siano dai 30°C ai 32°C ed una percentuale di umidità relativa (U.R.) dell'80%.

Scheda tecnica deumidificatore dati temperatura.

In queste condizioni il deumidificatore riesce a raggiungere quelle prestazioni, ma nel momento in cui in queste condizioni cambiano ed in particolare, se la temperatura, durante l'inverno o l'autunno che è il periodo dell'anno in cui di più viene utilizzato il deumidificatore, scende al di sotto dei 30°C come è ovvio, la capacità di deumidificazione del prodotto, che abbiamo scelto rispetto alla scheda tecnica e alle indicazioni, diminuisce.

Per tale ragione, nel momento in cui scegliamo un deumidificatore dobbiamo considerare come prima cosa la temperatura che c'è mediamente all'interno dell'ambiente da deumidificare e, successivamente, verificare, se il modello che abbiamo scelto a quella specifica temperatura riesce a mantenere quella prestazione o eventualmente ha un calo di resa e pertanto, la scelta, in quel caso, dovrà spostarsi su un prodotto che ha delle prestazioni superiori a pieno regime, ma che in quelle condizioni ambientali, quindi per quella temperatura, può soddisfare le esigenze dell'ambiente in cui va destinato.

A proposito del calo di resa vi è tuttavia da dire che non è un’informazione che viene fornita dai vari produttori di deumidificatori, difatti l’attuale regolamentazione non prevede di dichiarare il dato delle prestazioni alle diverse temperature, cosa che invece potrà, forse diventare obbligatoria, con una regolamentazione energetica dedicata, ci riferiamo ad una energy label (vedi come potrebbe essere).

Uno tra i tanti produttore che fornisce delle informazioni complete è Trotec, che per ogni modello ha predisposto un grafico che evidenzia in modo chiaro il comportamento alla diverse temperature, partendo da quella di riferimento, per la quale conosciamo dai dati, la capacità di raccolta dell’acqua, scendendo a temperature più basse per le quali viene indicato il volume che riesce a trattare. Questo consente di stabilire ad esempio, che un modello dato per un volume di 125 metri cubi alla temperatura di 30/32°C riesce a trattarne 100 metri cubi a 20°C, 65 metri cubi a 15°C, per scendere a temperature ancora più basse.

Grafico perdita di resa deumidificatore.

La scelta di un modello con dati chiari rende l’acquisto consapevole e non si rischiano brutte soprese!  

Ultima pubblicazione: 20/10/2021
Condividi su FacebookCondividi su TwitterCondividi su RedditCondividi su WhathsappCondividi tramite email

 
 

Non hai trovato cosa cercavi? Suggerisci, commenta o aggiungi qualcosa: compila il modulo.

 
supporto
Ho letto ed accetto la privacy policy
 
 
Articoli correlati:
 
Immagine rappresentativa articolo.
Come abbiamo già visto nell’articolo relativo alla pulizia del deumidificatore, tutti sono dotati di un filtro, che ha la funzione di trattenere la polvere presente nell’aria, ed evitare che questa si depositi sul condensatore.
 
 
Immagine rappresentativa articolo.
La casa è particolarmente umida, i vetri delle finestre colano, ci sono macchie sulle pareti e anche se l'ambiente viene riscaldato continua ad esserci una fastidiosa sensazione di freddo e di disagio. Queste ed altre sono le condizioni che si possono verificare quando c’è una eccessiva concentrazione di umidità nell’aria. Dobbiamo acquistare un deumidificatore d’aria! Deciso, si compra! Ma davanti alla scelta di modelli con capacità diversa, 10 litri, 15 litri, 20 litri e via dicendo quale va bene? Niente confusione ora vedremo come bisogna regolarsi per effettuare un dimensionamento deumidificatore.
 
 
Immagine rappresentativa articolo.
In assoluto l’azienda che dispone di un catalogo scelta più ampio e vario del mercato, la Trotec è un leader indiscutibile nel settore della deumidificazione, con modelli destinati sia ad un impiego residenziale che professionale. Inoltre le caratteristiche specifiche di ogni modello, rende questa gamma valida per poter fronteggiare situazioni ambientali differenti.
 
 
Immagine rappresentativa articolo.
L'umidità colpisce molte abitazioni ed oltre a creare un danno alla muratura della casa, genera una condizione ambientale non confortevole per chi si trova a vivere in quegli spazi. Una condizione che non rientra in quella che sono i parametri per il benessere fisico dell'individuo. Per togliere l'umidità si ricorre all'impiego del deumidificatore portatile che notoriamente è riconosciuto come elettrodomestico in grado di assolvere a tale funzione. Ma basta comprarne uno qualsiasi per togliere l'umidità?
 
 
Immagine rappresentativa articolo.
Quando si esegue una selezione tra i vari deumidificatori per casa in questi rientrano anche quelli appartenenti al marchio Ariston. Analizzare le specifiche tecniche di ogni modello comporta il dedicarvi del tempo, ma anche per chi ne è già in possesso scoprire alcune funzioni o recuperare le istruzioni perse implica tempo e non sempre si riesce a trovare ciò che serve. Stai in questa situazione? Abbiamo raccolto le informazioni per te!
 
 
Immagine rappresentativa articolo.
In modo del tutto naturale l’aria assorbe acqua, questo non può avvenire senza limiti, ovvero c’è un punto oltre il quale non è più in grado di farlo. Tecnicamente si parla di umidità assoluta dell’aria, che è indicata nel rapporto grammi per metro cubo. Senza entrare troppo nel tecnico, quello su cui dobbiamo soffermarci è invece l’umidita relativa dell’aria, sigla che troviamo anche indicata quando vengono riportati dei dati tecnici, relativi alla capacità dei deumidificatori di asportare acqua, con la sigla U.R.%.
 

Linea
lineaPrivacy PolicylineaCookie PolicylineaDisclaimerlineacanale you tubelineaFan Page FacebooklineaCopiright.linea
Linea