Vediamo qual è il significato dei codici di errore restituiti in caso di malfunzionamento di un condizionatore della Daikin.

Abbiamo già parlato di anomalie di carattere generale che i diversi impianti di condizionatori fissi dei differenti produttori possono manifestare, ma nello specifico di ogni produttore ed addirittura in alcuni casi differenziandosi per modello, ci sono dei codici specifici per ognuno di loro, che vengono restituiti sul display o sul telecomando per comunicarne il difetto.

In questo articolo ci soffermiamo sui codici che interessano la linea di condizionatori della Daikin. Però prima di proseguire con l’elencarli, è opportuno specificare che i codici non interessano tutti i modelli della gamma, ma solo parte di essi, pertanto in una ipotetica coincidenza è da tenere in considerazione che l’indicazione data deve essere considerata di carattere generale e non per forza equivalente al proprio caso.

I codici che andremo ad elencare sono stati estrapolati in modo specifico e riguardano i modelli FTXG20LV1BW, FTXG25LV1BW, FTXG35LV1BW, FTXG50LV1BW, FTXG20LV1BS, FTXG25LV1BS, FTXG35LV1BS, FTXG50LV1BS anche se ne abbiamo aggiunti altri che interessano altri modelli e comunque si può trovare riscontro per altri modelli non citati.

I codici di errore vengono segnalati sul telecomando del condizionatore dove in questo momento (vedi disegno) è evidenziato il valore 00, normalmente invece vi compare la temperatura impostata. Per visualizzare il codice del difetto bisogna tenere premuto per circa 5 secondi il tasto “cancel” (in basso a sinistra), trascorso tale tempo comparirà il doppio zero lampeggiante, a seguire bisogna premere ancora e ripetutamente il tasto “cancel” fino a che si sente un bip continuo, che si trasforma in un bip lungo e con la relativa indicazione di uno dei codici, che andremo a descrivere, nel display al posto dei due zeri.

Telecomando Daikin.
 
Gli errori si distinguono tra quelli di sistema, quelli dell’unità interna e quelli della parte esterna.

Errori di sistema:

00: condizione di normalità;

U0: indica la mancanza di gas refrigerante, pertanto è necessario l’intervento di un tecnico specializzato per verificare la quantità presente, l’eventuale punto di perdita, la riparazione e l’immissione del quantitativo mancante;

U2: indica una caduta o una sovratensione del circuito primario, controllare che la corrente arrivi correttamente e che non ci siano punti di bruciatura nel circuito elettrico;

U4: c’è un difetto nella trasmissione di comunicazione tra le due unità.

Errori dell’unità interna:

A1: si è in presenza di un guasto del circuito stampato della scheda elettronica, può capitare che si verifichi dopo uno sbalzo di corrente, è opportuno verificare che non ci siano punti di bruciatura o la presenza di polvere;

A5: indica che è entrato in funzione l’apparato di controllo per la protezioni dell’anti-congelamento o dell’alta pressione;

A6: comunica che c’è una anomalia al motore del ventilatore tangenziale, controllarne che sia libero, pulito e che i collegamenti sono ok;

C4: indica un guasto al sensore di temperatura dello scambiatore di calore dello split;

C7: problema di apertura e/o chiusura del pannello anteriore dello split, verificare il funzionamento dei relativi supporti;

C9: c’è un’ anomalia al sensore di temperatura dell’aria in aspirazione e pertanto lo split non è capace di regolare il funzionamento.

Errori dell’unità esterna:

EA: problema sulla commutazione tra raffreddamento e riscaldamento, interessata la valvola a 4 vie;

E1: problema al circuito stampato della scheda elettronica dell’unità esterna;

E5: è entrato in funzione il sistema OL, ovvero una protezione che interviene nel momento in cui si verifica un sovraccarico del lavoro del compressore;

E6: siamo in presenza del blocco di funzionamento del compressore;

E7: il ventilatore del blocco esterno è andato in blocco, potrebbe dipendere da una alimentazione non costante o assente;

F3: indica una elevata temperatura nel tubo di mandata;

F6: comunica, in corso di funzionamento in modalità raffreddamento, l’entrata in funzione del sistema di controllo dell’alta pressione;

H0:  segnala un guasto al sensore del compressore;

H6: segnala l’arresto del funzionamento a causa di una errata posizione del sensore di rilevamento;

H8: segnala una anomalia al sensore della tensione, quindi controllare che non ci siano corto circuiti o punti anneriti, bruciati;

H9: indica una anomalia al sensore esterno di aspirazione dell’aria;

J3:  indica una anomalia al sensore del tubo di scarico;

J6:  indica una anomalia al sensore dello scambiatore di calore esterno;

L3: segnala la presenza di un surriscaldamento di componenti elettrici;

L4: aumento temperatura delle alette di irradiazione;

L5: segnala il rilevamento di un sovraccarico di corrente in uscita;

P4: indica una anomalia al sensore delle alette di irradiazione;

PA: circuito riscaldatore interrotto;

PH: indica un guasto al termistore in uscita della ventola di umidificazione oppure un anomalia nella temperatura del riscaldatore. Verificare il termistore e la funzionalità della ventola.

P9: blocco della ventola di umidificazione, controllare la funzionalità della ventola.

Ultima pubblicazione: 19/06/2015
Condividi su FacebookCondividi su TwitterCondividi su RedditCondividi su WhathsappCondividi tramite email

Icona regione.
Sandro da Savona giorno 04/08/2022
Ho dei problemi con un condizionatore Daikin R32 con 2 split, mi compare la dicitura UH sugli allarmi non funziona bene il raffreddamento, a volte va a volte non rinfresca, potrebbero essere invertite le due alimentazioni esterne l'elettrico di uno con il collegamento in rame dell'altro?
 
Icona elettro-domestici.com
 
Buongiorno Sandro, l’errore specifica proprio un errato collegamento tra unità interna ed esterna. Tuttavia potrebbe anche dipendere da un difetto della scheda. Se si tratta di una installazione nuova, direi di far rivedere i collegamenti elettrici, se invece si tratta di un impianto preesistente, che ha lavorato negli anni scorsi correttamente, i collegamenti sono rimasti invariati, pertanto si tratta di scheda.
 
 

Non hai trovato cosa cercavi? Suggerisci, commenta o aggiungi qualcosa: compila il modulo.

 
supporto
Ho letto ed accetto la privacy policy
 
 
Articoli correlati:
 
Immagine rappresentativa articolo.
Oltre alle anomalie di carattere generico che un po’ tutti i condizionatori fissi (split) dei diversi produttori possono manifestare, ci sono le anomalie o meglio dei difetti di funzionamento che sono tipiche di ogni condizionatore e che vengono indicati con dei codici che compaiono sul display del condizionatore o del telecomando.
 
 
Immagine rappresentativa articolo.
La gamma dei condizionatori portatili della Olimpia Splendid è formata da ben 8 modelli, ognuno di loro con caratteristiche tecniche e capacità termiche differenti, così da poter soddisfare le diverse esigenze di raffreddamento degli ambienti domestici.
 
 
Immagine rappresentativa articolo.
Prima dell’entrata in vigore della nuova regolamentazione energetica, per i condizionatori d’aria split, il calcolo della classe di efficienza veniva effettuato senza tenere in considerazioni la modulazione della potenza (climatizzatore inverter) e la temperatura esterna ed interna dell’area geografica di installazione del condizionatore.
 
 
Immagine rappresentativa articolo.
Ancor prima che si assistesse allo sviluppo della rete ed alla diffusione capillare di apparecchiature capaci di collegarsi ed interagire con essa, già qualche azienda stava studiando il modo di poter controllare a distanza il climatizzatore split. Si parlava di una tecnologia che grazia all’invio di un sms, riusciva ad attivare il suo funzionamento.
 
 
Immagine rappresentativa articolo.
Per i climatizzatori d’aria split, destinati al solo raffreddamento, l’energy label cambia volto a partire dall’1 gennaio del 2013. Il cambio dell’etichettatura è mosso dall’esigenza, da parte del legislatore, di mettere in evidenza i miglioramenti delle prestazioni, riferite al consumo energetico, al fine di rendere il consumatore consapevole delle differenze tra i vari prodotti in commercio, e conseguentemente, su tale spinta, ridurre il consumo globale di energia elettrica.
 
 
Immagine rappresentativa articolo.
La pulizia del condizionatore d’aria è di fondamentale importanza per garantirne un perfetto funzionamento, non ridurre pertanto le prestazioni ed assicurarsi sempre il massimo della resa sia in termini di raffrescamento, di riscaldamento e di ottimizzazione dei consumi energetici, e di evitare eventuali immissioni di batteri all’interno dell’ambiente in cui è in funzione.
 

Linea
lineaPrivacy PolicylineaCookie PolicylineaDisclaimerlineacanale you tubelineaFan Page FacebooklineaCopiright.linea
Linea