Icona accesso.
 
 
 
 
 
 

Come fare per cambiare il motore della lavatrice.

La mancata rotazione del cestello della lavatrice può essere causata da un difetto del motore. In altri articoli abbiamo visto le cause che ne possono impedire il funzionamento: le spazzole, il condensatore, la cinghia fuoriuscita. In alcuni casi è la scheda che non gli consente di funzionare.

Indipendentemente da queste circostanze, per le quali sappiamo come muoverci, ora analizziamo cosa fare nel momento in cui dobbiamo sostituire il motore, sia da un punto di vista pratico ma anche come muoverci off line o on line per reperire un motore sostitutivo.

Prima di ogni cosa dobbiamo smontarlo. La lavatrice deve trovarsi in una posizione comoda per poter accedere alla parte retrostante. Stacchiamo l’alimentazione elettrica ma anche quella idrica ed il tubo di scarico.

Con l’ausilio di un cacciavite o di un avvitatore, procediamo svitando tutte le viti che si trovano lungo il perimetro del pannello in lamiera, posizionato dietro la lavatrice. Una volta tolto possiamo vedere il retro della vasca ed in basso il motore, che è fissato con delle viti, come se fosse sospeso, nella parte inferiore.

Pannello posteriore lavatrice.

Sganciamo la cinghia di trasmissione, la afferriamo dal lato destro con una mano e la tiriamo leggermente verso l'esterno mentre con l'altra mano facciamo ruotare la puleggia in senso antiorario, questo consentirà alla cinghia di fuooriuscire.

Estrazione cinghia lavatrice.

Su un lato possiamo vedere un fascio di fili, che confluiscono tutti insieme in un connettore che è inserito nel relativo innesto fissato al motore. Guardiamo con attenzione se i cablaggi sono fissati tramite una molletta di fissaggio in plastica, al telaio del motore. La sganciamo.

Afferriamo il connettore e esercitando una pressione sui lati lo tiriamo verso l’esterno. Non è necessario che ci ricordiamo il verso, in quanto può inserirsi solo in un modo, quindi non potremo sbagliare.

Estrazione connettore motore lavatrice.

Con una chiave a tubo, la maggior parte dei casi ha una numerazione numero 10, o comunque utilizziamo quella necessaria, svitiamo le due viti che ci vengono frontalmente. Di solito sono le sole a bloccarlo, ma in alcuni casi possono esserci delle viti nella parte interna, quindi ci dobbiamo abbassare per riuscire a vederle.

Estrazione viti motore lavatrice.

Facendo questo tipo di lavoro è preferibile indossare dei guanti protettivi, in quanto lo spazio tra il motore e la lamiera è  minimo e nell’azione del tirarlo verso l’esterno, potrebbe capitarci di sbattervi contro e farci male. Solitamente esercitando un po’ di forza viene fuori, ma può capitare che sia incastrato.

Se vogliamo lavorare con maggiore comodità ed estrarlo con grande facilità dobbiamo piegare la lavatrice su un fianco, in modo da avere accesso alla parte sottostante. Possiamo vedere il motore, oramai libero dalle viti di fissaggio, mettiamo la punta di un grosso cacciavite o qualcosa che possa fungere da leva tra il motore e la vasca. Facciamo leva, verrà fuori moto facilmente.

Estrazione motore lavatrice.

A questo punto non ci resterebbe che inserire il nuovo e lavorare al contrario, cosa che dovremmo fare, ma ci vogliamo soffermare sul motore nuovo da acquistare. Difatti i motori non sono tutti uguali, sia in termini di connettore, possono avere più terminali ed anche potenze diverse. Ci serve lo stesso motore o un modello sostitutivo.

Acquistandolo in un negozio fisico possiamo portare il motore, non basta dire che ci serve per un motore per una lavatrice Electrolux o Candy. C’è bisogno dei dati che sono riportati sull’etichetta. Ma per non incorrere in viaggi a vuoto scattiamo una foto all’etichetta che si trova lungo il perimetro del foro dell’oblò, sulla lamiera, oppure sullo sportello lato interno. Su di essa troviamo indicati il modello ed il seriale, che consentirà al rivenditore di eseguire una ricerca su un gestionale specifico, dal quale risalire al motore.

Se possiamo portiamo dietro il motore, perché in alcuni casi e su modelli fuori produzione, potrebbe non risalirsi al modello e rendersi necessario un confronto visivo.

Se eseguiamo l’acquisto on line, possiamo eseguire una ricerca degli estremi che sono riportati sull’etichetta del motore. Spesso questa ci porta verso qualche rivenditore. Per alcuni produttori, ad esempio Electrolux è possibile eseguire una ricerca sul sito dei ricambi, inserendo la matricola dell’elettrodomestico e risalire a tutti i codici di ricambio. Per qualsiasi necessità se non riesci a risalire utilizza il modulo qui sotto per richiederci aiuto.

 
Condividi su FacebookCondividi su TwitterCondividi su RedditCondividi su WhathsappCondividi tramite email
 

 
 
 
 
 
 
 

Non hai trovato cosa cercavi? Suggerisci, commenta o aggiungi qualcosa: compila il modulo.

supporto
 
 
Altri articoli che ti potrebbero interessarti:
 
 
Spazio trasparente.
Immagine rappresentativa articolo.

Il termine low cost, letteralmente basso costo, si è consolidato anche nel mondo degli elettrodomestici, difatti si sente spesso parlare e ancor di più, si va alla ricerca di questi modelli, attratti dal desiderio e soprattutto dalla necessità di risparmiare.
 
 
Spazio trasparente.
Immagine rappresentativa articolo.

Il codice di errore E52 in una lavatrice a marchio Electrolux, ma lo stesso potrebbe valere per una marcata Aeg o Zoppas o prodotti appartenenti allo stesso produttore, può comparire sul display nel bel mezzo del ciclo di lavaggio. Si può verificare un’interruzione del programma e l’indicazione dell’errore.
 
 
Spazio trasparente.
Immagine rappresentativa articolo.

Considerati aspetti inerenti le proprie abitudini, la composizione del nucleo familiare, lo spazio ed altri fattori si sceglie una lavatrice con una determinata capacità di carico. Rispetto a qualche anno fa il ventaglio della proposta si è ampliato abbastanza, passando da lavatrici di piccolo carico 3,5 Kg fino ad arrivare, passando da capienze come 5, 6,7,8,9 e 10, agli 11 e 12 kg.
 
 
Spazio trasparente.
Immagine rappresentativa articolo.

Il mancato scarico dell’acqua del lavaggio, in una lavatrice o in una lavastoviglie è da attribuirsi nella maggior parte dei casi ad un difetto della pompa di scarico, che non entra in funzione per un guasto su di essa oppure per un difetto della scheda elettronica che non riesce più a comandarla. In entrambi i casi non si attiva, pertanto non si sente il rumore tipico della pompa di scarico in funzione.
 
 
Spazio trasparente.
Immagine rappresentativa articolo.

Con l’entrata in vigore della nuova regolamentazione energetica per la lavatrice, i produttori hanno l’obbligo di dichiarare a catalogo, non solo il consumo complessivo, indicato in modo molto chiaro sull’energy label, e che si riferisce al lavaggio di un carico pieno di cotone a 60°C, ma anche i risultati dei consumi in altre condizioni.
 
 
Spazio trasparente.
Immagine rappresentativa articolo.

Presente in tutte le case, la lavatrice è un elettrodomestico che in alcuni casi risulta sconosciuto, nel senso che, sappiamo esattamente a cosa serve, ma non tutti i membri della famiglia sanno utilizzarlo. Ci troviamo pertanto, in alcuni casi, a dover impostare un ciclo di lavaggio e non sapere assolutamente da dove iniziare.
 
 
 
 
 
 
 

 
Linea
 
lineaPrivacy Policy lineaCookie Policy lineaDisclaimerlineacanale you tubelineaFan Page FacebooklineaCopiright.linea
Linea