Sostituire la piastra ceramica della stufa a gas infrarossi.

La stufa a gas infrarossi produce calore tramite il pannello in ceramica che è posto nella parte frontale della stufa. Composto da tre mattoncini, identificati anche con il termine infrarossi, che sono assemblati in unico corpo, per l’appunto la piastra, nel corso del tempo possono perdere di resa.

La maggior parte delle volte è il mattoncino centrale, che è quello più utilizzato, a perdere di efficienza, questo può avvenire sia a causa del deterioramento del materiale sigillante, che lo isola dagli altri, oppure proprio per una sua perdita di resa calorica o di tenuta. In ognuno di questi casi si potrebbe rendere necessaria la sostituzione della piastra.

Per prima cosa è necessario recuperare il ricambio compatibile, non sempre è disponibile. Difatti sebbene anche eseguendo una ricerca on line, si possono trovare varie piastre è necessario, identificare, se c’è, quella che è uguale al modello che dobbiamo sostituire. La piastra non è universale, ci sono misure differenti, che ovviamente non combaciano con la base di fissaggio di tutte le stufe, ed, anche gli innesti possono essere differenti, così come le posizioni per il fissaggio dei condotti in alluminio ed altro.

Recuperato il ricambio possiamo iniziare il lavoro. Dopo aver sganciato la bombola, togliamo la grata in metallo che è messa a protezione della piastra e poggiamo la stufa in terra sul davanti. Ora abbiamo a vista il vano dove si inserisce la bombola, ma la piastra non è visibile, in quanto è presente una lamiera che la protegge e che allo stesso tempo isola la bombola dalla piastra quando inserita.

Grata in metallo.

A seconda del tipo di stufa la lamiera può avere una dimensione diversa e coprire in modo differente, in ogni caso è fissata alla lamiera della con delle viti, che dobbiamo svitare per poterla estrarre. Una volta tolta, possiamo vedere la piastra, che è fissata al telaio molto semplicemente con delle viti.

Lamiera isolante piastra stufa a gas.

Il primo passo da compiere è svitare i dadi che uniscono i tubi in alluminio agli innesti delle piastra, da essi giunge il gas che alimenta le piastre. Quando li svitiamo facciamo attenzione che ruotino senza far girare il tubo in alluminio. Potrebbe capitare che con il tempo si sia “incollato” e se continuiamo a svitare il tubo si spezzerà e perderemo la boccola necessaria al fissaggio. Nel caso facciamo una spruzzata di sbloccante ed attendiamo che faccia il suo corso. Se non c’è verso saremo costretti a tagliare il tubo e rifare la boccola.

Piastra stufa a gas.

Continuiamo svitando il gruppo pilota dal quale facciamo attenzione che non si molli il filo elettrico che attiva il piezoelettrico, in caso si sganci ricordiamoci di riporlo in posizione quando rimontiamo la nuova piastra.

Ora siamo pronti a fissare la piastra nuova, non dobbiamo fare nulla di particolare, dobbiamo procedere in senso inverso, ovvero fissarla alla stufa, collegare i tubi che portano il gas ai relativi innesti e fissare il gruppo della fiamma pilota.

Prima di chiudere con il pannello posteriore, però eseguiamo un controllo sulla tenuta degli innesti precedentemente avvitati. Mettiamo la stufa in piedi ed colleghiamo la bombola, non inseriamola all’interno del vano, m ala lasciamo a lato della stufa. Apriamo la mandata del gas ed accendiamo la stufa, tutti e tre i pannelli e lasciandoli accesi da dietro spruzziamo o passiamo una soluzione saponosa sugli innesti, in modo da verificare la loro perfetta tenuta. Se non si creano bolle significa che non ci sono perdite di gas e quindi abbiamo eseguito un buon lavoro.

Controllo con soluzione saponosa tenuta piastra stufa a gas.

Spegniamo tutto, scolleghiamo la bombola e terminiamo ripristinando il pannello in lamiera.

Ultima pubblicazione: 03/11/2021
Condividi su FacebookCondividi su TwitterCondividi su RedditCondividi su WhathsappCondividi tramite email

 
 

Non hai trovato cosa cercavi? Suggerisci, commenta o aggiungi qualcosa: compila il modulo.

 
supporto
Ho letto ed accetto la privacy policy
 
 
Articoli correlati:
 
Immagine rappresentativa articolo.
Appena sopraggiunge l'autunno e con esso i primi abbassamenti di temperatura, si inizia a pensare laddove non ci sia una fonte di riscaldamento a come potersi riscaldare. Con l'arrivo dell'inverno la necessità di riscaldare l'ambiente diventa vitale. Una soluzione che spesso viene impiegata è quella della stufa a gas, che può essere usata in modo specifico nell'ambiente in cui si ha necessità di riscaldare. Tra le stufe a gas c'è il modello con la fiamma blue o più conosciuta come stufa blue flame. Scopriamo insieme cosa c'è da sapere in merito ad essa!
 
 
Immagine rappresentativa articolo.
In questo momento storico in cui stiamo attraversando un aumento incontrollato del prezzo del gas, il metano resta la fonte, purtroppo ancora principale per il riscaldamento delle abitazioni. Il suo impiego avviene  principalmente attraverso l’alimentazione di caldaie, che oltre a fornire acqua calda sanitaria in casa, alimenta il riscaldamento attraverso i termosifoni.
 
 
Immagine rappresentativa articolo.
Ogni anno al termine della stagione estiva quando il caldo inizia a cedere passo alla giornate più fresche che sono l'anticipo delle giornate fredde, si inizia a pensare a come riscaldarsi in inverno! Andare ai tropici potrebbe essere una buona soluzione, ma se non è possibile uno dei riscaldamenti che spesso viene preso in considerazione è la stufa a gas termoventilata. Ti starai chiedendo se è valida? Beh ora lo vedremo!
 
 
Immagine rappresentativa articolo.
Come abbiamo già letto nell’articolo sulla stufa a gas che non emette la scintilla di accensione, ci possiamo trovare in presenza di una stufa nella quale non funziona il piezoelettrico. In alcuni casi è semplicemente staccato il filo conduttore della carica elettrica, mentre in altri è proprio il meccanismo dal quale scaturisce la scarica elettrica a non essere funzionante.
 
 
Immagine rappresentativa articolo.
Abbiamo finalmente acquistato la stufa a gas infrarossi o catalitica, l'abbiamo portata a casa! Ed ore non ci resta che metterla in funzione, ma è necessario eseguirne l'installazione! Avere a che fare con il gas mette sempre una certa agitazione, come si installa? Ho fatto bene, ho fatto male! Sento un rumore, che succede? Nella quasi totalità dei casi è tutto nella norma, ma vediamo i passaggi da eseguire per stare tranquilli.
 
 
Immagine rappresentativa articolo.
Anche per il mondo del riscaldamento a biomassa non legnosa dall’1 gennaio del 2018 è obbligatoria la classificazione energetica. Pertanto come per gli altri elettrodomestici per i quali è obbligatoria già da molto tempo, tali prodotti, parliamo di stufe a gas, stufe a legna, stufe a pellet ed altro, dovranno essere correlate quando esposte nei negozi delle relative etichette energetiche.
 

Linea
lineaPrivacy PolicylineaCookie PolicylineaDisclaimerlineacanale you tubelineaFan Page FacebooklineaCopiright.linea
Linea