Spazio trasparente.
 
Processo di funzionamento di un frigorifero per capire quale può essere la causa del perché non parte.
 
Foto articolo.
Quando ci troviamo davanti al nostro frigorifero statico che non ne vuole sapere di partire e vogliamo identificare il problema che si sta verificando e che ne impedisce il funzionamento, possiamo effettuare delle prove generali, che ci possono consentire di identificare la problematica.

A tal fine descriviamo, in grandi linee, il suo processo di funzionamento così da poter cogliere quei segnali o effettuare quelle prove che ci possono portare a capire cosa non sta funzionando.

Il cavo di alimentazione che conduce la corrente, ha all’interno tre fili, uno giallo e verde (messa a terra), uno celestino ed uno marrone, le fasi. Come si può notare i fili partendo dalla presa e si infilano nella parte bassa del frigorifero, ed esattamente vanno ad allacciarsi in quello che viene generalmente definito relè, oppure chiamato salvamotore. Da qui una fase porta una linea di corrente direttamente al relè, mentre l’altra, passando da qui, come ponte, porta la corrente direttamente al termostato e da questi riparte un altro filo, che riporta l’altro polo al relè. In questo modo entrambi gli elementi termostato e relè sono alimentati.

Pertanto appena inseriamo la spina nella presa, il frigorifero inizia a funzionare, precisiamo che potrebbe non partire nel momento in cui il termostato è posizionato su spento, quindi in questo caso basta ruotare la manopolina ed accenderlo. Se tutti gli elementi funzionano correttamente, la continuità elettrica è garantita ed il funzionamento è regolare.

Può accadere però che il frigorifero non parte, ed in questo caso, ora che abbiamo chiarito come è strutturato da un punto di vista elettrico, possiamo definire che a non funzionare correttamente può essere il termostato, il salvamotore o relè oppure il motore. Prima di capire come identificare tra i tre elementi quale non sta andando, dobbiamo sincerarci che la corrente ci sia, quindi la luce deve funzionare, pertanto controlliamo la lampadina.

Passiamo ora alla prova pratica per escludere gli elementi che funzionano e capire cosa non funziona. Smontiamo il termostato e colleghiamo in modo diretto i suoi due fili, in questo modo lo eludiamo e se è lui il responsabile sentiremo il motore partire. Caso contrario, dovrebbe funzionare, ed andiamo avanti nella prova.

Risistemiamo il termostato ed passiamo a fare la stessa operazione a fili del relè, ovvero escludiamo lo stesso, lo bypassiamo con un collegamento diretto sul motore, ed a questo punto se esso è il responsabile il motore dovrebbe partire.

Se ancora il motore non parte, ci potremmo trovare nella difficile circostanza in cui sia il termostato che il relè sono andati, in questo caso bypassiamo entrambi. Se ancora non va, allora quello a non funzionare è proprio il motore.

Articolo aggiornato: martedì 2 gennaio 2018

articoli sul tema:
 
 
Spazio trasparente.
Durante il funzionamento del frigorifero possiamo trovarci davanti a delle condizioni di non funzionamento, indicato sui modelli di frigo con display da codici alfanumerici, o di “anomalie” di funzionamento che possono sollevare un dubbio circa il suo corretto andamento.

Pubblicato:
mercoledì 25 giugno 2014
 
 
Spazio trasparente.
Ogni produttore di elettrodomestici, dedica una parte delle proprie risorse alle ricerche, atte a migliorare le prestazioni dei propri prodotti; ricerche che si trasformano in tecnologie, alle quali viene associato un nome, che viene registrato a loro esclusivo uso, diventando quasi un secondo marchio del marchio.

Pubblicato:
venerdì 18 ottobre 2013
 
 
Spazio trasparente.
Un aspetto molto importante da considerare in merito alla qualità del freddo, all’interno della cella frigorifero e congelatore, nel caso di tecnologia di raffreddamento di tipo “ventilato e no frost combinato” e “total no frost”, è il sistema di evaporazione dell’aria e conseguentemente la intercomunicazione delle celle.

Pubblicato:
venerdì 15 giugno 2012
 
 
Spazio trasparente.
Requisito consolidato per l’acquisto di un frigorifero è la classe energetica, che identifica la fascia di consumo di energia elettrica all’interno della quale l’apparecchio si colloca. Nell’idea collettiva si è passati nell’arco degli ultimi anni nell’identificare come classe essenziale per la base di un acquisto, prima la classe A e successivamente la classe A+.

Pubblicato:
lunedì 20 febbraio 2012
 
 
Spazio trasparente.
In molte condizioni l’acquisto di un nuovo frigorifero non è sempre compatibile con lo spazio in cui va collocato. Succede spesso infatti che anche se le dimensioni sono esatte il verso di apertura dello sportello non corrisponde a quelle che sono le tue esigenze.

Pubblicato:
mercoledì 29 giugno 2011
 
 
Spazio trasparente.
Un'anomalia che sovente si verifica in un frigorifero è la perdita di acqua. Ad un bel momento può capitare di notarne sul pavimento la formazione di una pozza sotto il frigorifero. Non è una condizione per la quale ci si deve allarmare e che il più delle volte può essere risolta in autonomia senza chiamare un tecnico specializzato.

Pubblicato:
martedì 18 settembre 2018
 
 
Spazio trasparente.
Disorientati da una scelta molto ampia di prodotti, alcune volte viene effettuata una valutazione errata del consumo energetico di un frigorifero.

Pubblicato:
lunedì 20 dicembre 2010
 
 
Spazio trasparente.
Il termostato nel frigorifero è responsabile del controllo della temperatura e nel farlo di regolamentare gli attacchi e stacchi del motore, difatti consente a quest’ultimo di pompare il gas refrigerante fino a quando le celle interne non hanno raggiunto la temperatura imposta.

Pubblicato:
mercoledì 14 dicembre 2016
 
 
Spazio trasparente.
Si verifica molo spesso che un frigorifero con tecnologia di raffreddamento non frost, funzioni bene per quanto riguarda la cella congelatore, mentre non raffredda in modo opportuno nella parte frigorifero.

Pubblicato:
domenica 2 ottobre 2016
 
 
Spazio trasparente.
Abbiamo già delineato questa tipologia di raffreddamento nella “guida frigorifero” dove viene definito “ Dynamic Frost Free”, una tecnologia relativamente recente che mette insieme le peculiarità del sistema No Frost a quelle dello statico o ventilato.

Pubblicato:
giovedì 19 novembre 2015
 
 
commenti:
Icona regione.
Robi da Rivarolo giorno 02/01/2018
Ho un frigo Ariston che da un po’ di tempo fa le bizze...non sempre parte il motore. Questa mattina il surgelo era a circa 0 gradi e non si avviava il frigo. Ho dato alcuni colpi nella zona del termostato (molto brutale come metodo) ed è partito. Il motore ora gira e ho verificato la serpentina che è calda. Potrebbe essere un problema del termostato? Le istruzioni parlano di varie regolazioni in base alla temperatura esterna, il frigo è in una cucina che di notte non è a più di 16 gradi potrebbe influire?
 
Icona elettro-domestici.com
 
Buongiorno Robi, si tratta del termostato. La temperatura esterna può far variare il comportamento fino a non farlo partire, ma solo in presenza di temperature basse, quindi parliamo di prossime allo zero.
Icona regione.
Salvatore da Riesi giorno 09/11/2017
La ringrazio per la spiegazione semplice e accurata. Io però ho il problema opposto, cioè il frigo rimane sempre acceso e raffredda troppo. Il compressore funziona fin troppo bene, infatti nel frigo si formano dei grossi cumuli di ghiaccio nel giro di pochi giorni. Inoltre, il termostato l'ho cambiato con uno nuovo dello stesso identico modello, poiché sospettavo che esso fosse stato la causa del mio problema, invece il problema non era il termostato e quindi il frigo rimane ancora costantemente acceso e raffredda troppo formando molto ghiaccio. Provando a spegnere il termostato girando la manopola a zero, si spegne solo la lampadina ma il compressore resta acceso. A questo punto potrei pensare che si sia formato un cortocircuito sul relè che mantiene sempre acceso il motore bypassando il termostato; ma è possibile che sia successo ciò, visto che io non ho mai messo mano sul relè?
 
Icona elettro-domestici.com
 
Buongiorno Salvatore, in linea generale il termostato verificato il raggiungimento della temperatura stacca e quindi non arriva neanche corrente la relè che stacca a sua volta il motore. Nel particolare ogni modello può avere delle differenze tecniche di costruzione e magari con scheda elettronica che gestisce alcune cose. Potrebbe essere che il relè non stacca, quindi anche se non lo hai mai toccato, avere un difetto.
 
 
Linea
 
lineaPrivacy Policy lineaCookie Policy lineaPreferenze lineaDisclaimerlineaContattacilineacanale you tubelineacanale you tubelineaFan Page FacebooklineaCopiright.lineaiubendalinea
Linea
 
Torna su