Icona accesso.
 
 
 
 
 
 

Da cosa possono dipendere differenze di prezzo significative tra climatizzatori con la stessa potenza termica.

Effettuando una ricerca o trovandosi davanti ad una esposizione di climatizzatori, non si può fare a meno di notare una varietà di prezzi con una differenza sostanziale tra prodotti con la stessa potenza termica. Divario non facilmente comprensibile se non dopo un attento approfondimento delle tematiche che generano tale condizione.

Interessandosi all’acquisto diventa indispensabile, essere a conoscenza del perché ci sono tali differenze, per valutare correttamente un prodotto ed orientarsi verso un acquisto, valutato non solo in base al prezzo.

Diciamo subito che la differenza sostanziale è giustificata dalle prestazioni. I dati tecnici più significativi sui quali soffermarsi sono: l’assorbimento elettrico, la resa termica in rapporto al consumo, i limiti di temperatura esterna di funzionamento, la rumorosità interna ed esterna, i materiali di costruzione ed i metri cubi d’aria trattati ogni ora. Abbiamo cercato di stringere la valutazione sui fattori generali più importanti, ma ce ne sono altri.

Le migliori prestazioni di un climatizzatore rispetto ad un altro dipendono dalla diversa tecnologia di costruzione, frutto di capitali investiti dalle aziende leader del settore, per sostenere ricerche, sviluppo di brevetti e migliorare accorgimenti tecnici capaci di fare la differenza nella performance.

Tralasciando l’assorbimento elettrico, la resa e i limiti di temperatura di funzionamento, dei quali abbiamo parlato in altri articoli, analizziamo come le altre differenze influenzano le prestazioni e la miglior vita del prodotto.

La rumorosità di un climatizzatore dipende fondamentalmente da come è costruito il ventilatore posto nello split. I condizionatori più efficienti hanno una ventola sviluppata il lunghezza e non in altezza, con una forma che limita al minimo il rumore, riuscendo a movimentare più aria rispetto ad una ventola classica. Questo garantisce un livello di pressione sonora molto basso, che nei prodotti di elevata qualità si aggira intorno ai 20 dBA. Anche la rumorosità dell’unità esterna va tenuta in considerazione, soprattutto se si abita in un condominio per non arrecare disturbo ai vicini e rimanere entro il limite di emissione di rumore consentito dalla legge.

I materiali di costruzione possono essere molto diversi, a titolo di esempio i motori possono essere costruiti in lamiera, in resine o abs ed ancora con lamiere zincate. Il costo della materia prima è chiaramente differente, ma il risultato ottenuto è assolutamente diverso. I primi due materiali sono soggetti con il passar del tempo ad alterazioni del loro stato, mentre l’ultimo difficilmente subirà deterioramenti importanti.

Un evaporatore più efficiente associato ad una ventola con prestazioni elevate garantisce un maggiore trattamento dell’aria nell’arco di  uno stesso periodo di tempo, rispetto ad un climatizzatore più economico. Per avere una qualità ottimale, l’aria presente in un ambiente, deve essere trattata almeno due volte in un’ora. All’atto pratico il dato dei metri cubi d’aria trattati è molto diverso tra una macchina economica ed un prodotto più costoso. Se pensiamo all’utilizzo in un locale aperto al pubblico, si capisce immediatamente che il maggior numero di metri cubi d’aria trattati è indice di maggiore qualità e garanzia di aria costantemente depurata nell’ambiente.

A tutto ciò bisogna aggiungere un argomentazione che fa la differenza, alla cui sola presenza possiamo identificare un prodotto nell’alta qualità: la sicurezza certificata. Riconoscimenti dati alle aziende che si distinguono e vengono giudicate per specifiche qualità, che fanno si che i loro prodotti, si suggellino di garanzia di qualità.

Tra i riconoscimenti più importanti ci sono le certificazioni iso 9001, iso 14001, eurovent ed il marchio ce.

Iso 9001 è un riconoscimento aziendale che certifica un grado di eccellenza assoluta in ogni fase del ciclo di produzione.

Iso 14001 attestazione di azienda operante con una gestione in grado di assicurare rispetto per l’ambiente e per la salute dell’uomo.

Eurovent è una certificazione che attesta che tutti i dati dichiarati a catalogo dell’aziende certificate, o dei prodotti sottoposti a test, rispecchiano le reali prestazioni. Le aziende ed i prodotti certificati eurovent possono essere visionati sul sito: eurovent.

Il marchio Ce, garantisce il rispetto delle norme sulla sicurezza stabilite dalle direttive europee.
 
Condividi su FacebookCondividi su TwitterCondividi su RedditCondividi su WhathsappCondividi tramite email
 

 
 
 
 
 
 
 
Commenti recenti
Icona regione.
Roberto da Roma giorno 10/05/2015
Salve, vorrei sapere che differenza c'è tra un climatizzatore in classe A e un climatizzatore in classe A++ o A+++. Un venditore mi ha detto che su alcuni elettrodomestici in classe A o A+ la differenza di consumo sono di circa 10 euro anno, mentre la differenza per l'acquisto è di circa 150/200 euro, per cui a conti fatti....Ora chiedo a voi una conferma su ciò che mi è stato detto, se è vero oppure se mi ha detto questa cosa tanto per togliersi un “elettrodomestico vecchio".
 
Icona elettro-domestici.com
 
Buongiorno Roberto, le classi identificano dei consumi energetici differenti che a seconda dell’area geografica di utilizzo del condizionatore possono essere differenti, quindi uno stesso split può essere in classe A per una zona calda ed in classe D per una zona fredda, quindi possiamo avere un consumo energetico differente e non di soli 10 euro. La differenza di area geografica è relativa al funzionamento in riscaldamento, mentre per il raffreddamento l’area geografica è la stessa, ma anche in questo caso dire che c’è una differenza di soli 10 euro è una generalizzazione, il confronto è la reale differenza deve essere evinta dal confronto dei dati tecnici e dal dato riportato sull’energy label del condizionatore. Posso assicurarti che tra una classe A ed una A++ o A+++ ci possono essere delle belle differenze.

Non hai trovato cosa cercavi? Suggerisci, commenta o aggiungi qualcosa: compila il modulo.

supporto
 
 
Altri articoli che ti potrebbero interessarti:
 
 
Spazio trasparente.
Immagine rappresentativa articolo.

Il condizionatore sia esso fisso che portatile oltre alla funzione di raffreddamento e di ventilazione, nei modelli dotati di pompa di calore si aggiunge quella del riscaldamento, è dotato della funzione di deumidificatore, spesso si dice funzione "condizionatore dry". Ma cosa è esattamente la modalità dry?
 
 
Spazio trasparente.
Immagine rappresentativa articolo.

Il condizionatore portatile è quasi sempre impiegato nella stagione estiva per sconfiggere la calura, difatti nasce principalmente per tale scopo e nella stragrande maggioranza i modelli sono dotati della funzione di raffreddamento, ventilazione e di deumidificazione.
 
 
Spazio trasparente.
Immagine rappresentativa articolo.

Dopo anni di onorato servizio, magari in pieno caldo quando la sua funzione è più che mai desiderata, il climatizzatore smette di funzionare. Eseguito qualche tentativo per rianimarlo, non c’è proprio niente da fare se non procedere alla sua sostituzione con un modello di nuova generazione.
 
 
Spazio trasparente.
Immagine rappresentativa articolo.

Tutti i condizionatori sia che si tratti di impianti fissi o portatili sono dotati di un filtro o meglio di filtri. Di base in un condizionatore portatile c'è un solo filtro, posto nel punto in cui l'aria dell'ambiente impatta con l'evaporatore, di solito nella parte retrostante del mobile, subito sotto il tubo di uscita dell'aria, mentre in un condizionatore split ci sono due filtri posti nell'unità interna.
 
 
Spazio trasparente.
Immagine rappresentativa articolo.

Dopo anni di non regolamentazione dell’installazione, della manutenzione e del controllo dei condizionatori domestici, a partire dal 1 gennaio 2015 entra in vigore il regolamento dell’ Unione Europea n° 517 del 16 aprile 2014, che regola in generale gli impianti termici, anche se in questo articolo ci soffermeremo sugli aspetti che riguardano gli split domestici.
 
 
Spazio trasparente.
Immagine rappresentativa articolo.

Ogni ambiente, in base al suo carico termico, a parità di metri cubi, può necessitare per essere raffreddato o riscaldato di un climatizzatore con diversa potenza. Calcolarla, se non si possiede la minima preparazione in merito ai carichi termici ed a tutti i fattori che possono determinare un carico di calore maggiore o minore, diventa impossibile.
 
 
 
 
 
 
 

 
Linea
 
lineaPrivacy Policy lineaCookie Policy lineaDisclaimerlineacanale you tubelineaFan Page FacebooklineaCopiright.linea
Linea