Spazio trasparente.
 
Cos'è ed a cosa serve la valvola conta litri della lavastoviglie e quali sono le conseguenze della sua rottura.
 
Foto articolo.
Uno dei comportamenti tipici che assume la lavastoviglie nel momento in cui si presenta una anomalia è quello di bloccare il lavaggio sia che ci si trovi nella fase iniziale o in altre e di scaricare l’acqua precedentemente caricata, terminando in modo improvviso il lavaggio.

Questo situazione si può verificare per diverse ragioni, in questo caso però ci concentriamo su quella di cui ne è responsabile la valvola conta litri o anche detta turbina conta litri.

A tal proposito è importante capire cosa sia e quale è il suo ruolo durante il funzionamento della lavastoviglie. Innanzi tutto vi è da dire che ci possono essere alcuni modelli che non ne sono provvisti, parliamo di quelli particolarmente vecchi, dove il sistema di caricamento dell’acqua viene controllato dal pressostato. Su questi modelli difatti l’acqua entra ed il pressostato rileva il raggiungimento del pieno, ovvero del livello stabilito di acqua, che deve stazionare nella vasca, quindi la quantità necessaria per il lavaggio. Raggiunto tale livello, ne viene comunicato lo stato e il processo di caricamento dell’acqua termina.

Il sistema che prevede la presenza della valvola o turbina conta litri è simile ma differente dal precedente. Avviato il ciclo di lavaggio, dopo lo scarico iniziale dell’acqua e l’apertura dell’elettrovalvola, l’acqua entra passando attraverso la valvola o turbina conta litri, che assolve a due compiti, il primo di verificare il funzionamento del pressostato, il secondo di conteggiare e far passare la quantità di acqua stabilita.

Nel dettaglio vengono inviati degli impulsi alla turbina conta litri, che attiva la girante al suo interno, ognuno degli impulsi corrisponde ad uno specifico numero di giri delle pale della girante ed a questi una determinata quantità di acqua. Il passaggio dell’acqua viene chiaramente registrato dal programma o meglio dalla scheda, che ad un certo punto del caricamento dell’acqua, verifica se il pressostato è regolarmente funzionante, difatti lo stesso deve restituire un dato sul livello di riempimento, quindi sullo stato di pieno. Se al contrario rileva il vuoto, ovvero che nella vasca non c’è acqua, la lavastoviglie dovrebbe segnalare il guasto.

A questo punto la macchina non si blocca ancora, ma concede un ulteriore lasso di tempo per il rilevamento del pieno, potrebbero esserci degli impedimenti alla trappola dell’aria o a dei filtri, che rallentano la lettura del dato. Pertanto alla turbina conta litri vengono inviati ancora degli impulsi, quindi continua a caricare dell’acqua fino al raggiungimento della quantità prevista e da essa conteggiata, ovvero l’acqua necessaria per il lavaggio scelto.

Terminata la fase di caricamento di tutta l’acqua necessaria, in un corretto funzionamento il pressostato comunica l’avvenuto pieno della vasca alla scheda, che prontamente, avvia la fase del lavaggio con il riscaldamento dell’acqua. in caso contrario, se il pressostato non rileva l’acqua in vasca, viene la comunicazione e di vuoto in vasca. La scheda che a questo punto sa che l’acqua è stata caricata ma il pressostato non l’ha rilevata, constata la presenza di un guasto, blocca il lavaggio ed avvia lo scarico dell’acqua.

Fino ad ora abbiamo visto come funziona il sistema di caricamento dell’acqua e l’anomalia lato pressostato, ma vediamo come si comporta la lavastoviglie nel caso in cui è proprio la valvola conta litri ad essere danneggiata. In questo caso la lavastoviglie potrebbe bloccarsi a seconda del modello ancora prima che inizi il lavaggio oppure procedere con il caricamento a solo pressostato, ma in ogni caso al termine del ciclo verrà restituito l’errore.

Pubblicato: lunedì 22 gennaio 2018

articoli sul tema:
 
 
Spazio trasparente.
Risultati assolutamente interessanti in termini di prestazioni sulle lavastoviglie, la Bosch li ottiene con le nuove lavastoviglie dotate del sistema Active Water abbinato all’impiego della zeolite.

Pubblicato:
sabato 11 dicembre 2010
 
 
Spazio trasparente.
Quando si imposta un ciclo di lavaggio, a meno che non si possieda una lavastoviglie con il programma automatico, capace di adeguare la temperatura di lavaggio al tipo sporco, bisogna scegliere tra i cicli proposti, quello più appropriato per il tipo di sporco che abbiamo necessità di pulire.

Pubblicato:
lunedì 3 settembre 2012
 
 
Spazio trasparente.
Contrariamente alla lavatrice, che è presente in tutte le case, la lavastoviglie ha una presenza di gran lunga inferiore. Mentre la prima è divenuta oramai indispensabile, l’acquisto della lavastoviglie, alcune volte, viene sottovalutato, o meglio considerato come superfluo anche perché il suo utilizzo viene associato ad un consumo di energia elettrica da sommare a quello che già si ha con altri elettrodomestici.

Pubblicato:
domenica 16 gennaio 2011
 
 
Spazio trasparente.
Quando si parla di lavastoviglie la misura per identificarne la capienza sono i coperti, ovvero la quantità di piatti, uno per portata, ed i bicchieri che i cestelli riescono a contenere. Nel calcolo dei coperti non sono comprese le pentole ed i tegami che avendo dimensioni completamente diverse una dall’altra non possono essere standardizzate.

Pubblicato:
domenica 7 novembre 2010
 
 
Spazio trasparente.
A seconda del modello di lavastoviglie della Rex Electrolux, ci sono delle anomalie di funzionamento o dei guasti che vengono segnalati al consumatore attraverso delle indicazioni acustiche, l’accensione di alcune spie o attraverso una sigla sul display digitale.

Pubblicato:
martedì 1 luglio 2014
 
 
Spazio trasparente.
Ci sono molti sistemi che consentono agli impianti idrici di casa di disporre per tutto l’anno di acqua sempre calda è, pertanto, logico pensare di poter ottenere il massimo rendimento, sfruttandola per elettrodomestici come la lavatrice e la lavastoviglie, ai quali far risparmiare il tempo necessario al riscaldamento, effettuato per mezzo di una resistenza elettrica e conseguentemente risparmiare energia elettrica.

Pubblicato:
martedì 13 gennaio 2015
 
 
Spazio trasparente.
Avvertire una scossa di elettricità, nel momento in cui si viene a contatto con la lavatrice o la lavastoviglie, è un avvenimento poco piacevole, che ci indica che siamo in presenza di una anomalia. La scossa è avvertita solitamente nel momento in cui, soprattutto in presenza di mani bagnate, si urta il mobile o magari quando dopo aver aperto l’oblò della lavatrice, tocchiamo gli indumenti bagnati.

Pubblicato:
venerdì 10 febbraio 2017
 
 
Spazio trasparente.
Tralasciando tutte le differenze tecniche e di programmazione che possono essere determinanti per scegliere una lavastoviglie piuttosto che un’altra, vediamo di capire quale è più performante riferendoci ai dati che per normativa devono essere esposti sul prodotto.

Pubblicato:
domenica 20 novembre 2011
 
 
Spazio trasparente.
Un’anomalia abbastanza diffusa nella lavastoviglie è quella relativa al processo di asciugatura, che a seconda dei casi può presentarsi con una scarsa qualità ed in altri con una assoluta assenza, con relative stoviglie bagnate al termine del lavaggio.

Pubblicato:
mercoledì 22 febbraio 2017
 
 
Spazio trasparente.
Chi già possiede una lavastoviglie, sa esattamente quanto sia importante che il cestello superiore possa essere regolato in altezza. Questa caratteristica, consente di recuperare spazio da sfruttare per sistemare nel cestello inferiore delle stoviglie più alte, come i piatti per la pizza o altri oggetti più ingombranti, che altrimenti non riusciremmo lavare.

Pubblicato:
martedì 11 settembre 2012
 
 
 
 
Linea
 
lineaPrivacylineaDisclaimerlineaContattacilineaGoogle PublisherlineaFan Page FacebooklineaCopiright.lineaiubendalinea
Linea
 
Torna su