Fori areazione cucina come e quanti ne servono per la sicurezza

di Antonello Careri - pubblicato il 27/06/2023
Quando si acquista una nuova cucina o un piano cottura, spesso si trova un adesivo con sopra stampigliato l'indicazione che può essere usato solo in ambienti con ventilazione maggiorata e sistema di areazione potenziato. Ma cosa significano realmente queste indicazioni e perché sono importanti? E come entrano in gioco i fori di aerazione?
fori areazione cucina
Tempo di lettura: 7 minuti
Cosa trovi in questo articolo

Differenza tra aerazione e ventilazione

Obblighi sul foro di aerazione in cucina

A cosa servono i fori di aerazione cucina gas

Quanti fori per la presa aria cucina bisogna fare

Domande poste dai consumatori

Commenti per chiedere informazioni


Differenza tra aerazione e ventilazione cucina

Aerazione e ventilazione sono i due termini che si usano quando ci si deve attenere alla disposizioni di legge, secondo le normative vigenti, per montare un piano di cottura o una cucina da posizionare liberamente in un ambiente. Sono due termini considerati sinonimi nella lingua italiana, ma quando sono riferiti alla cucina ventilazione e aerazione assumono un significato diverso e specifico.

Definizione aerazione cucine

L'aerazione della cucina si riferisce al ricambio dell'aria all'interno dell'ambiente cucina, ovvero dove è montato il piano di cottura o la cucina, un ricambio che consente all'aria esterna di entrare ed a quella interna di uscire in modo naturale, in generale attraverso aperture come finestre, porte o fessure ma nello specifico della normativa (D.M. 21 aprile 1993) attraverso i fori di aerazione.

Definizione ventilazione cucine

La ventilazione riguarda l'uso di apparecchiature o sistemi per spostare l'aria in modo forzato. Nella cucina, la ventilazione viene spesso realizzata tramite l'installazione di una cappa aspirante, un dispositivo che cattura e rimuove i fumi e gli odori dalla cucina. La cappa collegata ad un canale di esalazione o ad un condotto di espulsione dei vapori di cottura, elimina il tutto direttamente verso l'esterno. In alternativa alla cappa può essere impiegato un elettroventilatore con una portata d’aria tale da garantire il ricambio d’aria da 3 a 5 volte il volume della stanza, da fissare in alto nella parete della cucina, collegato direttamente all'esterno, oppure in una condotta di esalazione a suo uso esclusivo, in modo da poter espellere particelle e odori indesiderati all'esterno.

In conclusione, l'aerazione avviene in modo naturale attraverso delle aperture, mentre la ventilazione utilizza dei dispositivi elettro meccanici, per espellere l'aria all'esterno. Nell'installazione di una cucina, spesso si utilizzano entrambi i metodi per garantire una corretta circolazione dell'aria e la rimozione efficace di fumi, vapori e odori.

Obblighi sul foro di aerazione in cucina

Quando è obbligatorio il foro di aerazione in cucina? In realtà la normativa non impone obbligatoriamente di fare i fori, ma che l'ambiente dove è installata la cucina disponga di un adeguato afflusso d'aria. Gli apparecchi dedicati alla cottura riportano una dichiarazione che recita: "Attenzione - questo apparecchio può essere installato e funzionare solo in locali permanentemente ventilati seconda la norma UNI 7129".

Questo si può ottenere oltre che con i fori con dei sistemi di ventilazione, che non hanno a che vedere con la definizione di ventilazione, di cui abbiamo parlato in precedenza, ma con dei condotti di ventilazione singoli o collettivi, in grado di prelevare l'aria da immettere nell'ambiente direttamente dall'esterno e lontano da fonti di inquinamento. Si tratta di sistemi usati principalmente in locali commerciali o in degli edifici progettati in modo specifico.
condotti aerazioni cucine

Nelle cucine dove invece non c'è questo tipo di predisposizione invece è necessario ma ancora non obbligatorio, anche se poi scopriremo che lo è, disporre dei fori di areazione. In questi due casi si parla di aerazione o ventilazione diretta, ovvero l'aria arriva direttamente dall'esterno da un collegamento diretto.
posizione prese aria cucina

Dicevamo che i fori non sono obbligatori, ma resta l'obbligo dell'afflusso d'aria, che se non proviene dalla due fonti descritte in precedenza, in alternativa può provenire da un ambiente limitrofo. In sostanza dalla stanza che si trova accanto alla cucina. In tal caso la stanza non può essere una camera da letto, non deve essere una parte in comune di un edificio e non deve trattarsi di un locale a rischio di incendio, quale potrebbe essere un garage, un box, una rimessa o altro. Tra i due ambienti ci deve essere una fessura tale da consentire la circolazione dell’aria, inoltre l'ambiente attiguo deve possedere una aerazione diretta.
aerazione ventilazione indiretta

In definitiva l'aerazione in cucina è obbligatoria, sia che si pratichino dei fori, che ci siano dei canali di ventilazione o la stessa avvenga in modo indiretto da un ambiente attiguo!

A cosa servono i fori di aerazione cucina gas

A cosa servono i fori in cucina? Sicuramente una domanda che ci si pone nell'intento di volerli evitare; spesso non sono esteticamente belli e poi in inverno fanno entrare aria fredda! I fori di aerazione in cucina servono a garantire la circolazione dell'aria ed una adeguata ventilazione. In termini pratici questo si traduce in:

1) Smaltimento dei vapori e degli odori prodotti durante l'uso della cucina, così da migliorare la qualità dell'aria evitando l'accumulo di odori sgradevoli.

2) Contribuzione alla rimozione dell'umidità dovuta al vapore prodotto durante la cottura dei cibi o del lavaggio degli utensili. La loro presenza riduce il rischio di formazione di muffe e condensa.

3) Prevenzione di un eccesso di calore provocato dalla cottura dei cibi, con la circolazione diretta dell'aria, il calore in eccesso viene dissipato mantenendo l'ambiente più confortevole.

Infine ma non meno importante, i fori di aerazione possono anche consentire la dissipazione di eventuali gas dispersi in cucina. Utilizzando la cucina difatti possono essere rilasciati gas come il monossido di carbonio o gas combustibili. I fori di aerazione permettono l'ingresso di aria fresca e l'espulsione dell'aria viziata, inclusi i gas potenzialmente pericolosi. In caso di fughe di gas, la presenza di fori di aerazione ben posizionati può aiutare a disperdere il gas in modo rapido ed efficiente, riducendo il rischio di concentrazioni pericolose.

In buona sostanza, la cucina o piano cottura devono essere collocati in un ambiente nel quale c’è una circolazione d’aria necessaria alla combustione del gas. Il processo di combustione miscela gas ed aria consumandoli entrambi, generando la fiamma del fornello. Ora se l’ambiente è privo di una qualsiasi aerazione, nell’arco di un tempo variabile in base al volume della stanza ed al tempo di impiego dei fornelli e della loro quantità, l’ossigeno presente nella stanza viene consumato con una ovvia conseguenza per chi si trova nell’ambiente. L’installazione di questi elettrodomestici, deve essere effettuata secondo le norme UNI-CIG 7129 e 7131 e successivi aggiornamenti. La norma stabilisce che nel locale deve affluire tanta aria quanto ne viene richiesta dalla regolare combustione del gas e tale portata d’aria non deve essere inferiore a 6 cm2 per ogni kw di potenza installata e comunque non inferiore a 100 cm2.

Quanti fori di aerazione bisogna fare

Assodato che l'aerazione è obbligatoria oltre che necessaria ed utile, ci si potrebbe chiedere: dove fare il foro di ventilazione? Quale diametro deve avere il foro? Se ne può fare solo uno? Per rispondere a queste domande partiamo da quanto dice la normativa e da un esempio concreto.

Per garantire la portata minima, la normativa prevede la realizzazione di un condotto verso l’esterno, protetto da una griglia di aerazione avente una sezione utile di almeno 100 cm quadrati, con la garanzia che nessuna ostruzione, anche parziale, si possa verificare.

dimensione foro areazione cucina
Per eseguire il foro di areazione è necessario utilizzare un tubo (1) con un diametro di dimensioni pari a 14,4 cm, esso  permette il passaggio di 144 cm2 di aria, che al passaggio dalla griglia (2), si riduce di portata in una misura variabile a seconda del tipo di struttura della griglia, ma comunque non inferiore a 100 cm2. Al posto della sezione da 144 mm è possibile impiegare il tubo da 12,5 cm per il quale la griglia potrebbe far perdere, se non opportunamente scelta, la portata dei 100 cm2. Per tale ragione è necessario sincerarsi delle caratteristiche di portata del tubo e della griglia, atte a garantire la portata minima indicata dalla normativa.  

Inoltre al punto 3.1.4 il D.M. 21 aprile 1993 stabilisce che gli apparecchi non collegati ad un condotto di scarico diretto hanno bisogno non di una presa d'aria, ma di una seconda apertura di ventilazione con diametro minimo di 100 cm2, di cui uno serve per l'aria comburente e di ventilazione ed il secondo per lo scarico dei prodotti della combustione. Questo vuol dire che una cucina o un piano di cottura non dotato di un sistema di eliminazione dei fumi diretto con l'esterno, parliamo di una cappa aspirante o altro equiparabile, ad esempio un elettroventilatore posto in alto, necessita del secondo foro di areazione. Se c'è una cappa filtrante è necessario il secondo foro. Ribadiamo il primo foro in basso serve a far entrare l'aria necessaria al ricambio ed alla combustione del gas metano o gpl che sia, il secondo posto in alto ad eliminare fumi, odori e il residuo del gas combusto (bruciato). Se la cucina possiede un sistema di espulsione diretto all'esterno dei fumi di cottura o elettroventilatore, si può fare solo un foro in basso.

Esempio calcolo diametro foro areazione cucina

Per calcolare la quantità di aria minima necessaria per garantire la ventilazione alla cucina, riportiamo l'esempio di un piano di cottura con un fornello rapido, un semi rapido, un ausiliario ed una tripla corona. Sommando la potenza in kw dei quattro fuochi, rispettivamente 3 kw, 1,75 kw, 1 kw e 3,8 kw, otteniamo un totale di 9,55 kw. Tale dato moltiplicato per il ricambio minimo orario di 6 cm2, ci restituisce un valore pari a 57,3  cm2 di portata di aria. Nell’ipotesi in cui la cucina non sia dotata della valvola di sicurezza gas, che blocca automaticamente l’afflusso di gas in caso di spegnimento accidentale, il foro di areazione deve avere una sezione doppia fino ad un minimo di 200 cm quadrati. Per il nostro esempio il calcolo prevede una portata di 114,6 cm2. Questa grandezza del foro è necessaria anche nel caso in cui il foro non viene praticato nell’ambiente di collocazione del prodotto ma in un ambiente attiguo.

Altezza foro gas cucina

Il sistema di aerazione del locale quando progettato con due fori di aerazione, ne prevede il primo in prossimità del pavimento ad un'altezza inferiore ai 30 cm, qualora non sia possibile fissarlo a questa altezza è necessario aumentare la portata dell'aria nella misura almeno del 50% (punto d del paragrafo 3.2.1). Il secondo quando necessario viene fissato in prossimità del soffitto ad un'altezza superiore ad 1,8 metri.
altezza prese d'aria cucina

tags: installazione regolamenti

Condividi su Facebook Condividi su TwitterCondividi su RedditCondividi su WhatsAppCondividi tramite email


Simbolo regione della città di Salerno
Luigi da Salerno
Non ho la possibilità di portare all'esterno il foro di areazione "basso" a 30 cm, ma a 80. Se interpreto correttamente dovrei aumentare la dimensione di almeno il 50 percento. Vuol dire 18 cm (12+6) di diametro? In alternativa, posso praticare il foro all'altezza corretta e poi far camminare il tubo in verticale (per 50 cm, verso l'alto) nell' intercapedine della parete, facendolo poi uscire ad un'altezza diversa sulla facciata?
 
Icona elettro-domestici.com
 
Una volta stabilito che il tubo garantisce una portata minima di 100 cm2, non è detto, ma potrebbe andare bene quello di 12, è esatto il tuo calcolo del 50% in più. La soluzione del passaggio da sotto a sopra puoi adottarla ma considerando sempre un aumento della portata del tubo, in quanto le curve ne diminuiscono la portata.

Articoli in argomento

Cappa filtrante o aspirante differenze e come regolarsi nella scelta
Cappa filtrante o aspirante? Ecco una guida semplice per conoscerne le differenze, i pro e i contro, e valutare autonomamente quale scegliere

Fori areazione cucina come e quanti ne servono per la sicurezza
I fori di areazione per la cucina sono imposti dalla legge. Scopriamo a cosa servono, le misure e le regole a cui attenersi per rispettare la sicurezza

Distanza cappa dal piano cottura e montaggio cappa da parete
Quale distanza mantenere tra cappa e piano cottura e tutti gli step necessari per montare la cappa filtrante a parete autonomamente

Quando, come e perché sostituire i filtri cappa cucina
Pulizia o sostituzione dei filtri cappa della cucina: quali sono i tipi di filtri da sostituire o pulire e quale la tempistica entro cui farlo

Quali sono e come scegliere tra le diverse tipologie di cappe per cucina, in funzione della dimensione, della portata ed altro
Distinzione tra i diversi tipi di cappa per cucina e descrizione della loro struttura e prestazioni

Montare cappa sottopensile filtrante: gli step da seguire
Vorresti montare la cappa sottopensile da solo e non sai come fare? Qui trovi descritti gli step per eseguire il lavoro autonomamente senza difficoltà

Linea
lineaPrivacy PolicylineaCookie Policy lineapreferenzelinea chi siamo lineaDisclaimerlineacanale you tubelineaFan Page FacebooklineaCopiright.linea
Linea