Spazio trasparente.
 
Cosa c’è da valutare nel sostituire il vecchio climatizzatore fisso per quanto riguarda il gas e le tubature esistenti.
 
Foto articolo.
Dopo anni di onorato servizio, magari in pieno caldo quando la sua funzione è più che mai desiderata, il climatizzatore smette di funzionare. Eseguito qualche tentativo per rianimarlo, non c’è proprio niente da fare se non procedere alla sua sostituzione con un modello di nuova generazione.

Sostituire il vecchio climatizzatore è un’operazione che deve essere eseguita da una persona estremamente competente, effettuarla infatti comporta avere maggiori nozioni tecniche della sola fase di montaggio. Ci riferiamo non al caso in cui il vecchio viene completamente rimosso e con esso tutte le tubature esistenti, ma alla condizione in cui vogliamo lasciare le vecchie tubature per far funzionare il nuovo climatizzatore.

Affrontiamo questa particolare circostanza per fare una distinzione tra i vari tipi di gas ed oli che possono essere presenti nel circuito del climatizzatore e cosa comportano tali differenze in fase di installazione.

Anche se attualmente il mercato propone climatizzatori con gas R410A, sono stati commercializzati prodotti con gas R22 e R407C. È avvenuto qualche anno fa un passaggio obbligatorio dal gas R22 a gas ecologici, in fase transitoria all’R407C ed in fase definitiva al più prestante R410A.

Differentemente dal gas R22 il gas R407C è una miscela di tre gas (R32, R134, R125) che all’interno del circuito non si comportano allo stesso modo del gas R22. I tre gas sono scibili tra di loro ed anche se mescolati non formano un fluido omogeneo. Il gas R410A è formato da una miscela di due gas (R32 e R125) che nel circuito si comportano come se fossero un unico fluido.

Il gas R22 è di tipo minerale, mentre gli altri due sono di tipo sintetico, ciò comporta l’utilizzo di oli minerali nel primo caso e sintetico per gli altri due tipi di gas. La pressione del gas è diversa nell’R410A in quanto più elevata.

Abbiamo fatto questa piccola premessa per rendere più chiaro cosa succede nella fase di installazione di un nuovo tipo di climatizzatore su un vecchio impianto. Prima cosa da capire è che tipo di gas montava il climatizzatore che abbiamo rimosso. Con lo stesso tipo di gas non ci sono problemi, cosa diversa quando passiamo da un gas ad un altro. Se il gas era di tipo R22 e procediamo a montare un R407C, ci troviamo a dover effettuare una pulizia totale del circuito a seconda dei casi con appositi detergenti e poi con Azoto ad alta pressione. Questo processo permetterà di eliminare tutte le sostanze oleose che possono generare delle reazioni con il nuovo tipo di fluido presente nel circuito.

Nel caso di gas R410A, oltre ad effettuare questa procedura per la pulizia delle linee frigorifere, sarà necessario agire anche sulla tubatura esistente, con l’aggiunta di tubatura in grado di reggere la pressione superiore di questo tipo di gas.

Effettuare l’installazione senza tenere in considerazione questi aspetti, comporterà nel caso del montaggio di un climatizzatore con gas R407C, il suo non corretto funzionamento con un conseguente grippaggio nell’arco di un periodo di tempo molto limitato, e nel caso di un R410A uno scoppio del circuito frigorifero.

Quest’articolo è scritto per rendere più chiaro a cosa si va incontro nell’ipotesi di un’eventuale sostituzione del prodotto, ed allo stesso tempo per consigliare che in una simile circostanza è necessario affidarsi ad un tecnico specializzato.

Pubblicato: giovedì 9 giugno 2011
Articolo aggiornato: giovedì 2 marzo 2017

articoli sul tema:
 
 
Spazio trasparente.
Tra un po' arriverà il grande caldo e allora, prima che vi colga impreparati, sarebbe giusto assicurarsi del corretto funzionamento dei condizionatori d'aria. La loro cura è un processo fondamentale per garantire l'efficienza dell'impianto di climatizzazione e scongiurare problemi tecnici che impedirebbero alla macchina di svolgere un buon lavoro.

Pubblicato:
mercoledì 3 giugno 2015
 
 
Spazio trasparente.
Un impianto di climatizzazione può essere considerato come un insieme di elementi in grado di generare del benessere. Infatti con la sua capacità di variare le condizioni dell’aria nel quale è posizionato, rende l’ambiente confortevole aumentando la sensazione di benessere.

Pubblicato:
mercoledì 31 luglio 2013
 
 
Spazio trasparente.
Il consumo dei climatizzatori d’aria incide in modo considerevole sul consumo globale di energia elettrica, pertanto il bisogno di ottimizzare o meglio, di ridurre i consumi energetici del mondo, ha spinto il legislatore ha rivedere la normativa che regolamenta l’energy label dei climatizzatori, al fine di rendere il più evidente possibile il consumo di ogni singolo prodotto ed indurre all’acquisto di modelli sempre più a basso assorbimento elettrico.

Pubblicato:
venerdì 9 novembre 2012
 
 
Spazio trasparente.
L’aria che respiriamo è un elemento fondamentale per il nostro benessere psicofisico. Ogni giorno respiriamo circa 2200 volte e la qualità dell’aria non è sempre buona.

Pubblicato:
lunedì 18 aprile 2011
 
 
Spazio trasparente.
In un'altra articolo abbiamo affrontato l’argomento inerente al limite di riscaldamento di un condizionatore durante il periodo invernale. In questa stesura ci occupiamo invece del suo limite nel mandare aria calda nella mezza stagione.

Pubblicato:
venerdì 12 maggio 2017
 
 
Spazio trasparente.
La gamma dei condizionatori portatili della Olimpia Splendid è formata da ben 8 modelli, ognuno di loro con caratteristiche tecniche e capacità termiche differenti, così da poter soddisfare le diverse esigenze di raffreddamento degli ambienti domestici.

Pubblicato:
lunedì 9 febbraio 2015
 
 
Spazio trasparente.
Prima dell’entrata in vigore della nuova regolamentazione energetica, per i condizionatori d’aria split, il calcolo della classe di efficienza veniva effettuato senza tenere in considerazioni la modulazione della potenza (climatizzatore inverter) e la temperatura esterna ed interna dell’area geografica di installazione del condizionatore.

Pubblicato:
lunedì 28 aprile 2014
 
 
Spazio trasparente.
Ancor prima che si assistesse allo sviluppo della rete ed alla diffusione capillare di apparecchiature capaci di collegarsi ed interagire con essa, già qualche azienda stava studiando il modo di poter controllare a distanza il climatizzatore split. Si parlava di una tecnologia che grazia all’invio di un sms, riusciva ad attivare il suo funzionamento.

Pubblicato:
martedì 16 aprile 2013
 
 
Spazio trasparente.
Una linea di climatizzatori compatti, poco invasivi ed un design bello da vedere. Sono ideali per creare, sia per esigenze familiari o professionali, il microclima ottimale nel rispetto dei bassi consumi energetici.

Pubblicato:
sabato 18 dicembre 2010
 
 
Spazio trasparente.
Abbiamo già parlato di anomalie di carattere generale che i diversi impianti di condizionatori fissi dei differenti produttori possono manifestare, ma nello specifico di ogni produttore ed addirittura in alcuni casi differenziandosi per modello, ci sono dei codici specifici per ognuno di loro, che vengono restituiti sul display o sul telecomando per comunicarne il difetto.

Pubblicato:
venerdì 19 giugno 2015
 
 
commenti:
Icona regione.
Daniela da Staranzano giorno 02/03/2017
Buongiorno, vorrei sostituire il mio vecchio clima del '95 con uno di nuova generazione. I tubi originali sono stati messi sotto traccia, ora mi dicono che dopo la pulizia del gas delle vecchie tubazioni, potrei avere nel tempo dei problemi di fuoriuscita e conseguenti perdite lungo il percorso dei tubi. Vorrei che mi venisse garantito il lavoro anche dopo la scadenza dei 24 mesi. Gradirei vs consigli. Grazie
 
Icona elettro-domestici.com
 
Buongiorno Daniela, effettivamente il tipo di gas refrigerante del vecchio impianto è diverso rispetto a quello ecologico che è in uso ora. La differenza di gas comporta una serie di incompatibilità con impianti dove c’è stato il vecchio gas, che potrebbero essere superate con delle modifiche e delle accurate pulizie delle tubazioni. Però rimangono sempre margini per il verificarsi di problemi e incompatibilità, della quale garanzia è il tecnico che deve assumersela. In casi così particolari mi affiderei al tecnico professionista che ti segue, in fondo è lui che deve fare il lavoro.
Icona regione.
Fabio da Vicenza giorno 14/06/2014
Salve, volevo qualche informazione in più riguardo al trattamento dei vecchi tubi con azoto, in quanto devo sostituire un vecchio clima (R407) con uno nuovo (R410). Ci sono dei macchinari particolari e per il lavaggio come si effettua?
 
Icona elettro-domestici.com
 
Buongiorno Fabio, ti consiglio di rivolgerti ad un tecnico specializzato, per effettuare l’operazione ci vuole la competenza e l’attrezzatura.
Icona regione.
Salvatore da Napoli giorno 03/06/2014
Sera mi hanno installato un clima R410 su una tubazione già esistente, la quale portava un clima da 407 senza alcun lavaggio solo con il vuoto. A cosa vado in contro?
 
Icona elettro-domestici.com
 
Buongiorno Salvatore, la procedura più corretta sarebbe quella di lavare prima i tubi con lo stesso refrigerante, R407 poi con l’azoto e poi il vuoto. Se ciò non avviene rimangono sostanze che possono inficiare il corretto funzionamento dell’impianto. Con il passaggio al gas R410A c’è da considerare anche lo spessore della tubatura.
Icona regione.
Gennaro da Napoli giorno 10/07/2013
Ciao, potrei sapere se c'è differenza tra gas R410A ed R410?
 
Icona elettro-domestici.com
 
Buonasera Gennaro, il gas si chiama R410A, anche se per comodità a volte viene chiamato solo R410, ma è la stessa cosa.
Icona regione.
Thomas da Milano giorno 10/07/2012
Salve, devo cambiare un vecchio climatizzatore della Schneider (installato su nuovo circuito) che usa gas R407 con uno nuovo che usa l'R410 e oggi devo andare a ritirarlo. Ho letto l'articolo sopra e le risposte alle domande, in merito alla pulizia eventuale del circuito leggo che è sufficiente fare un buon vuoto e installare direttamente il nuovo con gas relativo, ma l'installatore di fiducia (che non opera lavaggi circuito) si è informato e mi ha caldamente suggerito il lavaggio, pena problemi e rotture probabili del clima, come a lui detto da un suo collega più esperto... Sinceramente non so più che fare, vi prego di dipanare i miei dubbi e di consigliarmi qualcuno per l'installazione! Grazie!
 
Icona elettro-domestici.com
 
Ciao Thomas,
scusa per il ritardo ma altri impegni mi hanno impedito…..dunque il tuo tecnico dice bene, in realtà nell’altro commento forse ho spiegato un po’ male, nel senso che si fa riferimento alla non necessità di lavaggio con detergenti particolari, ma alla fine si parla dell’impiego dell’azoto, con il quale bisogna fare sempre il lavaggio.
Icona regione.
Nicolo' da Mulazzano giorno 02/07/2012
Ho un vecchio climatizzatore con Gas r22. Da premettere che ho fatto caricare il clima e mi sono accorto che dopo neanche 2 giorni e' nuovamente scarico ( adesso e' chiaro che c'e' una perdita ). Volevo chiedere se mi conviene fare intervenire l'idraulico con pompa di svuotamento , poi mandare in pressione con l'azoto ed intervenire sulla perdita o acquistare un nuovo climatizzatore ? Vi ringrazio anticipatamente della Vostra risposta.
 
Icona elettro-domestici.com
 
Considerato che il climatizzatore è a gas R22 deve essere vecchiotto, a meno che non sia un climatizzatore particolarmente prestante e anche inverter, non ci spenderei dei soldi, ma lo sostituirei con uno di nuova generazione. Certo la c’è da fare una spesa iniziale, ma a confronto delle continue spese per quello vecchio...
Icona regione.
Christian da Treviso giorno 02/07/2012
Buongiorno possiedo una jeep del 1980 con condizionatore: volevo sapere se posso sostituire la pompa del compressore con una che utilizza il gas di nuova concezione r 410. Devo fare solo il lavaggio circuito? cambiare i tubi? e il radiatore esterno?avendo già la pompa di nuova concezione che costo potrebbe avere l’operazione?
Grazie mille.
 
Icona elettro-domestici.com
 
Ciao Christian,
non ho esperienza nello specifico della jeep, a rigor di logica per quanto riguarda gas, oli ecc non cambia niente.
Icona regione.
Davide da Milano giorno 20/06/2012
Buongiorno anche io come nei casi precedenti ho un vecchio condizionatore che utilizza gas R407C e vorrei installarne uno nuovo con gas R410A. Se ho capito bene non è necessario sostituire i tubi giusto? Secondo lei a quanto ammonterebbe la cifra per la sostituzione del vecchio e il montaggio del nuovo?
GRAZIE.
 
Icona elettro-domestici.com
 
Ciao Davide, non è necessario sostituire i tubi come dicevamo nell’altro commento, per quanto riguarda il prezzo non so dirti, nel senso che parlando con diversi installatori a seconda anche della zona ci sono prezzi diversi. Per un’installazione spalla/spalla ho sentito prezzi da 150,00 euro fino a 300,00 euro, a Milano mi sa che costa…. Considera poi la disinstallazione del vecchio.
Icona regione.
Michele da Padova giorno 17/06/2012
Salve, vorrei sapere se devo sostituire il vecchio condizionatore che usa il gas R407 con uno nuovo che usa il gas R410 è necessario fare il lavaggio delle tubazioni?
 
Icona elettro-domestici.com
 
Ciao Michele, R407C e R410A sono entrambi due gas ecologici con composizione diversa, ma entrambi utilizzano come lubrificante olio POE (Polioliolesteri) miscibile con il gas refrigerante. In caso di sostituzione non c’è necessità di lavare il circuito con detergenti specifici come avviene nel caso del passaggio dall’R22, ma sostanzialmente di fare un buon vuoto all’impianto: è la procedura che viene effettuata quando si installa un climatizzatore. C’è poi da considerare che i lubrificanti POE sono molto igroscopici tendendo ad assorbire umidità, dannosa al funzionamento dell’impianto, quindi bisogna essiccare la tubatura con l’impiego di azoto.
Icona regione.
Alessandro da Bari giorno 12/06/2012
Ho da poco comprato casa e il vecchio proprietario si è portato via i condizionatori, adesso vorrei metterne dei nuovi, ma mi è stato detto che c'è il pericolo che il vecchio gas presente nelle tubature possa danneggiare i nuovi motori (tranne i Mitsubishi)... E' vero? e poi, quale potenza mi consigli per una stanza da letto di 15 mq e per un soggiorno di 25 mq? Grazie della disponibilità.
 
Icona elettro-domestici.com
 
Ciao Alessandro,
in realtà nelle tubazioni rimangono sostanze come cloruri e residui di oli minerali, che non sono compatibili con gli attuali climatizzatori con gas R410A, pertanto prima di impiantare un nuovo climatizzatore su un vecchio circuito dove era presente un climatizzatore con gas R22, bisogna procedere ad una bonifica dell’impianto o alla sua sostituzione. Questo avviene in linea generale, però è vero che alcuni climatizzatori della Mitsubishi Electric utilizzano la “Electric Replace Technology” che evita la sostituzione del vecchio impianto andando a risolvere il residuo di cloro con l’impiego di un olio alchilbenzenico ed il surriscaldamento che si verrebbe a creare nel compressore, con l’impiego di compressori di alta efficienza (rotativi e scroll). Premettendo che per un corretto dimensionamento deve essere effettuato un sopralluogo per determinare tutti i carichi termici, valutato l’utilizzo estivo o anche invernale, le temperature esterne ed altro, posso dirti che per i tuoi ambienti vanno bene un 9000 btu/h ed un 12000 btu/h. Se poi ti orienti su Mitsubishi con tecnologia inverter, assicurati che abbiano l’altra tecnologia per la tubatura, forse puoi andar bene anche con due 9000 btu/h, ma è una valutazione tecnica del locale ed anche della potenza massima della macchina.
Icona regione.
Massimiliano da Roma giorno 03/09/2011
Vorrei sapere inoltre, avendo un impianto con R22, se sono ancora in vendita climatizzatori che utilizzano gas R407C.
 
Icona elettro-domestici.com
 
L'utilizzo del gas R407C ha lasciato il posto da tempo al gas R410A, è stato utilizzato come gas di transito in attesa di adeguare la struttura tecnica degli impianti al definitivo R410A. Non credo se ne trovino. Ciao.
 
 
Linea
 
lineaPrivacylineaDisclaimerlineaContattacilineaGoogle PublisherlineaFan Page FacebooklineaCopiright.lineaiubendalinea
Linea
 
Torna su