Icona accesso.
 
 
 
 
 
 

WBR 350, tester per analizzare e risolvere le anomalie di funzionamento di un inverter nei climatizzatori d’aria ed altri elettrodomestici.

Quando ci si trova davanti ad un guasto su un elettrodomestico che impiega la tecnologia inverter, non è possibile determinare in modo esatto e rapido se tale anomalia dipenda dal sistema inverter o da altre componenti del prodotto.

Il tecnico per affrontare la problematica nella maggior parte dei casi cerca di risolvere il problema andando a intuizione o basandosi sulla propria esperienza, in ogni caso comunque con una perdita di tempo o di denaro per il consumatore.

Per testare l’inverter può dotarsi di una strumentazione particolare ed adatta per la misurazione dei dati inverter, la quale non è di facile reperibilità.

Abbiamo a tal proposito individuato sul mercato un prodotto, unico in Europa, della WBR ELETTRONICA, che è in grado in pochissimi secondi di effettuare il test sul dispositivo inverter e indicare attraverso l’illuminazione di alcuni led  il suo stato di funzionamento. Si tratta del modello WBR 350, un apparecchiatura dalle dimensioni particolarmente contenute, ovvero 10 cm di lunghezza, 6 cm di larghezza ed appena 2,5 cm di altezza.

Il WBR 350 non necessita di alcuna alimentazione esterna, ne di batterie interne, ma si autoalimenta tramite l’inverter, al quale si collega per mezzo dei tre connettori (U-V-W).

Vediamo ora come utilizzare il WBR 350: la prima cosa da fare è quella di spegnere l’elettrodomestico, successivamente bisogna scollegare i tre fili che vanno dall’inverter al compressore se si tratta di un condizionatore d’aria, mentre per lavatrici, lavastoviglie ed altri elettrodomestici, scollegare i tre fili che vanno dall’inverter al motore. A questo punto bisogna collegare i tre fili dell’inverter al dispositivo WBR 350, rispettando le connessioni U-V-W. Il quarto passaggio consiste nell’accensione dell’elettrodomestico e consequenzialmente viene restituito il risultato del test con l’accensione dei led sul frontale del tester.

Ci possiamo trovare davanti a tre casi diversi:

Tutti i 6 led (L1,L2,L3,L4,L5,L6) si accendono e spengono in contemporanea ed in modo uniforme: inverter completamente funzionante.

Uno dei rami dei tre led (L1 e L4 o L2 e L5 o L3 e L6) non si accendono: siamo in presenza di una anomalia di una uscita del sistema inverter.

Non si accende nessun led (L1,L2,L3,L4,L5,L6): ci troviamo in presenza di un inverter totalmente guasto.

Per ulteriori informazioni vi rimandiamo alla pagina di dove abbiamo trovato il prodotto, quindi del sito del produttore Wbrelettronica.

 
Condividi su FacebookCondividi su TwitterCondividi su RedditCondividi su WhathsappCondividi tramite email
 

 
 
 
 
 
 
 

Non hai trovato cosa cercavi? Suggerisci, commenta o aggiungi qualcosa: compila il modulo.

supporto
 
 
Altri articoli che ti potrebbero interessarti:
 
 
Spazio trasparente.
Immagine rappresentativa articolo.

Normalmente un condizionatore viene utilizzato per raffreddare o riscaldare un ambiente rispettivamente nel periodo estivo ed in quello invernale. Oltre a tali modalità, lo ricordiamo, c’è anche quella relativa alla deumidificazione di cui abbiamo parlato in altri articoli.
 
 
Spazio trasparente.
Immagine rappresentativa articolo.

Non appena arriva la stagione calda e lo stesso si fa insopportabile, nasce l’esigenza di acquistare un condizionatore portatile per rinfrescarsi.
 
 
Spazio trasparente.
Immagine rappresentativa articolo.

Una forte convergenza, da parte di tutti i produttori di climatizzatori fissi, si è concretizzata nell’impiegare, nella loro produzione, la tecnologia inverter, che invece è poco impiegata nella costruzione di condizionatori portatili.
 
 
Spazio trasparente.
Immagine rappresentativa articolo.

I simboli telecomando condizionatore possono essere diversi a seconda delle funzioni specifiche e particolari del modello di condizionatore che stiamo utilizzando. Potremo trovarci davanti ad un telecomando climatizzatore con molti simboli, ognuno dei quali può dare comandi condizionatore specifici per delle condizioni ambientali da raggiungere o formare.
 
 
Spazio trasparente.
Immagine rappresentativa articolo.

In un precedente articolo ci eravamo già occupati dei passaggi che erano avvenuti nel tempo, tra i diversi gas del condizionatore, quindi del vecchissimo R 22, al passaggio al gas R407C, per poi arrivare in tempi non molto lontani al più performante e meno inquinante (in caso di dispersione), del gas R410A.
 
 
Spazio trasparente.
Immagine rappresentativa articolo.

Ci siamo soffermati in altre occasioni sull’impiego della modalità di deumidificazione del condizionatore d’aria, che riesce ad asportare l’umidità presente in un ambiente. Abbiamo visto quali sono i limiti del suo utilizzo nel periodo invernale e sancito come essa possa essere impiegata favorevolmente nel periodo estivo.
 
 
 
 
 
 
 

 
Linea
 
lineaPrivacy Policy lineaCookie Policy lineaDisclaimerlineacanale you tubelineaFan Page FacebooklineaCopiright.linea
Linea