Icona accesso.
 
 
 
 
 
 

Come funziona la lavatrice: scopri la sequenza delle fasi di lavaggio per trovare il guasto

come funziona la lavatrice

Cosa trovi in questo articolo

  1. Come è fatta la lavatrice;
  2. Componenti della lavatrice;
  3. Lavatrice come funziona in linea generale;
  4. Come funziona una lavatrice nel dettaglio;
  5. Video sequenza funzionamento di una lavatrice;
  6. Domande frequenti su come funziona la lavatrice;
  7. Domande poste dai consumatori;
  8. Commenti per chiedere informazioni.



Come è fatta una lavatrice

La lavatrice è fatta da un mobile in metallo al cui interno ci sono una serie di componenti che consentono il suo funzionamento. Sia che si tratti di un modello con la carica frontale o dall'alto, al suo interno c'è il cestello. Un un cilindro in acciaio orizzontale nel primo caso, verticale nel secondo, che presenta una estremità aperta o apribile, dalla quale si inseriscono gli indumenti, e dall'altra, nel modello frontale, è fissato alla vasca, mentre in quella dall'alto il punto di fissaggio alla vasca è dalle due estremità laterali. Il cestello è inserito all'interno della vasca destinata al contenimento dell'acqua, che passa nel cestello attraverso i tanti fori che sono distribuiti lungo tutta la sua superficie.

Componenti di una lavatrice

Ma vediamo ora quali sono tutti i componenti di una lavatrice al fine di cominciare ad avere dimestichezza con essi e capire ancora più nel dettaglio come è fatta una lavatrice all'interno. Per descriverli utilizzeremo degli esplosi di una lavatrice electrolux dividendoli per sezioni. Gli schemi rappresentati sono, in linea di massima, compatibili con tutti i marchi di lavatrice. Nello specifico di ognuna di loro si potrà riscontrare qualche differenza, ma la sostanza non cambia.

1) Mobile lavatrice;
2) Elementi funzionali;
3) Parte idraulica;
4) Parte elettrica.

Nel primo disegno abbiamo evidenziato 6 parti della lavatrice che nell'insieme creano la sua struttura. Il top (1) o coperchio della lavatrice si fissa al mobile in metallo (2) che rappresenta la struttura dove si ancorano i componenti della lavatrice. Il pannello frontale (3) che in questo caso è un pezzo a se stante, in alcuni modelli di lavatrice invece è un pezzo unico con il mobile (2). Nella parte posteriore un pannello (4) di chiusura del mobile, rappresenta la parte amovibile che permette l'accesso ai componenti interni della lavatrice. I piedi (5) distanziano il mobile dal pavimento e servono per regolare l'altezza e mettere in bolla lavatrice. Per finire sul davanti lo sportellino (6) di accesso al filtro. Su alcuni modelli è accessibile rimuovendo uno zoccolo posto alla base della lavatrice.

componenti mobile lavatrice

Ora passiamo agli elementi funzionali della lavatrice. Sono quelli che si trovano all'interno del mobile, costituiscono nell'insieme la parte che potremmo definire statica della lavatrice, nel senso che sono dei pezzi che consentono il funzionamento di una lavatrice ma che non assolvono ad un'azione elettrica o di rilevazione di un processo specifico del lavaggio. Il gruppo vasca (1) è il contenitore cilindrico del cestello. Questi due componenti nel corso del tempo sono diventati un unico pezzo. All'interno del cestello ci sono i trascinatori asimmetrici (12), mentre il gruppo vasca è appeso al telaio della lavatrice tramite quattro molle (4). Sopra la vasca ci sono degli incastri dove si fissa con delle viti (6) il peso di cemento (5). Il contrappeso (7) su alcune lavatrici, non c'è in tutte, è presente anche sotto la vasca ed è fissato sempre con delle viti (8). Dalla parte inferiore il gruppo vasca è sostenuto da due ammortizzatori (14), fissati da entrambi i lati con dei perni di plastica (13). Sulla parte frontale della vasca è fissata la guarnizione (10) con due molle la prima (9) che la fissa al labro della vasca e la seconda (11) al telaio della lavatrice. Nella parte posteriore c'è la puleggia (2) e la cinghia (3).

componenti funzionali lavatrice

Per parte idraulica possiamo intendere tutti i componenti della lavatrice che sono soggetti al passaggio dell'acqua. Ne abbiamo sostanzialmente due quella superiore alla vasca e quella inferiore. Nella parte sopra c'è il cassetto del detersivo (1) mentre nella parte inferiore il manicotto di unione vasca pompa (2), il corpo pompa (3) ed infine la campana dell'aria (4). Quest'ultima non è presente su tutte le lavatrici.

componenti idraulici lavatrice

I componenti descritti nel dettaglio si compongono di più pezzi e nello specifico: il contenitore del cassetto del detersivo (1) il cassetto del detersivo (2), il sifone per additivi (4), il separatore per detersivi liquidi (3), il convogliatore acqua (5) ed i tubi di carico acqua da elettrovalvola (6).

componenti idraulici superiori lavatrice

Nel dettaglio i componenti idraulici inferiori sono quelli che abbiamo visto dei quali evidenziamo, in quanto non fatto nel disegno precedente, il tappo filtro (1).

componenti idraulici inferiori lavatrice

Completiamo il quadro di com'è fatta la lavatrice, soffermandoci sui componenti elettrici, così da avere un quadro preciso dei componenti e poter passare a descrivere lo schema funzionamento lavatrice. Il primo componente è l'elettrovalvola (1) responsabile del carico dell'acqua, il cui livello viene rilevato dal pressostato (2), Tp non è un componente elettrico, ma un tubicino in gomma che si collega al punto 4 del disegno precedente. La resistenza di riscaldamento (3), in essa infilato la sonda ntc (9), che tuttavia non è un componente elettrico. Il motore (4), il bloccoporta (5), la pompa di scarico (6), la scheda elettronica (7) che può essere posizionata in alto come in questo caso ma anche in basso al mobile in altri modelli, la scheda display (8). Oltre a questi, ci sono altri componenti minori che hanno un ruolo marginale nel funzionamento della lavatrice, e nel disegno non sono evidenziati i cablaggi, che consentono la comunicazione elettrica verso i componenti.

componenti elettrici lavatrice

Funzionamento lavatrice in generale

Il ciclo lavaggio lavatrice segue una serie di fasi che si susseguono e che possiamo riassumere sintetizzando, nel caricamento dell’acqua, le diverse fasi di risciacquo, dove, a seconda del modello, ci possono essere differenti rotazioni del cestello e centrifughe intermedie, lo scarico dell’acqua e la centrifuga conclusiva, se non esclusa, che termina il processo.

Questo è quanto avviene in linea molto generale nel funzionamento della lavatrice. Ora cerchiamo però di capire come funziona la lavatrice nel dettaglio dei singoli passaggi, quali sono i componenti interessati nel ciclo di lavaggio in modo da essere certi di come funziona la lavatrice e conseguentemente in caso di un suo mancato funzionamento, quale parte del sistema non sta funzionando correttamente. Comprendere la "sequenza funzionamento di una lavatrice" consente di eseguire una diagnosi del guasto e poter riparare da soli lavatrice. Prima di procedere nella fase descrittiva, diciamo subito che ci sono lavatrici particolarmente complesse che possono essere dotate di tecnologie specifiche e quindi non essere propriamente in linea con la descrizione dei passaggi, ma ribadiamo che in linea di massima sono questi.

Lavatrice funzionamento nel dettaglio dei passaggi

Il lavaggio inizia con la fase della programmazione, ovvero con l’impostazione del programma che a seconda del modello di lavatrice, può essere impostato con un selettore manuale (lavatrice manuale), per intenderci la manopola dove sono indicati i cicli o i numeri ad ognuno dei quali corrisponde un lavaggio, oppure da un quadro di comando digitale. In entrambi i casi una volta impostato il ciclo è premuto l’avvio si attivano le fasi del lavaggio in modo consequenziale, ovvero ognuna di esse segue l'altra e non si avvia se la precedente non è terminata positivamente. Questo significa che se ravvisiamo il non verificarsi di una azione, ad esempio il carico dell'acqua, il problema potrebbe non essere dovuto all'elettrovalvola, ma alla mancata conclusione della fase ad essa precedente. Ogni fase della lavatrice viene monitorata dalla scheda elettronica, che le avvia con un ordine preciso e solo nel momento in cui riceve un messaggio di ritorno positivo della sua conclusione passa alla successiva. Ma vediamo ora la sequenza di funzionamento di una lavatrice!

1) Tasto avvio lavaggio;
2) Chiusura dello sportello;
3) Attivazione pompa di scarico;
4) Allineamento pressostato sul vuoto;
5) Attivazione elettrovalvola;
6) Allineamento pressostato sul pieno;
7) Attivazione motore;
8) Attivazione resistenza di riscaldamento;
9) Scarico finale;
10) Attivazione centrifuga;
11) Apertura dello sportello.

Alcune volte, dato per scontato, ma responsabile del fermo della lavatrice, è l'avvio del programma. Nello specifico parliamo del tasto di avvio, che nel momento in cui viene premuto esercitata un contatto su un microinterruttore posto sulla scheda display che manda il segnale alla scheda elettronica principale di avviare il lavaggio.

Recepito il comando, si attiva la prima vera fase del ciclo: la chiusura dello sportello! Viene verificato se è chiuso, intendendo per chiuso che è stato spinto fino in fondo contro il telaio della lavatrice fino a sentire lo scatto del gancio di fissaggio, e solo dopo avere constato che questo è avvenuto, l'elettronica della lavatrice manda un altro impulso o comando, al blocco porta, che serra lo sportello. Il gancio viene bloccato e non è più possibile aprire l'oblò della lavatrice. Questo avviene per evitare, che lo sportello possa essere aperto durante il lavaggio, mettendo in questo modo la lavatrice in sicurezza.

Immediatamente dopo si attiva la pompa di scarico che resta in funzione per alcuni secondi o se c'è una rilevante presenza di acqua all'interno del cestello per un tempo leggermente più lungo. Il compito della pompa è quello di svuotare la vasca da acqua eventualmente residua all'interno e dare al contempo al verificarsi della terza fase del ciclo della lavatrice.

La terza fase che fondamentalmente è concomitante con la seconda è l'allineamento del pressostato sul vuoto. In buona sostanza la camera di compressione del pressostato, al termine di tale fase, si trova in un punto in cui la vasca è vuota e pertanto è in grado di misurare in una fase che giunge dopo il livello di riempimento della vasca.

Il comando successivo è quello dato all’elettrovalvola (1), che permette all’acqua, attraverso i tubi di carico elettrovalvola (6) di defluire nella lavatrice, passando attraverso un condotto che la porta, prima di arrivare nella vasca, a passare nel cassetto del detersivo. Qui a seconda se è stata impostato il prelavaggio, l’acqua scenderà nello scomparto (I) prelavaggio del cassetto del detersivo (1) e solo al termine di questa fase, verrà caricata nuovamente acqua nello scomparto (II) lavaggio.

In entrambi i casi l’acqua arriva all’interno della vasca riempiendola e per effetto del sua spinta comprime l’aria,  verso la campana dell'aria (4) o tubicino della trappola dell'aria (Tp), che si trova in fondo alla vasca, collegato ad un sensore di livello dell’acqua, il pressostato, che è tarato per resistere fino ad un determinato tipo di pressione, superato il quale scatta (allineamento pressostato sul pieno), mandando un segnale, al quale segue la chiusura dell’elettrovalvola, completando questa fase e dando il consenso per l'avvio della fase successiva.

Dopo che è avvenuto il carico dell'acqua non resta che attivare la fase di rotazione del motore che inizia a compiere dei giri, che possono avvenire in un verso o nell'altro a seconda del tipo di lavatrice. In alcuni modelli le prime fasi di rotazioni servono anche a rilevare la corretta distribuzione del carico all'interno del cestello, al fine di valutare se apportare riduzione alla velocità della centrifuga. In caso di un carico eccessivo e squilibrato può essere esclusa la centrifuga o essere anche bloccato il ciclo di lavaggio.

Nel frangente se è stato impostato un lavaggio con acqua calda, entra in funzione la resistenza elettrica (3),  immersa nella vasca, che riscalda l'acqua fino a quando il sensore di temperatura (9), un piccolo oggetto inserito nella resistenza o in alcuni modelli nella vasca della lavatrice, ne rileva il corretto riscaldamento. In entrambi i casi a contatto diretto con l’acqua, invia il segnale che ha raggiunto la temperatura che abbiamo impostato per il programma selezionato. Il riscaldamento dell'acqua viene interrotto e il lavaggio continua per il tempo stabilito dal ciclo impostato, intervallando rotazioni del cestello che si susseguono a dei momento di fermo.

Trascorso il tempo stabilito dal programma selezionato, questo viene gestito a livello elettronico, dalla scheda, all'interno della quale c'è il processore ed al suo interno il software di gestione dei singoli lavaggi, si attiva la pompa di scarico (6), lo scarico dell’acqua che dura al massimo fino ad un paio di minuti. Da qui in avanti restano ancora due fasi del lavaggio, che sono precedute, in base al tipo di programma, dalla fase del risciacquo. Difatti gli indumenti fino a questo punto sono stati lavati, è stata scaricata l'acqua ma al loro interno continua ad esserci residuo di detersivo, che per essere eliminato viene caricata acqua pulita. Seguono ulteriori rotazioni del cestello che terminano con uno scarico finale.

Questo avvia la penultima fase del ciclo della lavatrice: la centrifuga. Il cestello inizia a ruotare con una intensità sempre maggiore, raggiungendo nell'arco di alcuni minuti il numero di giri massimo impostato. La forza centrifuga consente di eliminare gran parte dell’acqua contenuta nei tessuti.

Al termine della centrifuga si assiste all'ultimo passaggio delle fasi consequenziali della lavatrice che è lo sblocco del sportello.

Video come funziona una lavatrice: sequenza fasi

 

Domande frequenti su come funziona la lavatrice

Dopo quanto tempo la lavatrice scalda l'acqua?
Terminata la fase di carico dell'acqua e dopo che la lavatrice ha eseguito le verifiche del bilanciamento del carico, si attiva la resistenza di riscaldamento, che impiega alcuni minuti prima che sia percepibile, toccando il vetro dell'oblò, il cambio di temperatura dell'acqua.

Come scalda l'acqua la lavatrice?
L'acqua viene riscaldata grazie ad una resistenza elettrica, isolata e ricoperta da una carcassa metallica, che si trova immersa nell'acqua. Il passaggio di corrente elettrica all'interno della resistenza la riscalda, il calore viene trasmesso alla carcassa metallica e da questa all'acqua.

Programma risciacquo lavatrice a cosa serve?
Il programma di risciacquo serve per eliminare eventuali i residui di sapone che restano al termine del lavaggio nei tessuti.

Scarico e centrifuga significato?
Si tratta di un programma che abbina lo scarico alla centrifuga. Può servire nel momento in cui un ciclo viene interrotto anticipando ciò che avverrebbe al suo termine se fosse lasciato finire.

Quanto dura il programma scarico acqua lavatrice?
La funzione scarico lavatrice
dura fino ad un paio di minuti.

 
Condividi su FacebookCondividi su TwitterCondividi su RedditCondividi su WhathsappCondividi tramite email
 

 
 
 
 
 
 
 
Commenti recenti
Icona regione.
Selena da Monza giorno 27/06/2022
Buongiorno, volevo un chiarimento sulla fase del prelavaggio: preferisco usare le palline per immettere il detersivo direttamente nel cestello insieme alla biancheria, ma mi sembra che la mia lavatrice elimini l’acqua del prelavaggio. Ho una Hoover slim DYNS DNG 7kg. Se è normale che la elimini, vale per tutte le lavatrici?
 
Icona elettro-domestici.com
 
Buongiorno Selena, il prelavaggio è una fase di preparazione al lavaggio. Prevede una sorta di sciacquo per rimuovere parte dello sporco e indebolire quello più persistente. L’acqua viene buttata al termine del ciclo e viene caricata acqua nuova per il lavaggio. Le palline messe vengono eliminate quindi il lavaggio lo fa senza detersivo! Funzionano tutte così.
Icona regione.
Giuseppe da Monopoli giorno 29/04/2022
Buongiorno ho un problema con una lavatrice Sangiorgio SES712D, mi permette di avviare tutti i programmi ma non mi scalda l'acqua, misurando con test mi riporta come tensione 22/23 volt . Cosa potrebbe essere?
 
Icona elettro-domestici.com
 
Buongiorno Giuseppe, troppo bassi i volt, problema della scheda. Devi smontarla ed ispezionare la zona che gestisce il riscaldamento. Per identificare la zona segui i fili dalla resistenza alla scheda.
Icona regione.
Neri da Bagnolo giorno 19/04/2022
Salve, Ho una lavatrice AEG serie 7000 che come prima fase, prima di caricare l'acqua, parte con uno scarico dell'acqua. Lo scarico non e continuo ma è come se ci fossero dei colpi di pressione per far fuoriuscire l'acqua che a questo punto è rimasta dal lavaggio precedente visto che il caricamento lo deve ancora fare.
 
Icona elettro-domestici.com
 
Buongiorno Neri, è una fase del tutto normale, viene scarica acqua residua del lavaggio precedente, ma fondamentalmente è un’azione nella quale viene allineato il pressostato sul vuoto in vasca.
Icona regione.
Antonio da Pontremoli giorno 31/03/2022
Ho acquistato beko lavatrice wux61032w-it nel lavaggio usa poca schiuma (quasi niente) mentre quando arriva al risciacquo si vede tanta schiuma è normale ho esiste un difetto?
 
Icona elettro-domestici.com
 
Buongiorno Antonio, la presenza di schiuma nel lavaggio o risciacquo è più o meno uguale, sei sicuro che si tratti di lavaggio e risciacquo e non di prelavaggio e lavaggio?
Icona regione.
Fabio da Brescia giorno 28/02/2022
Buongiorno, vorrei un parere su un progetto che ho in mente: se io collego il tubo di arrivo dell'acqua alla lavatrice con acqua calda di un boiler vorrei sapere se la resistenza non entra in funzione in quanto dovrei collegarla in un campeggio dove ho solo tre a e quindi mi chiedevo se funzionerebbe lo stesso senza far intervenire la resistenza che è quella che mi farebbe saltare il contatore.
 
Icona elettro-domestici.com
 
Buongiorno Fabio, intanto dovresti sincerarti che la lavatrice possa ricevere acqua calda e fino a che temperatura, il che significa che se è predisposta puoi metterla e la resistenza se non è il caso, la temperatura dell’acqua viene rilevata, non attacca. Se non è predisposta può avere anche altri problemi e bloccarsi subito.
Icona regione.
Marco da Milano giorno 18/02/2022
Buongiorno, ho una lavatrice Ariston del 1995, funziona bene tranne che ad inizio dei programmi di risciacquo (5/10/14) l'acqua non entra. si sente un ronzio elettrico e nient'altro, mentre invece l'acqua entra regolarmente scegliendo i programmi di lavaggio 2/3/4 e anche scegliendo il programma 6 per l'ammorbidente. Quale potrebbe essere il problema?
 
Icona elettro-domestici.com
 
Buongiorno Marco, se del 1995 si tratta di un modello meccanico, dipende dal timer che deve avere qualche camma consumata su quei programmi.
Icona regione.
Antonio da San Giorgio A Cremano giorno 14/02/2022
Il programma acqua calda resta sempre costante? Ovvero, nel caso che la lavatrice si spegne durante la notte e si riaccende al mattino, riprende ad acqua fredda o riscalda nuovamente l'acqua?
 
Icona elettro-domestici.com
 
Buongiorno Antonio, se avvii un programma dove è prevista l’acqua calda e lo interrompi la notte nel momento in cui l’acqua è calda, al mattino se è rimasto in memoria, riprende riscaldando l’acqua se si trova in quella fase, se l’ha superata continua senza farlo in quel momento e facendolo solo successivamente se previsto dal ciclo di lavaggio.
Icona regione.
Raffaele da Senigallia giorno 10/02/2022
Ciao, ho un problema con la lavatrice Electrolux. In pratica mia moglie dopo aver impostato il programma di lavaggio e premuto "avvio" si era dimenticata di prendere dei vestiti quindi ha premuto sempre il pulsante touch "play/pausa". Da quel giorno non parte più. Rimane li ferma in stand by e il pulsante del play/pausa lampeggia ma non succede niente. Ho fatto varie prove, pulizia filtro, condotto di scarico, test dell'elettroserratura, elettrovalvola, resistenza ma nulla e pompa di scarico. Ho provato a cambiare l'elettroserratura ma non succede nulla. La chiusura dell'oblo avviene in modo corretto e compare sul display con il simbolo della chiave. Ho sbloccato l'oblo manualmente aprendo il top sopra la lavatrice e rifacendo tutta la procedura niente da fare: chiusura oblo, preme play, click della chiusura dell'oblo corretto e non parte. Cosa può essere?
 
Icona elettro-domestici.com
 
Buongiorno Raffaele, dal punto di vista delle fasi che si susseguono il comando di chiusura dello sportello, visto che senti il click e non dovresti poter più aprire lo sportello, si verifica. Successivamente la scheda manda corrente alla pompa di scarico per allineare il pressostato, quindi tecnicamente dovresti vedere se alla pompa arriva la corrente, in quel momento. Il sospetto è che ci sia un difetto della scheda elettronica.
Icona regione.
Manuela da Spello giorno 01/10/2021
Nel riattivare la mia lavatrice Whirpool (a vuoto, senza detersivo) ho verificato che va tutto bene, solo che quando esegue il risciacquo, avendo a vista il tubo di scarico, vedo caricare l'acqua ma allo stesso tempo la vedo anche uscire dal tubo di scarico. Non dovrebbe caricare tutta l'acqua fa per il lavaggio e poi dopo le rotazioni di risciacquo, eseguire lo scarico?
 
Icona elettro-domestici.com
 
Buongiorno Manuela, questo avviene in quanto il tubo di scarico è troppo basso, devi alzarlo e non avverrà più.
Icona regione.
Francesco da Reggio Calabria giorno 17/09/2021
Ho una domanda riguardo una lavatrice Ignis nuova. Quando parte il lavaggio la lavatrice carica l'acqua passando dalla vaschetta centrale, dove non dobbiamo mai mettere detersivo. Subito dopo la macchina scarica, prima di cominciare il vero e proprio lavaggio passando dalla vaschetta 1 del detersivo. Ma in questo modo, non scarica parte del detersivo liquido che è già sceso nel canale? Il foro che porta al cestello è unico. E se la programmo per partire dopo il detersivo liquido non va già tutto nel canale? Parlo di questo modello.
 
Icona elettro-domestici.com
 
Buongiorno Francesco, si avviene quello che dici, l’acqua passa dallo scomparta 1 è porta giù il detersivo e così deve essere. Tuttavia per evitare che scenda anche appena lo versi, dovresti impiegare la paretina, che lo tiene bloccato prima della fase dello scarico e lo fa scendere più lentamente durante il lavaggio, nel quale l’acqua passando dallo scomparto si mescola ad esso sale di livello e supera la paretina. Se impieghi il detersivo in polvere non devi usare la barriera.
Icona regione.
Claudio da Torino giorno 25/11/2020
Buongiorno, ho una lavatrice nuova. Quando premo il tasso di avvio e la lavatrice dovrebbe fare quei pochi giri per verificare il peso del bucato, il cestello prova a ruotare ma sembra faccia fatica, dopo qualche tentativo parte finalmente il programma. Mi chiedo se sia normale perché ho provato a cestello vuoto nei giri "preliminari", il cestello gira senza problemi e senza fatica.
 
Icona elettro-domestici.com
 
Buongiorno Claudio, se noti che fa fatica non è normale. Cosa intendi per nuova: appena comprata o in buono stato complessivo?

Buongiorno, con lavatrice nuova, ahimè, intendo nuova nuova. L'ho comprata 3 settimane fa! Devo preoccuparmi?

Continua a monitorare, valuta la differenza tra un carico scarso ed uno pieno, come esegue la centrifuga, se riesci manda un breve video a [email protected]

Sono preoccupato non vorrei che il motore della lavatrice si sforzasse e si rompesse subito. Cosa mi consiglia di fare?

Ho guardato i due video. Dal rumore si sente che il motore gira, ma il cestello fa quei movimenti minimi non normali. Ipotizzerei un problema con la cinghia è probabile che slitta, ma per capirlo è necessario smontare il pannello di dietro, fallo con tutte le cautele, ed ispezionare. Sarebbe opportuno, se non noti niente guardandoci, avviare un ciclo per vedere o se vuoi filamare, il comportamento del motore e della cinghia. Se non te la senti, chiama il rivenditore, la macchina è in garanzia.

Icona regione.
Andrea da Follonica giorno 19/10/2020
Buongiorno, ho una lavatrice Ignis ho fatto fare un lavaggio a alte temperature e poi si è spenta cosa potrebbe essere grazie in anticipo.
 
Icona elettro-domestici.com
 
Buongiorno Andrea, se non è saltata la corrente, si può pensare ad un difetto elettrico o elettronico.
Icona regione.
Giancarlo da L'Aquila giorno 24/09/2020
Gentile tecnico, mi chiamo Giancarlo, abbiamo una lavatrice Candy tra gli ultimi modelli senza manopola termostato, durante i risciacqui continua a scaldare l'acqua, secondo il tecnico è la scheda rotta, ma, potrebbe essere invece la sonda che rileva la temperatura. Grazie, resto in attesa di un Vostro parere.
 
Icona elettro-domestici.com
 
Buonasera Giancarlo, certamente potrebbe essere anche la sonda che rileva la temperatura, che non comunica alla scheda di non mandare più corrente alla resistenza. La scheda ovviamente può essere.
Icona regione.
Gerardo da Milano giorno 21/11/2019
Buongiorno mi chiamo Gerardo la mia domanda e questa: dopo aver sostituito l'integrato 304 e la resistenza da 20 Ohm, perché i componenti si erano distrutti, facendo i cicli delicato, cotone e sintetico, parte il lavaggio e funziona normale, nella fase di risciacquo per due cicli di carico e scarico sembra che il tempo sia breve il cestello gira regolare avanti e indietro poi fa delle piccole pause e si ferma, poi parte e si ferma dopo parte e riprende il ciclo di risciacquo senza più fermarsi (nel delicato) nel programma sintetico e il cotone fa la centrifuga e non si ferma più. Per fermarla premo il tasto avvio+ la centrifuga e finisce i programmi. Vi ringrazio in una vostra gradita risposta.
 
Icona elettro-domestici.com
 
Buongiorno Gerardo, il comportamento è alquanto anomalo e credo si tratti di un difetto della scheda elettronica. In sostanza se arriva a fare la centrifuga sono state concluse le fasi del riscaldamento e dello scarico dell’acqua, che normalmente impediscono al lavaggio di proseguire. Prova ad impostare solo una centrifuga e vedi se il programma si conclude. Quando dici “fa la centrifuga e non si ferma più” intendi che continua a lavorare in centrifuga oppure fa solo delle rotazioni dei lavaggio?

Non hai trovato cosa cercavi? Suggerisci, commenta o aggiungi qualcosa: compila il modulo.

supporto
 
 
Altri articoli che ti potrebbero interessarti:
 
 
Spazio trasparente.
Immagine rappresentativa articolo.

I produttori di lavatrici, oltre ai modelli di libera installazione, di cui i vari marchi dispongono a catalogo di svariati modelli, è composto anche dalla produzione di lavatrici da incasso. Le prime sono certamente le più commercializzate e la loro presenza nelle nostre abitazione è largamente diffusa. La loro estetica sempre più graziosa ed armonica li rende integrabili con una certa grazia in molti ambienti domestici, come può essere il bagno o in una lavanderia.
 
 
Spazio trasparente.
Immagine rappresentativa articolo.

Per stabilire se la resistenza della lavatrice, della lavasciuga o della lavastoviglie è funzionante è necessario eseguire un test di continuità ohmica su di essa. Per effettuare questo tipo di intervento è necessario l’impiego di un tester. La prova può essere eseguita direttamente sulla resistenza montata sull’elettrodomestico, pertanto non c’è necessità di smontarla.
 
 
Spazio trasparente.
Immagine rappresentativa articolo.

Rappresentano una sintesi di ergonomia, precisione e prestigio del "German design". Cruscotto per una perfetta visibilità, manopole ergonomiche e pulsanti di facile scelta.
 
 
Spazio trasparente.
Immagine rappresentativa articolo.

Può capitare presto o tardi nell’utilizzo quotidiano della nostra lavatrice, che ad un non determinato punto del programma, sul display, compaia un codice, solitamente un numero preceduto da una lettera, che sta ad indicare uno svolgimento del suo funzionamento non corretto, che si può concludere in un blocco del ciclo di lavaggio.
 
 
Spazio trasparente.
Immagine rappresentativa articolo.

Questo codice di errore identifica un difetto alla tachimetrica del motore. Per chi volesse approfondire cos’è e come funziona la tachimetrica, vi rimando alla lettura dell’articolo relativo.
 
 
Spazio trasparente.
Immagine rappresentativa articolo.

È buona norma una volta che la lavatrice ha terminato il lavaggio, staccare sia la corrente elettrica, questo diventa molto più semplice se abbiamo predisposto l’impianto con un interruttore, e chiudere il rubinetto di entrata dell’acqua.
 
 
 
 
 
 
 

 
Linea
 
lineaPrivacy Policy lineaCookie Policy lineaDisclaimerlineacanale you tubelineaFan Page FacebooklineaCopiright.linea
Linea