Spazio trasparente.
Spazio trasparente.
 
Spazio trasparente.
Quale è la causa della mancata accensione della stufa a gas quando il piezoelettrico funziona e come ripararla.
 
Un difetto che in alcuni casi possiamo riscontrare in una stufa a gas è quello relativo alla mancata accensione, ovvero nel tentativo di accenderla continuiamo a fare uscire del gas, vediamo comparire la scintilla del piezoelettrico, ma la fiamma pilota non si accende.

In alcuni casi dopo aver insistito parecchio, la fiamma si accende, però come conseguenza comporta una vampata, dovuta all’incendiarsi di tutto il gas uscito nel tentativo di accenderla. Nella maggior parte dei casi, dopo aver fatto uscire un po’ di gas, ne sentiamo l’odore nell’ambiente e desistiamo, giustamente dall’accenderla. Ci troviamo quindi ad avere una stufa inutilizzata.

Prima di spiegare nel concreto cosa fare per ripristinarne la funzionalità, vogliamo soffermarci nello spiegare la dinamica che permette alla stufa di accendersi, per rendere chiara la soluzione.

Dopo aver aperto la bombola, nel momento in cui viene premuta la manopola del gas, questo attraverso un condotto, una tubatura, al termine della quale si innesta ad un ugello filettato, dal quale passa nella dovuta quantità ed attraverso un altro piccolo condotto, quello dal quale vediamo uscire la fiamma pilota, esce all’esterno.

In questo momento il gas che fuoriesce incontra la scintilla che scaturisce quando azioniamo il piezoelettrico, e si incendia dando origine alla fiamma, che da li a pochi secondi si stabilizza per tutto il tempo che lasciamo arrivare il gas, quindi che la bombola è aperta.

Nel momento in cui, vediamo che tutto è corretto, quindi esce il gas e vediamo la scintilla del piezoelettrico, ma la fiamma non si accende, significa che il gas che esce non riesce a venire in contatto con la scintilla. Si disperde nell’ambiente e la stufa per quanto proviamo ad accenderla non va.

A questo punto per risolvere la problematica, non dobbiamo far altro che con l’ausilio di un utensile, che potrebbe essere un cacciavite, la punta di una pinza o se non disponiamo di tali attrezzature, potremmo utilizzare anche il manico di una forchetta o comunque un oggetto stretto, lungo e resistente, lo poggiamo sulla punta della parte in metallo che fuoriesce dalla candeletta del piezoelettrico.

Con una leggera pressione, la portiamo verso il basso. In buona sostanza dobbiamo cercare di avvicinarla al condotto dal quale esce il gas, quello dove poi dovremmo vedere la fiamma pilota, in modo da consentire alla scintilla prodotta, di incontrare il gas immediatamente dopo la sua uscita. Questo permetterà alla fiamma di tornare ad accendersi normalmente e continuare ad utilizzare la stufa.

Facciamo attenzione a non forzare eccessivamente sulla parte metallica, in quanto se eccessivamente usurata, anziché piegarsi potrebbe staccarsi ed a quel punto sarà poi necessario sostituire il gruppo pilota.

Una vota terminato apriamo la bombola e proviamo ad accendere la stufa, se tutto è andato bene avremo nuovamente la fiamma.

 

 
articoli sul tema:
 
 
Spazio trasparente.


I modelli di stufa a gas commercializzati sono di due tipi, quelle con pannello ad infrarossi e quelle catalitiche. Per scoprire i dettagli sulle caratteristiche, sistemi di sicurezza ed altro leggere l’articolo “stufe a gas”.
 
 
Spazio trasparente.


La stufa a metano blue flame è un modello che esteticamente richiama la stufa infrarossi a metano. Si differenzia a prima vista per la presenza di una fiamma diffusa di colore blue, che per l’appunto dà il nome alla stufa.
 
 
Spazio trasparente.


L’installazione della stufa a gas non è un’operazione particolarmente complicata, può essere effettuata, senza l’ausilio di un tecnico specializzato, da chiunque possieda un minimo di manualità.
 
 
Spazio trasparente.


Abbiamo trattato negli articoli specifici le caratteristiche della stufa a metano senza canna fumaria, ovvero quella con i mattoncini ad infrarossi e quella con la fiamma blu. Ora ci soffermeremo su un confronto tra le due in modo da poter avere un quadro completo delle differenze e capire quale scegliere in base all’ambiente di destinazione.
 
 
Spazio trasparente.


Anche per il mondo del riscaldamento a biomassa non legnosa dall’1 gennaio del 2018 è obbligatoria la classificazione energetica. Pertanto come per gli altri elettrodomestici per i quali è obbligatoria già da molto tempo, tali prodotti, parliamo di stufe a gas, stufe a legna, stufe a pellet ed altro, dovranno essere correlate quando esposte nei negozi delle relative etichette energetiche.
 
 
Spazio trasparente.


Il metano è sicuramente il gas più diffuso ed utilizzato per il riscaldamento delle abitazioni. Il suo impiego avviene principalmente attraverso l’alimentazione di caldaie, che oltre a fornire acqua calda in casa, alimenta il riscaldamento attraverso i termosifoni.
 
 

Se non hai trovato quello che cercavi, se vuoi suggerire, commentare o aggiungere qualcosa compila il modulo.

supporto
 
 
 
 
 
 
Foto articolo.
 
 
 

 
Linea
 
lineaPrivacy Policy lineaCookie Policy linea lineaDisclaimerlineaContattacilineacanale you tubelineacanale you tubelineaFan Page FacebooklineaCopiright.lineaiubendalinea
Linea
 
Torna su