Quali sono le cause principali che determinano uno scarso risultato di lavaggio della lavastoviglie.

Potrebbe capitare che la lavastoviglie, che ha sempre lavato in modo esemplare, ad un bel momento al termine del lavaggio non restituisca più piatti, bicchieri, posate, stoviglie e quant’altro ben pulite. Ovvero che non lavi più in modo efficace, come aveva fatto fino al precedente lavaggio.

Premettendo che ci possono essere svariate ragioni, abbiamo preso in considerazione quelle per le quali possiamo agire in autonomia, quindi senza l’intervento di un tecnico specializzato, facendo sempre molta attenzione e disponendo di una adeguata manualità e capacità pratica.

Tre le ragioni principali, legate rispettivamente alle pale, al filtro ed al carico di stoviglie. Di seguito andremo nel dettaglio ad analizzare uno ad uno ogni caso per capire di cosa stiamo parlando e come possiamo intervenire:

1) Le pale o giranti o bracci, sono le componenti dalle quali fuoriesce l’acqua che viene fatta confluire sulle stoviglie in modo uniforme e regolare. Nella lavastoviglie normalmente ne troviamo due, anche se alcuni modelli ne hanno anche tre, una posizionata nella parte alta e l’altra in basso, in modo da coprire uniformemente tutto l’interno della vasca.

La prima causa dello scarso risultato è imputabile ad un collocamento scorretto dei piatti o altre stoviglie che stanno impedendo alle pale di girare regolarmente;

In secondo luogo i fori di uscita delle pale potrebbero essersi tappati nel corso del tempo o essersi ostruiti in modo parziale e pertanto non consentire all’acqua di uscire o diminuirne la quantità;

Infine l’eventuale presenza di tagli potrebbe provocare una fuoriuscita anomala di acqua da un punto, impedendo una fuoriuscita omogenea e pertanto inficiando il risultato del lavaggio.
Nel secondo e nel terzo caso è necessario smontare le pale e procedere nel primo alla apertura dei fori otturati, nel secondo alla sostituzione della pala.

2) Il modo in cui vengono caricate le stoviglie è fondamentale per ottenere un buon risultato di lavaggio, difatti bisogna considerare che le diverse stoviglie, bicchieri ed altro non vanno posizionati così alla rinfusa, ma tenendo in considerazione lo schema di caricamento indicato sul libretto delle istruzioni e quindi in linea con le caratteristiche del cestello contenitore.
È molto importante non inserire mestoli o oggetti con manici lunghi in una posizione dalla quale possono scivolare attraverso le griglie del cestello, questo farebbe mettere il mestolo di traverso alla girante, la pala, che verrebbe bloccata e conseguentemente impedirebbe al lavaggio di concludersi bene.

Le stoviglie devono essere rivolte in una posizione che consente allo spruzzo di acqua di raggiungere il loro interno, ma allo stesso tempo devono essere inclinate verso il basso in modo tale che l’acqua non ristagni al loro interno.

3) Il filtro della lavastoviglie è di fondamentale importanza per il risultato di lavaggio. Sembra un po’ starno ma in realtà lo è, e per capirne il motivo bisogna considerare la sua funzione, ovvero di far passare l’acqua sporca del lavaggio, ma allo stesso tempo di trattenere i residui di cibo, quelli più grossi e consistenti ed evitare che questi finiscano nella pompa di lavaggio ed attraverso di essa in altre parti della meccanica e di conseguenza diminuire l’efficienza della lavastoviglie ed in alcuni casi provocare danni o guasti.

Il filtro, posizionato sul fondo della vasca, deve rimanere sempre inserito e deve essere pulito in modo costante per evitare detti inconvenienti. È importante anche verificare che i fori, non abbiano subito delle deformazioni allargandosi oltre misura, questo per essere certi che nessun residuo pericoloso passa attraversarlo.
Ultima pubblicazione: 08/09/2018
Condividi su FacebookCondividi su TwitterCondividi su RedditCondividi su WhathsappCondividi tramite email

 
 

Non hai trovato cosa cercavi? Suggerisci, commenta o aggiungi qualcosa: compila il modulo.

 
supporto
Ho letto ed accetto la privacy policy
 
 
Articoli correlati:
 
Immagine rappresentativa articolo.
L’utilizzo della lavastoviglie molte volte viene effettuato in modo non attento, nel senso che si caricano le stoviglie all’interno, si imposta un lavaggio e si avvia il programma. In tanti casi si impostano dei cicli lunghi e temperature alte in modo tale di essere sicuri di ottenere un buon risultato finale, però tutto a scapito di sprechi di tempo, energia e non sempre con un risultato ideale.
 
 
Immagine rappresentativa articolo.
Potrebbe capitare che la lavastoviglie, che ha sempre lavato in modo esemplare, ad un bel momento al termine del lavaggio non restituisca più piatti, bicchieri, posate, stoviglie e quant’altro ben pulite. Ovvero che non lavi più in modo efficace, come aveva fatto fino al precedente lavaggio.
 
 
Immagine rappresentativa articolo.
Tra i tanti aspetti che vengono presi in considerazione per l’acquisto di una lavastoviglie, c’è quello relativo alla durata dei programmi, ognuno dei quali è indicato per un determinato tipo di carico.
 
 
Immagine rappresentativa articolo.
Per eseguire un ciclo di lavaggio con la lavastoviglie come ben sappiamo è necessario utilizzare il detersivo ed il brillantante, che vengono inseriti nello sportellino che si trova sul lato interno dello sportello. Possiamo utilizzare le pastiglie, che potrebbero includere il brillantante, o del detersivo in polvere, da dosare col misurino. Il brillantante normalmente viene inserito sempre nell’erogatore, ma su un altro scomparto.
 
 
Immagine rappresentativa articolo.
Quando si imposta un ciclo di lavaggio, a meno che non si possieda una lavastoviglie con il programma automatico, capace di adeguare la temperatura di lavaggio al tipo sporco, bisogna scegliere tra i cicli proposti, quello più appropriato per il tipo di sporco che abbiamo necessità di pulire.
 
 
Immagine rappresentativa articolo.
Contrariamente alla lavatrice, che è presente in tutte le case, la lavastoviglie ha una presenza di gran lunga inferiore. Mentre la prima è divenuta oramai indispensabile, l’acquisto della lavastoviglie, alcune volte, viene sottovalutato, o meglio considerato come superfluo anche perché il suo utilizzo viene associato ad un consumo di energia elettrica da sommare a quello che già si ha con altri elettrodomestici.
 

Linea
lineaPrivacy PolicylineaCookie PolicylineaDisclaimerlineacanale you tubelineaFan Page FacebooklineaCopiright.linea
Linea