Icona accesso.
 
 
Spazio trasparente.
Spazio trasparente.
 
 
 
 
 
 

Analisi del funzionamento dello scaldabagno in pompa di calore e risvolti sul risparmio in bolletta.

 
Per chi in casa non possiede una caldaia per la produzione di acqua calda igienico-sanitaria, la soluzione per averla è quella dell’impiego di uno scaldabagno, che fino a poco tempo fa, si indirizzava esclusivamente verso il classico con funzionamento elettrico, passando attraverso l’individuazione della capacità in relazione alle esigenze familiari, ma oggi ci si può indirizzare all’acquisto di uno scaldabagno in pompa di calore.

Lo ricordiamo la pompa di calore riesce, attraverso la circolazione di un gas refrigerante in un circuito frigorifero, pompato al suo interno da un motore (compressore), a recuperare calore e veicolarlo, nel caso dello scaldabagno al suo interno per consentire il riscaldamento dell’acqua fino a 60°C ed a mantenerla costante per permettere di avere acqua calda tutto il giorno. Questa tecnologia, che come sappiamo è consolidatissima ed è di conclamata funzionalità nei condizionatori d’aria, dai quali si distingue per il campo di funzionamento e di utilizzo, rendendola una tecnologia a sé stante, si è affermata anche in questo settore, che oggi propone una scelta di prodotto molto ampia.

Gli scaldabagni a pompa di calore si possono distinguere in due tipologie, i monoblocchi e gli split, i primi sono costituiti da un unico pezzo, all’interno del quale troviamo la caldaia e tutto il sistema della pompa di calore, quindi il compressore, il circuito frigorifero, lo scambiatore, il gas e la ventola, mentre il secondo è composto da due pezzi, quindi quello da posizionare all’interno, ovvero la caldaia che contiene l’acqua, ed il motore che si posiziona all’esterno, che contiene gli altri componenti ed in particolare, il compressore, la ventola, insomma tutto il gruppo frigorifero.

Nei due sistemi possiamo riscontrare delle differenze in termini di installazione, proprio come avviene per i condizionatori monoblocco e split, nel prima caso non c’è necessità di un tecnico per effettuare l’installazione, c’è solo bisogno di semplici griglie di espulsione e ricambio dell’aria, mentre nel secondo c’è da effettuare anche il collegamento del circuito frigorifero tra le due unità.

Il vero vantaggio della tecnologia a pompa di calore è quello del consumo energetico, difatti diversamente dallo scaldabagno elettrico, dove viene assorbita molta corrente al fine di far riscaldare la resistenza elettrica e questa conseguentemente l’acqua, nella pompa di calore la corrente elettrica assorbita è solo quella necessaria a far funzionare il compressore. Nello specifico possiamo stabilire che se in uno scaldabagno elettrico viene utilizzato il 1005 di energia elettrica per fare riscaldare l’acqua, in uno a pompa di calore per raggiungere lo stesso risultato viene impiegata il 25% di energia elettrica ed il 75% di energia viene recuperata dal calore dell’aria. Da questo si deduce facilmente che il risparmio in termini energetici ed allo stesso tempo in termini economici è pari al 75%, chiaramente il dato può variare a seconda del modello di scaldabagno, ma in linea di massima è questo.

Volendo fare un calcolo per renderci conto delle differenze economiche e tenendo in considerazione anche il costo d’acquisto, che è notevolmente diverso tra i due, proponiamo la seguente tabella, che abbiamo estrapolato dal sito dell’Ariston, dove sono messi a confronto due modelli da 80 litri. L’esempio tiene in considerazione il fabbisogno annuale in kw/h pari a 1550, per una famiglia di tre persone ed un costo per il kw/h di 0,22 centesimi di euro:

Tipologia scaldabagno
Consumo kw/h
€ per kw/h
Costo annuo €
Tradizionale
1836
0,22
406,00
Pompa di calore
484
0,22
106,00

Considerando ulteriormente il costo di acquisto orientativo, che nel primo caso è di 130 euro, mentre nel secondo è di 790 euro, vediamo quali sono le differenze nel corso degli anni:

1° anno
Costo d'acquisto €
Costo energia €
Totale €
Tradizionale
130,00
406,00
536,00
Pompa di calore
790,00
106,00
896,00
Differenza
   
360,00
2 ° anno
Totale anno precedente
Costo energia €
Totale €
Tradizionale
536,00
406,00
942,00
Pompa di calore
896,00
106,00
1002,00

3 ° anno
Totale anno precedente
Costo energia €
Totale €
Tradizionale
942,00
406,00
1348,00
Pompa di calore
1002,00
106,00
1108,00

4 ° anno
Totale anno precedente
Costo energia €
Totale €
Tradizionale
1348,00
406,00
1754,00
Pompa di calore
1108,00
106,00
1214,00

5 ° anno
Totale anno precedente
Costo energia €
Totale €
Tradizionale
1754,00
406,00
2160,00
Pompa di calore
1214,00
106,00
1320,00

6 ° anno
Totale anno precedente
Costo energia €
Totale €
Tradizionale
2160,00
406,00
2566,00
Pompa di calore
1320,00
106,00
1426,00

7 ° anno
Totale anno precedente
Costo energia €
Totale €
Tradizionale
2566,00
406,00
2972,00
Pompa di calore
1426,00
106,00
1532,00
 

 
 
 
 
 
 

Se non hai trovato quello che cercavi, se vuoi suggerire, commentare o aggiungere qualcosa compila il modulo.

supporto
 
 
Altri articoli che ti potrebbero interessarti:
 
 
Spazio trasparente.
Immagine rappresentativa articolo.

Una delle stufe più diffuse per il riscaldamento elettrico è il termoconvettore, è composto da un telaio in lamiera, che può variare come consistenza in base al produttore, all’interno del quale è posizionata una resistenza elettrica. In alcuni modelli al suo interno c’è una ventola, che spinge l’aria verso l’esterno, in questo caso può essere chiamato termoventilatore.
 
 
Spazio trasparente.
Immagine rappresentativa articolo.

In zone non raggiunte dal metano o comunque per motivi ed esigenze varie, dipendenti dalle necessità di chi vi abita, in molte abitazioni continua ad essere utilizzato lo scaldacqua elettrico ad accumulo.
 
 
Spazio trasparente.
Immagine rappresentativa articolo.

A volte capita, è una condizione che si ripete spesso, di riportare il termoventilatore appena comprato in negozio, denunciando il difetto di non funzionamento. In realtà, nella quasi totalità dei casi, è perfettamente funzionante, deve solo essere impostato il timer in modo corretto.
 
 
Spazio trasparente.
Immagine rappresentativa articolo.

La stufa alogena si è diffusa, in modo molto forte, con una presenza ed un assortimento molto ampio nei negozi, intorno all’anno 2005. La sua capacità di inserirsi e di vantare una elevata richiesta da parte del consumatore, è da ricondursi alla sua fama di consumare poca energia elettrica ed anche al costo contenuto, si possono trovare modelli intorno alle 10,00 euro.
 
 
Spazio trasparente.
Immagine rappresentativa articolo.

Uno dei difetti che più comunemente si manifesta nel convettore e nel termoconvettore elettrico, è quello relativo al mancato riscaldamento, totale o parziale. Nella gestione della potenza (750/1250/2000 watt) dispone di due pulsanti, che consentono di regolarla ad un livello minimo, uno medio ed uno massimo, rispettivamente premendone uno, l’altro o entrambi contemporaneamente.
 
 
Spazio trasparente.
Immagine rappresentativa articolo.

La stufa alogena è dotata di tre candele per il riscaldamento, che nel corso del tempo sono soggette ad usura e pertanto tendono a fulminarsi. Ognuna delle candele a seconda del modello ha una potenza di 400 watt o di 450 watt, e possono essere accese insieme o singolarmente.
 
 
 
 
 
 
 

 
Linea
 
lineaPrivacy Policy lineaCookie Policy lineaPreferenzelineaDisclaimerlineacanale you tubelineaFan Page FacebooklineaCopiright.lineaiubendalinea
Linea