Icona accesso.
 
 
 
 
 
 

Come intervenire per recuperare oggetti o indumenti nella vasca ed evitare malfunzionamenti della lavatrice.

Quando vengono inseriti gli indumenti all’interno del cestello della lavatrice è molto importante controllare che al loro interno non ci siano degli oggetti, altrimenti durante il lavaggio potrebbero andare a finire nel cesto e poi da questo spostarsi nella vasca, quindi mettersi di contrasto tra i due e provocare dei danni.

Tuttavia anche se vengono adoperate le opportune accortezze, potrebbe sempre capitare che parti dei vestiti, ad esempio un bottone dei jeans, o un ferretto del reggiseno o altro, sganciandosi si vadano ad infilare nel cestello.

Allo stesso modo degli indumenti, piccoli strofinacci, degli slip, un calzino o altro potrebbero anch’essi finire nella vasca.

La presenza di un oggetto nella vasca, a seconda del tipo può causare conseguenze negative o dei danni alla lavatrice o agli indumenti stessi, come ad esempio:
1 ) Tessuti che si strappano;
2) Un rumore metallico durante il lavaggio;
3) Una rottura della vasca;
4) Puzza di bruciato;
5) Un mancato scarico dell’acqua.

Analizziamo uno per uno queste ipotesi e successivamente vedremo come intervenire efficacemente per risolvere il problema.

Ogni tanto capita di sentir parlare di tessuti che dopo il lavaggio presentano delle lacerazioni, questo avviene quando un oggetto metallico sporge dai fori del cestello e si impiglia nei tessuti. Gli oggetti metallici che dimentichiamo negli indumenti o che sono presenti al loro interno, ad esempio i ferretti del reggiseno, staccandosi vanno a finire nel cesello e da questo, se hanno una forma abbastanza sottile si infilano al di sotto del cestello attraverso uno dei tanti fori. In alcuni casi entra totalmente e si deposita nella vasca, in altri si incastra con essa, ma rimane leggermente fuori dal buco del cestello ed è proprio in questa circostanza che può rovinare i tessuti e allo stesso modo se particolarmente resistente con la spinta e la rotazione, che si verifica ad ogni giro, tendere a tagliare la vasca.

Quando c’è la presenza di un oggetto al di sotto del cestello, possiamo notare la presenza di un rumore metallico, generato proprio dall’attrito che questo esercita verso la vasca della lavatrice.

Come detto in precedenza se l’oggetto è metallico ed è molto resistente, potrebbe perforare la vasca. Quindi bisogna stare molto attenti se si presentano dei rumori metallici precedentemente non presenti.

La puzza di bruciato proveniente dalla lavatrice non è mai un buon segno, di solito si crea per effetto del verificarsi di un corto o per la bruciatura di qualche componente elettrica.

Potrebbe però anche essere provocata dalla presenza di un indumento che infiltratosi nella vasca, si va ad incastrare nella resistenza di riscaldamento, che come è noto si trova sul suo nel fondo.

Allo stesso modo l’indumento dal fondo della vasca potrebbe andare a finire nel raccordo in gomma che conduce l’acqua fino alla pompa di scarico, quindi potremmo notare un cestello dal quale l’acqua non va via oppure che la pompa di scarico non riesce più a scaricare l’acqua.

Ora vediamo però come comportarci se siamo in presenza di una di queste circostanze. La prima cosa da fare è quella di individuare se avvertiamo starni rumori meccanici, il punto al di sotto del cestello dal quale provengono. Possiamo passare lentamente la mano su tutta la superficie del cestello in modo da toccare l’eventuale sporgenza, se siamo fortunati potremmo anche sfilarla con le mani o per fare maggiore leva afferrandola con una pinza.

Se al passaggio non identifichiamo nulla allora dobbiamo procurarci una pila e puntandola sui fori del cesto, con pazienza, lentamente e con grande attenzione, identificare l’oggetto attraverso i fori. Una volta fatto dobbiamo cercare di avvicinarlo ai buchi, se sottile, o verso la bocca del castello in modo tale che, sollevata la guarnizione disponiamo di uno spazio, quello presente tra il cestello e la vasca, per poterla estrarre.

Stesso lavoro deve essere eseguito se al posto di un oggetto c’è un indumento.

Con questa operazione però potremmo non riuscire a recuperare ad esempio un calzino che si è andato a conficcare nella resistenza o nel condotto di scarico o nella pompa. Per tale operazioni pertanto bisogna eseguire un recupero che comporta raggiungere tali componenti. Per farlo è necessario staccare sempre la spina e procedere come se volessimo:

1) Sostituire la resistenza, in questo caso estraendola troveremo il calzino aggrovigliatovi;
2) Sostituire la pompa di scarico, quindi nel toglierla e controllare il suo interno, allo stesso modo possiamo sganciare il manicotto che dalla vasca si collega alla pompa e recuperare il calzino.

 
Condividi su FacebookCondividi su TwitterCondividi su RedditCondividi su WhathsappCondividi tramite email
 

 
 
 
 
 
 
 

Non hai trovato cosa cercavi? Suggerisci, commenta o aggiungi qualcosa: compila il modulo.

supporto
 
 
Altri articoli che ti potrebbero interessarti:
 
 
Spazio trasparente.
Immagine rappresentativa articolo.

Il termine low cost, letteralmente basso costo, si è consolidato anche nel mondo degli elettrodomestici, difatti si sente spesso parlare e ancor di più, si va alla ricerca di questi modelli, attratti dal desiderio e soprattutto dalla necessità di risparmiare.
 
 
Spazio trasparente.
Immagine rappresentativa articolo.

Il codice di errore E52 in una lavatrice a marchio Electrolux, ma lo stesso potrebbe valere per una marcata Aeg o Zoppas o prodotti appartenenti allo stesso produttore, può comparire sul display nel bel mezzo del ciclo di lavaggio. Si può verificare un’interruzione del programma e l’indicazione dell’errore.
 
 
Spazio trasparente.
Immagine rappresentativa articolo.

Considerati aspetti inerenti le proprie abitudini, la composizione del nucleo familiare, lo spazio ed altri fattori si sceglie una lavatrice con una determinata capacità di carico. Rispetto a qualche anno fa il ventaglio della proposta si è ampliato abbastanza, passando da lavatrici di piccolo carico 3,5 Kg fino ad arrivare, passando da capienze come 5, 6,7,8,9 e 10, agli 11 e 12 kg.
 
 
Spazio trasparente.
Immagine rappresentativa articolo.

Il mancato scarico dell’acqua del lavaggio, in una lavatrice o in una lavastoviglie è da attribuirsi nella maggior parte dei casi ad un difetto della pompa di scarico, che non entra in funzione per un guasto su di essa oppure per un difetto della scheda elettronica che non riesce più a comandarla. In entrambi i casi non si attiva, pertanto non si sente il rumore tipico della pompa di scarico in funzione.
 
 
Spazio trasparente.
Immagine rappresentativa articolo.

Con l’entrata in vigore della nuova regolamentazione energetica per la lavatrice, i produttori hanno l’obbligo di dichiarare a catalogo, non solo il consumo complessivo, indicato in modo molto chiaro sull’energy label, e che si riferisce al lavaggio di un carico pieno di cotone a 60°C, ma anche i risultati dei consumi in altre condizioni.
 
 
Spazio trasparente.
Immagine rappresentativa articolo.

Presente in tutte le case, la lavatrice è un elettrodomestico che in alcuni casi risulta sconosciuto, nel senso che, sappiamo esattamente a cosa serve, ma non tutti i membri della famiglia sanno utilizzarlo. Ci troviamo pertanto, in alcuni casi, a dover impostare un ciclo di lavaggio e non sapere assolutamente da dove iniziare.
 
 
 
 
 
 
 

 
Linea
 
lineaPrivacy Policy lineaCookie Policy lineaDisclaimerlineacanale you tubelineaFan Page FacebooklineaCopiright.linea
Linea