Icona accesso.
 
 
Spazio trasparente.
Spazio trasparente.
 
 
 
 
 
 

Rottamazione statale per l'acquisto degli elettrodomestici, quali sono interessati e come funziona.

 
Il vecchio elettrodomestico obsoleto può essere rottamato con uno nuovo a basso impatto ambientale e con consumi ridotti. Dal 25 aprile sono infatti disponibili trecento milioni di euro suddivisi in più categorie. Si può usufruire della rottamazione fino al 31 dicembre 2010 salvo esaurimento fondi.

La procedura è molto semplice, basta recarsi da un rivenditore, indicare l'apparecchio che si vuole acquistare in sostituzione del vecchio posseduto. Il rivenditore contatterà l'ente preposto all'erogazione del contributo, il servizio non è attivo di domenica, e verificato la presenza dei requisiti provvederà a scontare la cifra concessa sul prezzo del bene acquistato. Non tutti gli elettrodomestici si possono rottamare.

Nel dettaglio riportato di seguito sono proposte le tipologie e le percentuali concesse come contributo per l'acquisto di ogni singolo elettrodomestico.

Lavastoviglie rottamazione del 20% sul prezzo d'acquisto per un importo massimo di euro 130,00 solo se si acquista una lavastoviglie di tripla classe A.

Forno elettrico rottamazione del 20% sul prezzo d'acquisto per un importo massimo di euro 80,00 solo se non inferiore alla classe A.

Piano cottura rottamazione del 20% sul prezzo d'acquisto per un importo massimo di euro 80,00 solo se dotato di dispositivo FSD (dispositivo sorveglianza fiamma).

Cappe climatizzate rottamazione del 20% del prezzo d'acquisto fino ad un massimo di euro 500,00 solo se si sostituisce con una a elevata efficienza energetica.

Scaldabagni a pompa di calore rottamazione del 20% del prezzo d'acquisto fino ad un importo massimo di euro 400,00 se si sostituisce con uno ad alta efficienza per la sola produzione di acqua calda sanitaria (con COP = 2.5).

 

 
 
 
 
 
 
Commenti recenti
Icona regione.
Ofemia da Marina di Ginosa giorno 22/02/2021
Ho una lavastoviglie e una lavatrice da rottamare, se oggi acquisto un altro elettrodomestico come frigorifero o lavastoviglie, posso ancora avere dei benefici di sconto? In tal caso come funziona? Cosa devo fare?
 
Icona elettro-domestici.com
 
Buongiorno Ofemia, la misura degli incentivi è stata confermata anche per il 2021 ed interessa l’acquisto di grandi elettrodomestici non inferiori alla classe A+, a marzo cambieranno le classi quindi dovrà uscire qualche nota correttiva. Ad ogni modo si può usufruire di una detrazione IRPEF del 50% anche delle spese di trasporto e montaggio (tetto massimo 10000 euro) per l’acquisto dei grandi elettrodomestici che rientrano in un piano di ristrutturazione edilizia.
Icona regione.
Francesco da Arezzo giorno 30/11/2010
Devo acquistare una lavastoviglie, come faccio a sapere se ci sono ancora fondi disponibili per la rottamazione?
 
Icona elettro-domestici.com
 
Ciao Francesco,
non c'è la possibilità di sapere se ci sono ancora fondi disponibili per la lavastoviglie. Non rimane che recarsi presso un rivenditore, solo loro hanno la possibilità di accedere al sito del ministero dal quale richiedere il contributo per la rottamazione. Al momento comunque da recenti informazioni sembrano essere terminati i fondi per lavastoviglie e forni elettrici. Sperando di essere stati utili, torna a trovarci e a commentare i nostri articoli.
Abbiamo avuto notizia che gli incentivi per la rottamazione degli elettrodomestici sono terminati.

Se non hai trovato quello che cercavi, se vuoi suggerire, commentare o aggiungere qualcosa compila il modulo.

supporto
 
 
Altri articoli che ti potrebbero interessarti:
 
 
Spazio trasparente.
Immagine rappresentativa articolo.

Il decreto legge n° 63/2013, che come data ultima per la conversione in legge vedeva il 4 agosto 2013, è stato convertito definitivamente in legge, dal senato, giorno 1 agosto 2013.
 
 
Spazio trasparente.
Immagine rappresentativa articolo.

Assistiamo da alcuni anni, aggiungerei per fortuna, ed in modo sempre più attivo ed interessato, al tema ambientale. Tutelare l’ambiente che ci circonda è prerogativa inderogabile al fine di garantire la salvaguardia del nostro mondo.
 
 
Spazio trasparente.
Immagine rappresentativa articolo.

Entrata in vigore nel 1992, l’etichetta energetica ha rivoluzionato positivamente il mercato degli elettrodomestici, spingendo le aziende a produrre prodotti di elevata efficienza energetica. Sono oramai lontani i tempi in cui si vedevano nei negozi prodotti come lavabiancheria, frigoriferi o congelatori di classe C, D addirittura E ed F.
 
 
Spazio trasparente.
Immagine rappresentativa articolo.

Con il protocollo di Kyoto entrato in vigore nel 2005 ed il più recente accordo 20-20-20, ovvero riduzione del 20% delle emissioni di CO2, incremento del 20% della produzione di energia rinnovabile ed aumento del 20% dell’efficienza energetica, i governi si sono messi all’opera adottando un comportamento ecosostenibile al fine della salvaguardia del nostro pianeta.
 
 
Spazio trasparente.
Immagine rappresentativa articolo.

Il 12 aprile 2014 entra in vigore il decreto legge n° 49 pubblicato sulla Gazzetta ufficiale del 14 marzo del 2014, a conclusione del procedimento di attuazione della direttiva europea sul RAEE.
 
 
Spazio trasparente.
Immagine rappresentativa articolo.

Dopo molti anni nei quali il settore delle televisioni non è stato regolamentato da apposite etichette energetiche indicanti il loro consumo, come avviene invece già da una decina di anni per il grande elettrodomestico, con l’entrata in vigore del regolamento comunitario anche loro hanno l’obbligo di esporre l’energy label.
 
 
 
 
 
 
 

 
Linea
 
lineaPrivacy Policy lineaCookie Policy lineaPreferenzelineaDisclaimerlineacanale you tubelineaFan Page FacebooklineaCopiright.lineaiubendalinea
Linea