Spazio trasparente.
Spazio trasparente.
 
Spazio trasparente.
Come stabilire la posizione ideale, dove fissare lo split del condizionatore d’aria fisso.
 
Un impianto di climatizzazione può essere considerato come un insieme di elementi in grado di generare del benessere. Infatti con la sua capacità di variare le condizioni dell’aria nel quale è posizionato, rende l’ambiente confortevole aumentando la sensazione di benessere.

È di fondamentale importanza però, al fine di ottenere il massimo del risultato, oltre ad effettuare un corretto dimensionamento, scegliere in quale posizione installare lo split del condizionatore, che a seconda della ubicazione finale può distribuire l’aria in modo corretto, generando benessere, o in modo incorretto, originando delle spiacevoli, fastidiose e dannose condizioni per il nostro organismo.

L’impatto diretto dell’aria, sia fredda che calda, con il corpo genera una sensazione di fastidio, che a seconda dell’intensità e della durata può causare dolori, nevralgie, torcicolli ed altro. Per fare un esempio della sensazione, pensiamo a quando in estate entriamo in un negozio e ci troviamo sotto il getto diretto d’aria, che fuoriesce dallo split, si avverte subito del malessere e tendiamo subito a spostarci. La stessa sensazione anche se meno accentuata la si avverte con il flusso d’aria calda.

In generale il flusso dell’aria diretto sul corpo non è positivo per il nostro benessere e conseguentemente, quando ci si appresta ad installare lo split del condizionatore è opportuno farlo, scegliendo una posizione che eviti di direzionarlo direttamente su di noi.

In buona sostanza, indifferentemente dalla tipologia dell’ambiente, sia esso una camera da letto, un soggiorno, uno studio ed altro, il flusso dell’aria deve essere studiato in modo tale da fargli assumere una parabola, per poi cadere in un punto in cui non stiamo abitualmente, ovvero una zona che possiamo considerare di passaggio.

La scelta della posizione finale deve passare attraverso la valutazione combinata di aspetti tecnici, puramente legati all’installazione ed altri pratici legati al movimento dell’aria.

Per quanto riguarda l’installazione bisogna considerare che lo split, deve essere collegato con l’unità esterna tramite dei tubi e quindi è preferibile identificare una posizione, che sia il più possibile vicina al motore e che dia sull’esterno dell’abitazione. Allo stesso tempo bisogna considerare che allo split, si deve collegare un tubo per lo scolo della condensa, quindi deve assumere una posizione più alta rispetto al motore, dove confluisce il tubo di scolo. Scolo che può anche essere indirizzato verso un altro punto, considerando però sempre la pendenza.

Se queste condizioni sono soddisfatte, devono però combinarsi con la non corrispondenza del flusso dell’aria direttamente sulla persona, altrimenti bisogna portare le tubazioni nella posizione in cui sono rispettati tali vincoli.

Nello scegliere la posizione dello split bisogna considerare di non posizionarlo dietro a tende e che il flusso d’aria non possa essere bloccato o deviato da elementi presenti nell’ambiente.

Inoltre se installato in ambienti particolarmente piccoli, valutare la direzione del flusso dell’aria verso quale parete si dirige e la direzione che ne può assumere il rimbalzo, in modo che non si direzioni verso chi staziona nell’ambiente.

Articolo aggiornato: lunedì 17 agosto 2020

 

 
articoli sul tema:
 
 
Spazio trasparente.


Nella scelta di un climatizzatore d’aria, una delle domande che spesso ci si pone è quale sia la scelta migliore tra un climatizzatore on off ed uno con tecnologia inverter. Abbiamo già esposto in altri articoli la chiara ed indiscussa superiorità dei climatizzatori inverter, ed oggi vediamo per l’appunto l’affermarsi di tale tecnologia e la relativa scomparsa dei climatizzatori on off.
 
 
Spazio trasparente.


Premesso che ogni condizionatore ha una sua potenza termica e per capirci meglio per tale potenza si intende quella che comunemente è identificata con i btu/h, va detto che nello scegliere un impianto si può commettere un errore grossolano in riferimento a detta potenza.
 
 
Spazio trasparente.


L’1 gennaio del 2013 è entrata in vigore la normativa che impone l’obbligo di utilizzare una specifica energy label per i climatizzatori domestici fino ad una potenza di 12 Kw.
 
 
Spazio trasparente.


Succede molto spesso che un elettrodomestico ed in questo caso un climatizzatore presenti delle anomalie di funzionamento, o presunte tali, trovandoci nella condizione in cui non sapendo cosa fare ci rivolgiamo al negoziante o al tecnico.
 
 
Spazio trasparente.


Diversamente per quanto avviene in altri elettrodomestici, nei climatizzatori d’aria fissi e portatili la classe non si riferisci strettamente al consumo energetico dell’apparecchio ma alla sua efficienza.
 
 
Spazio trasparente.


Tra un po' arriverà il grande caldo e allora, prima che vi colga impreparati, sarebbe giusto assicurarsi del corretto funzionamento dei condizionatori d'aria. La loro cura è un processo fondamentale per garantire l'efficienza dell'impianto di climatizzazione e scongiurare problemi tecnici che impedirebbero alla macchina di svolgere un buon lavoro.
 
 
Icona regione.
Gianfranco da Longare giorno 17/08/2020
Buongiorno e complimenti. Ho una seconda casa di 64 mq complessivi in 4 piani. Una scala laterale per raggiungere i piani, sotto cucina, sopra bagnetto e cameretta, sopra camera e sopra ancora piccola mansardina. Il condizionatore mi servirebbe in estate ed inverno. La proposta dell'idraulico è di installare uno split per stanza, non mansarda. Io cerco altra soluzione perché a parte i costi, le stanze sono piccole e ogni cosa ingombra. Può essere una soluzione uno split sulla scale, in modo che l'aria giri. Vero che nel passaggio sulla scale si avrebbe una forte aria addosso ma, penso, se l'aria gira e l'appartamento è talmente piccolo che in breve verrebbe comunque climatizzato. Che dice?
 
Icona elettro-domestici.com
 
Buongiorno Gianfranco, devo concordare con la proposta fatta dall’installatore. Uno split sulle scale non è una soluzione valida, oltre al freddo concentrato come osservavi, l’aria non si diffonderebbe nelle stanze ma rimarrebbe concentrata in quella zona.
Icona regione.
Nicola da Andria giorno 12/02/2020
Buongiorno, le pongo un quesito circa una corretta posizione dello split interno. Ho individuato uno di essi le cui dimensioni sono: larghezza mm 773, altezza mm 250, profondità mm 185. Sta di fatto però che per la posizione scelta ho un margine di spazio da utilizzare di 360 mm, distanza tra il soffitto e i pensili della cucina. Ritiene sufficiente questo spazio per inserirvi lo split ad una distanza dal soffitto tecnicamente adatta? Spero di essermi spiegato in modo comprensibile. In attesa di un suo parere in merito, la ringrazio per la cortese attenzione e le porgo cordiali saluti.
 
Icona elettro-domestici.com
 
Buongiorno Nicola, ti rimando alla lettura dell’articolo sulla distanza minima dal soffitto. Unica raccomandazione è considerare il rimbalzo dell'aria sui mobili.
Icona regione.
Claudio da Sondrio giorno 04/02/2020
Vorrei istallare uno split sotto una finestra ad una altezza di circa 80 cm. (camera da letto) con le alette rivolte verso l'alto. la finestra è di fronte al letto. Si può fare ?
 
Icona elettro-domestici.com
 
Buongiorno Claudio, uno split tradizionale non puoi metterlo, avresti problemi nella diffusione dell’aria, nel ricircolo di quella in entrata ed anche per il rilevamento della temperatura, che se messo in alto la rileva nel momento in cui lo spazio sotto di esso si è raffreddato, in questo caso l’aria fredda che sta in basso raggiunge subito la sonda è stacca. Dovresti installare un modello da terra che è progettato in modo specifico.
Icona regione.
Luisa da Legnano giorno 15/05/2016
Buongiorno, vorrei sapere quale problema succede se lo split interno da parete viene posizionato a meno di 5 cm dal soffitto.
 
Icona elettro-domestici.com
 
Buonasera Luisa, la distanza dal soffitto da tenere è di circa 15 cm, questa serve per consentire all’aria calda che si trova nella stanza, risalendo, di andare a scontrarsi con l’evaporatore dello split, che è posto nella sua parte più alta, quella aperta. Ora se tale distanza è inferiore, si riduce lo scambio, quindi la quantità di aria che riesce ad impattarvi e conseguentemente la resa.

Icona regione.

Grazie mille per la risposta, mi sono accorta della resa ed era quello che temevo, sono due split e me li hanno messi così credo perché il percorso era un po’ lungo, per problemi di scarico acqua. In pratica entrano tutti i tubi insieme in cucina, poi quelli per la camera proseguono per conto loro attraversano un piccolo disimpegno e vanno in camera. Non avendo fatto la predisposizione ho due pezzi di canalina a vista, ma va bene lo stesso. Se così li ha messi credo perché non c'era alternativa, la speranza che mi rimane é, visto che gli split sono di 9000 anziché 7000 (forse consigliati così non a caso) che la resa sia un pochino di più. Grazie

Icona elettro-domestici.com

L'unica opozione che posso pensare sia stata seguita, è quella di posizionare lo split così alto per dare una pendenza al tubo di scolo della condensa fino al motore, la distanza non giustifica la cosa, il motore è quasi alla stessa altezza dello split? In questo caso il tubo di scolo doveva seguire un percorso differente dividendosi dai tubi del gas, e confluire in una posizione più bassa al motore, in un diverso confluvio. Speriamo che la resa sia comunque buona, lo scoprirai con il maggior caldo.

Icona regione.
Paolo da Udine giorno 30/03/2016
Prima di tutto mi complimento per il sito molto ben fatto e di sicuro interesse per tantissimi inesperti. Volevo chiedere un consiglio per il posizionamento del o degli split per la zona notte del mio appartamento. Ci sono tre camere però quelle più " calde" sono due. Se possibile vorrei mettere una sola unità interna per rinfrescare principalmente le due camere menzionate e poi un po’ di aria fresca potrebbe arrivare anche alla terza camera. Questo però mi sembra molto difficile perché vorrebbe dire installare lo split in corridoio e il risultato sarebbe pessimo. Ecco volevo sapere se l'unica soluzione è mettere uno split per camera o ci sono altre possibilità? Copia della pianta dell'appartamento.

Pianta appartamento.

 
Icona elettro-domestici.com
 
Buongiorno Paolo, ti dico subito che bisogna mettere uno split per ogni stanza, in modo tale che ognuno sia dimensionato opportunamente e quindi avere una condizione ideale sia per il raffreddamento che il riscaldamento. Leggi per quali motivi non è indicato nel corridoio. La pianta della casa poi dimostra chiaramente come gli ambienti sono distanti e il flusso d’aria non riuscirebbe mai a percorrere il tragitto, per andare da una stanza all’altra.
Icona regione.
Luciano da Parabiago giorno 28/09/2015
Mi hanno installato lo split a 5/6 cm sopra una trave profonda 60 e a 13 cm dalla parete ad angolo. Purtroppo continua spegnersi e non climatizza la camera. Vorrei sapere se è un problema di spazi troppo ridotti ed eventualmente a che distanza minima posso alzare lo split dalla trave.
 
Icona elettro-domestici.com
 
Buongiorno Luciano, se non ho capito male lo split si trova immediatamente sotto di se la trave che sporge e copre lo spazio di uscita per ben 60 cm. In questa condizione c’è un rimbalzo di aria che ingannando il sensore di temperatura fa spegnere il clima. Lo split sotto di se non deve avere impedimenti per l’uscita dell’aria.

Icona regione.

Avrei ancora una domanda da farle. Essendo l'unico punto dove installare lo split, sopra la trave profonda 60 cm, vorrei sapere se con 24 cm di spazio utile ho ancora il problema di rimbalzo d'aria. In caso affermativo, senza spostare lo split, avrebbe qualche soluzione da propormi?

Icona elettro-domestici.com

L’aria esce dallo split dalla parte inferiore, ora se tale flusso sbatte contro la trave c’è un rimbalzo con le conseguenze del caso. Pertanto fai questa verifica prendendo le misura, a me risulta un po’ complesso non avendo un disegno in prospettiva. Non vedo soluzioni che possano risolvere la cosa se non spostare il clima o renderlo sporgente alla trave.

Icona regione.
Gino da Vicenza giorno 10/08/2015
Climatizzatore in entrata posizionato alla parete esterna adiacente camera cosa posso fare per fare arrivare aria nella camera? Accetto qualsiasi consiglio purché sia costruttivo.
 
Icona elettro-domestici.com
 
Buongiorno Gino, premettendo che per ottenere un risultato in ogni stanza, deve essere installato uno split. L’unica cosa che puoi fare è quella di impiegare un ventilatore frontalmente alla porta in modo tale che spinge l’aria fredda all’interno della stanza.
Icona regione.
Laura da Perugia giorno 04/08/2015
Salve, anzitutto complimenti per il sito e tutte le informazioni che vi si possono trovare. Mercoledì verrà il tecnico ad installarmi un climatizzatore Kirigamine FH25 da 9000 btu/h sulla mia stanza da letto e vorrei un consiglio su come posizionare correttamente l'unità interna. Allora, la mia stanza misura 17 mq ed ha l'unica finestra esposta a Sud. Questa finestra dà su di un grande terrazzo "abitabile" di mia proprietà dove verrà installato il motore esterno dell'apparecchio. Passo alla descrizione della stanza: è lunga 4,62 m e profonda 3,68 m (è un parallelepipedo). Il soffitto è alto 3,45 m (è una vecchia casa, ad esempio i muri esterni sono molto spessi ed anche alcuni muri portanti interni). L'unica finestra, è decentrata rispetto al lato corto della stanza (è a Sud\Ovest diciamo, parete Sud) mentre l'unica porta è posizionata sulla parete opposta ed è attaccata all'angolo di Nord-Est. Il letto matrimoniale è posizionato ad 1 metro circa dalla finestra, con la testiera attaccata alla parete Ovest. Sulla parete ad Est c'è un armadio che va per tutta la lunghezza della stanza, alto 2,60 m e profondo 60 cm. Purtroppo ho la finestra con la serranda quindi all'altezza della finestra si aggiunge quella del cassettone (che è lungo 150 cm ed inizia 50 cm dopo l'angolo di Sud\Ovest) per un totale di 2,92 m dal pavimento, questo significa che sopra la finestra ho uno spazio di 52 cm (non ho ancora montato le tende). Concludendo, sull'angolo a Nord\Ovest della stanza c'è una scrivania che finisce accanto al letto. L'unità interna Mitsubishi FH25 misura (A x L x P) 323 cm x 925 cm x 234 cm. Stamani l'installatore è passato a fare un sopralluogo e mi ha detto che l'unità interna verrà montata sopra la finestra, nello spazio libero tra la parte finale del cassettone e l'inizio dell'armadio (quindi a Sud-Est). Avevo chiesto se era possibile montarla sul lato opposto a quello della finestra (lato Nord) in alto al centro della parete, ma mi è stato detto che è troppo distante dal motore esterno dell'apparecchio (che deve essere montato necessariamente fuori dalla parete Sud, in basso). Secondo voi, considerando la disposizione della stanza, quella indicata dall'installatore è la posizione corretta? Ci sono alternative valide? Posso fornire uno schema eventualmente, per chiarire meglio la situazione, però qua non posso allegare file. Comunque ho fornito le misure, meglio di niente! Grazie in anticipo per l'eventuale risposta, sperando di essere stato il più chiaro possibile nella descrizione della stanza e nell'esposizione del problema! Saluti
 
Icona elettro-domestici.com
 
Buongiorno Laura, nel fornire le misure sei stata molto dettagliata, ma riassumerle tutte si rende un po’ complicato, pertanto puoi inviare uno schema a info@elettro-domestici.com. La posizione scelta è sicuramente la più semplice per il lavoro e certamente può andare bene, devi verificare due cose, la prima e che il flusso dell’aria che uscirà dallo split non abbia ostacoli contro cui infrangersi, la seconda e che non ti venga direttamente addosso, quindi sul letto. L’altra posizione è anche percorribile, comporta un lavoro di installazione più laborioso, in quanto i tubi devono passare, sempre dalla posizione esterna del motore, all’interno della stanza lungo le pareti. Questo lavoro si può fare con delle canaline esterne, quindi che si vedono, o con tubatura sottotraccia, quindi c’è da rompere i muri.

Icona regione.

L'opzione del condizionatore posizionato tra il cassettone e l'armadio è quella che mi ha indicato l'installatore. Quindi nelle immagini l'ho chiamata "Opzione N1". L'opzione invece nella parete Nord, opposta alla finestra, è quella che sto chiedendo io se è fattibile e nelle immagini l'ho chiamata "Opzione N2". Tra le immagini ho rindirizzato velocemente la veduta da fuori casa con la posizione dell'unità esterna, 2 vedute aeree, 2 dal mio punto di vista guardando dalla porta oppure guardando dalla finestra ed altre vedute d'insieme, in più troverà l'immagine della pianta 2d dall'alto con le misure espresse in cm.

 

Icona elettro-domestici.com

Mi sono arrivate tutte le vedute ma ne ho caricato solo due in quanto bastano alla comprensione ed all'analisi dell'installazione. Tralasciando la posizione dell'unità esterna che va bene, anche un'altra posizione è uguale, è solo una questione di comodità di installazione ed estetica da considerare. Lo split interno va benissimo in entrambe le posizioni indicate. L'opzione N1 non crea nessuna difficoltà di emissione dell'aria, l'armadio è lontano e non crea barriera ed il flusso dell'aria va oltre la pediera del letto e pertanto non da fastidio, diversamente l'opzione N2 raggiunge la pediera del letto e in fase di raffrescamento, quando solitamente si dorme scoperti, il flusso d'aria raggiunge la parte basse delle gambe e può dare un po’ di fastidio. In questa circostanza però si può impostare una direzione dell'aria verso il basso e non avere più il problema. Rimane però una maggiore spesa per l'installazione, che vede passare i tubi lungo la parete (canalina esterna) oppure sottotraccia, quindi la necessità di rompere i muri e poi ripristinarli, con tutto ciò che comporta. Direi che se soluzione N1 è la migliore.

Icona regione.
Carlo da Zagarolo giorno 01/08/2015
Salve devo montare uno split interno ma il punto dove devo metterlo sopra una finestra ho uno spazio di altezza di 30 cm so che non sono sufficienti ma esiste qualche modello che può fare al caso mio?
 
Icona elettro-domestici.com
 
Buongiorno Carlo, è uno spazio troppo piccolo non ci sono modelli adatti.
Icona regione.
Daniela da Roma giorno 08/10/2014
Buongiorno, vorrei posizionare lo split della cameretta sopra l'armadio profondo 60cm, in uno spazio che consentirebbe allo split stesso una distanza di 5 cm dal soffitto e 5 cm dall'armadio sottostante. È tecnicamente sbagliato?
 
Icona elettro-domestici.com
 
Buongiorno Daniela, è una posiziona errata, dal soffitto ci dovrebbero stare almeno 15 centimetri e sotto non ci deve essere nessun impedimento al flusso d’aria in uscita.
Icona regione.
Gaetano da Palermo giorno 04/09/2014
Salve, vorrei mettere un condizionatore in una stanza 4 mx lunghezza x 1.80 di larghezza tetti alti 3. 40 senza finestre solo una comunicante con cucina. Si tratta della stanzetta dei miei figli cosa posso mettere come btu/h di potenza per non fare male ai bambini e poi meglio dalla parte dei piedi o sopra la testa.
 
Icona elettro-domestici.com
 
Buongiorno Gaetano, è sufficiente un 7000 btu/h, se poi non lo trovi o non lo trovi conveniente come prezzo anche il 9000 btu/h. La posizione ideale è quella che evita che il flusso dell’aria arrivi direttamente sulle persone.
Icona regione.
Gino da Milano giorno 17/06/2014
Buongiorno, vorrei climatizzare un bilocale di 60mt. L'appartamento è diviso in zona giorno e notte delle stesse dimensioni. Sia il soggiorno che la camera da letto hanno una piccola anticamera (3/5mt) comunicanti tra di loro. Se metto un mono slipt da 12000 nell'anticamera del salotto riuscirei a climatizzare anche la camera da letto? Oppure è meglio un dual split da 7000+ 7000 (uno per camera)? Naturalmente installare il mono split mi costerebbe meno (sarebbe installato spalla a spalla), ma ne varrebbe la pena?
 
Icona elettro-domestici.com
 
Buongiorno Gino, la scelta migliore è quella di installare uno split per ogni stanza con una potenza rapportata al carico termico, leggi perché non va bene la soluzione di un solo climatizzatore nel corridoio o in posizione centrale come la tua.
Icona regione.
Roberto da Jesolo giorno 22/05/2014
Buongiorno, mi ritrovo con una predisposizione per un solo split, questo verrebbe a trovarsi in un piccolo corridoio con 4 porte che accedono ad altrettante stanze, 2 di queste non ho interesse a raffreddarle (bagno e lavanderia), mi interessa invece raffreddare le altre 2 stanze, la camera (circa 20 mq) e il soggiorno/ cucina (circa 65mq). Premetto che l'interesse principale è per la camera mentre il soggiorno è secondario, lo split sarebbe quindi rivolto verso il corridoio e posizionato sopra la porta del soggiorno (la camera si trova alla destra dello split). Pensavo ad un modello da 18000 btu/h, il dubbio più grosso riguarda però il posizionamento nel corridoio. Premetto che potrei pensare di girare lo split verso il soggiorno ma il timore è di non riuscire più a raffreddare la camera. Ha qualche consiglio da darmi? Esiste la possibilità di collegare 2 split agli stessi tubi usati per un solo split?
 
Icona elettro-domestici.com
 
Buongiorno Roberto, "installare un climatizzatore nel corridoio" e sperare di fare più stanze non è indicata. Se hai solo i due tubi per un mono split, non puoi collegarci due split. Il mio consiglio è di montare un solo split nella stanza che ti interessa climatizzare, potrai scegliere così un modello con potenza minore, rapportato alla stanza, spenderai di meno, consumerai di meno ma soprattutto otterrai un risultato ottimale.
Icona regione.
Moreno da Mantova giorno 12/05/2014
Devo istallare un condizionatore fisso nel reparto notte, ho un corridoio lungo 7 metri e largo 1 metro, chiuso con porte, sul lato destro due camere letto 4x5 e una in fondo al corridoio 3x2. È giusto istallare il condizionatore all'inizio del corridoio? Avrò fresco dappertutto? Quale potenza devo acquistare?
 
Icona elettro-domestici.com
 
Buongiorno Moreno, per una climatizzazione ideale bisogna installare un climatizzatore per ogni stanza, leggi “Climatizzatore nel corridoio”.
Icona regione.
Luca da Brenta giorno 28/04/2014
Salve, vista la competenza e la sua educazione nel rispondere, vorrei chiedere un parere a fronte di acquistare un climatizzatore per casa. Premetto che dovrò raffreddare 45 m2 mansardati e con un buco in mezzo per la scala che porta al piano sottostante. Non ho necessità di raffreddare i locali al piano di sotto. Per motivi di spazio dovrò installare l'apparato su un muro del locale "disimpegno" dove c'è il buco e per giunta, indirizzato verso il buco (130*130 cm). Le mie domande sono:
a) il freddo riuscirà a raffreddare le stanze attorno al "buco" oppure andrà subito verso il piano sotto? (problema che ho all'inverso con la stufa a pellets situata di sotto, la quale non porta su il caldo per via del cuscinetto di aria fredda che "tappa" l'apertura del buco di inverno)(e quindi gioverebbe in questo caso, visto che ci sarà il "cuscinetto" di aria calda a "tappare" e quindi rimarrebbe tutto su)
b) il mio tecnico mi ha detto di installare un clima che fa anche da deumidificatore, che secondo lui, sarebbe quella la funzione migliore perché togliendo l'umidità ai locali, sarà un effetto diverso da quello di "sparare" aria fredda col clima.
c) essendo ignorante in materia, quale mi consiglia? Possibilmente dovrebbe avere il minimo inquinamento acustico e costare attorno ai 600/700 euro.
d) lui mi ha proposto un Riello attorno ai 600+iva.
 
Icona elettro-domestici.com
 
Buongiorno Luca, andando per ordine ritengo che sia preferibile, se puoi, spostare la posizione dello split, che se di fronte al “buco” vi indirizzerà parte dell’aria. L’aria fredda è più bassa della calda ed inevitabilmente parte di essa andrà verso il basso. Purtroppo il “buco” c’è ed avrai dispersione. I climatizzatori hanno tutti la funzione di deumidificazione, che in regime di raffreddamento avviene contemporaneamente al raffreddamento. La riduzione di umidità crea una condizione di benessere. Per il modello devi dare un po’ tu uno sguardo e studiarti le caratteristiche, direi che ci vuole un climatizzatore intorno ai 16000 btu/h nominali.
Icona regione.
Rossella da Bergamo giorno 26/04/2014
Ho la necessità di mettere un condizionatore, da usare quasi esclusivamente nell'estate nel seguente ambiente: salotto più cucina che ha la forma di un parallelepipedo i cui lati misurano m. 5,0-7,8-3,1- 8,0. Sul lato di 5 metri (verso un balcone coperto) c'è una porta finestra e un grosso finestrone (2x1,5) ed è esposto a sud-est. Sul fondo parete di 8m , che è a sinistra della parete con il finestrone, è posizionata una porta e una finestra (2x1,20) comunicanti con un ingresso di 8 metri quadrati (4,20x1,90). La superficie complessiva è di circa 38 mq. In questo caso un montatore propone di collocare lo split da 3,5Kw sulla parete adiacente la porta finestra, un altro propone di posizionarlo sulla parete dell'ingresso direzionandolo verso la porta dell'appartamento che si trova sulla parete adiacente a quella della cucina di m3,1. A chi devo dare retta?
 
Icona elettro-domestici.com
 
Buongiorno Rossella, ho cercato di riprodurre il disegno dell’ambiente descritto, altrimenti mi veniva difficile focalizzare bene, spero di aver interpretato bene.

Il clima va installato su una delle due pareti più corte in modo tale che il getto d’aria si possa allungare il più possibile verso la fine della stanza. Lo previsto sul lato corto visto che è libero, però è uguale anche su quello da 5 metri se è più comoda l’installazione del motore.

Icona regione.
Matteo da Reggio Emilia giorno 22/04/2014
L’unico punto dove potrei installare lo split di condizionamento e sopra alla mia stufa a pallet, durante il suo funzionamento, in inverno, potrebbe provocare danni alla scheda dell’unità interna? Eventualmente in inverno potrei smontarla sempre se fattibile.
 
Icona elettro-domestici.com
 
Buongiorno Matteo, escludo che la posizione sulla stufa ed il calore da essa proveniente possa inficiare il funzionamento della scheda.
Icona regione.
Carlo da Sarnico giorno 22/04/2014
Vorrei rinfrescare il seguente ambiente: un corridoio lungo 3,20 m e largo 0,8 m; una cameretta di 10 mq posta sulla destra del corridoio con inizio porta a 2,0 m dalla porta di ingresso al corridoio; una camera matrimoniale di 16mq sulla sinistra del corridoio con porta di ingresso alla camera a 0,2 m dalla porta di ingresso al corridoio. Mi suggeriscono di mettere uno split da 3,5 Kw sopra la porta di ingresso del corridoio. É giusto? A quale inconvenienti andrei incontro?
 
Icona elettro-domestici.com
 
Buongiorno Carlo, la posizione nel corridoio è errata, leggi l’articolo “climatizzatore nel corridoio” e scopri perché non è consigliato.
Icona regione.
Augusto da Crespi giorno 03/03/2014
Salve ma l’abitudine di installare gli split sopra le finestre, è corretta?
 
Icona elettro-domestici.com
 
Buongiorno Augusto, la posizione sulla finestra può andare bene, ma non è in assoluto la posizione dove sistemare lo split, anzi in alcuni casi può essere errata. In base al tipo di ambiente ed alla sua grandezza ed a gli altri fattori descritti nell’articolo bisogna identificare il punto migliore.
Icona regione.
Rosario da Villaricca giorno 05/08/2013
Mi potreste spiegare come vanno direzionate le alette degli split? Vanno dirette verso il basso o verso l'alto? Oppure vanno fatte oscillare?
 
Icona elettro-domestici.com
 
Buongiorno Rosario, in regime di raffreddamento le alette vanno rivolte verso l’alto in modo tale da consentire al getto di aria fredda, di avere una parabola lunga e raggiungere l’estremità opposta alla sua posizione. Così facendo, l’aria, durante il suo percorso, tendendo ad andare verso il basso, copre tutta la zona. In regime di riscaldamento si indirizza la ventilazione verso il basso in quanto l’aria calda tende a salire.
Icona regione.
Paolo da Follonica giorno 31/07/2013
Mi trovo a sostituire il condizionatore della camera matrimoniale, l'attuale posizione è laterale al letto con orientamento verso i piedi. Vorrei cambiare posizione mettendolo sopra la testiera, consigliata dal tecnico. Gradirei la sua opinione.
 
Icona elettro-domestici.com
 
Buongiorno Paolo, lo split deve essere posizionato in modo tale che il getto d’aria non sia diretto con il corpo. Considerando che il punto di stazione è il letto direi che la posizione ideale è quella per la quale l’aria non colpisce nessuna parte del corpo o al massimo i piedi come con la precedente installazione. Se consideriamo l’andamento dell’aria in freddo vediamo che tende ad andare verso il basso. Ora se posizioni lo split sulla testiera del letto, è vero che il getto d’aria crea una parabola che probabilmente termina oltre i piedi e quindi cade in un punto di passaggio, però ci può essere un rimbalzo che riporta l’aria direttamente sul corpo e comunque c’è una caduta di parte dell’aria fredda, che si stacca dalla parabole verso il basso, direttamente sul corpo, che ti crea una situazione di disagio.

Se non hai trovato quello che cercavi, se vuoi suggerire, commentare o aggiungere qualcosa compila il modulo.

supporto
 
 
 
 
 
 
Foto articolo.
 
 
 

 
Linea
 
lineaPrivacy Policy lineaCookie Policy linea lineaDisclaimerlineaContattacilineacanale you tubelineacanale you tubelineaFan Page FacebooklineaCopiright.lineaiubendalinea
Linea
 
Torna su