Icona accesso.
 
 
 
 
 
 

Come scegliere la lavatrice: chili, classe energetica, centrifuga

Come scegliere la lavatrice

 

Cosa trovi in questo articolo:

  1. Premessa generale tipologie di lavatrice;
  2. Lavatrice carica frontale;
  3. Capienza cestello carica frontale;
  4. Lavatrice carica dall'alto;
  5. Capienza cestello carica dall'alto;
  6. Tipo di motore della lavatrice;
  7. Importanza dei giri della centrifuga;
  8. Classe di efficienza energetica;
  9. Come leggere l'energy label;
  10. Detersivo liquido o in polvere;
  11. Come prevenire il calcare o cosa fare in sua presenza;
  12. Domande poste dai consumatori;
  13. Commenti per chiedere informazioni.

 


Premessa generale sulla struttura di una lavatrice

La lavatrice è oramai un elettrodomestico entrato a far parte di tutte le case, si trova praticamente in ogni famiglia. Il compito della lavatrice è quello di lavare gli indumenti e viene assolto da tutti i modelli, tuttavia tra di essi ci sono delle distinzioni che è necessario conoscere al fine di poter scegliere consapevolmente la migliore lavatrice per le proprie esigenze. Iniziamo con lo stabilire che in base alla loro struttura ci sono due tipologie di lavatrice, ovvero quelle con la carica dall'alto e quelle frontale. All’interno di queste tipologie ed in particolare per la carica frontale troviamo una ulteriore differenziazione in base alle misure che andremo di seguito a delineare. Se non hai mai usato una lavatrice leggi "Guida pratica per come usare la lavatrice".

Come scegliere una Lavatrice a carica frontale

Viene identificata in questa categoria, il modello con la forma di un parallelepipedo rettangolo con al centro del mobile, nella parte frontale, posizionato lo sportello, oblò, per l’inserimento dei tessuti. Nella forma classica che tutti conosciamo le misure lavatrice possono essere differenti. Questa categoria di prodotto propone a sua volta una ulteriore segmentazione con svariati modelli, che si differenziano in base alle dimensioni. In linea generale possiamo delineare cinque formati, all’interno dei quali possiamo trovare ulteriori differenze nelle dimensioni, ma che delineano in modo abbastanza netto quali possono essere gli standard entro i quali muoverci. La scelta lavatrice può essere tra:

1) Lavatrici piccole dimensioni;
2) Lavatrice standard;
3) Lavatrice compatta o slim;
4) Lavatrice con cassettone;
5) Lavatrice Big.

La lavatrice piccola, non è molto diffusa sul mercato ed è prodotta da poche aziende. Sono lavatrici basse la cui particolarità è la dimensione molto contenuta, riesce infatti con un ingombro di 69,5 cm in altezza, di 51 cm in larghezza e di 44 cm in profondità ad avere un capacità carico di 4 kg. Nasce chiaramente per quei casi in cui non si dispone di molto spazio in casa o si ha l'esigenza di sfruttare uno spazio basso come potrebbe essere un sotto scala o altro. Risulta una soluzione comoda da poter utilizzare in un camper, in una barca, dove la poca disponibilità di spazio con essa non sarebbe un problema. Si tratta di una soluzione molto valida anche per chi vive da solo e non deve attendere l'accumularsi di molti indumenti per raggiungere un carico di un lavatrice tradizionale di 6, 7 o 8 kg. La sua scelta non è legata al prezzo, difatti non è una lavatrice economica ma il costo in linea di massima è pari se non più elevato rispetto ad una lavatrice tradizionale. Questo a causa di un costo di produzione più elevato e non ammortizzato dall'elevata richiesta o vendita. In Italia la Candy ha in produzione due modelli, anche se ne possono trovare di più, si tratta delle linee precedenti non ancora smaltite, con queste caratteristiche. I modelli attuali sono dotati di una velocità di centrifuga di 1000 e di 1100 giri.

Il modello standard di lavatrice, ha un ingombro fisso di 60 cm di larghezza e di 85 cm di altezza, mentre la profondità solitamente varia dai 50 ai 60 cm. Larghezza ed altezza possono variare, da modello a modello, in ragione massima di mezzo centimetro in larghezza e di 1 cm per l’altezza. Una differenza che in generale non fa la differenza, tuttavia nei casi in cui magari si ha una larghezza di 59,8 cm si può trovare un modello che magari è di 59,5 cm e poterle infilare. Nelle indicazioni dei vari modelli tuttavia la misura indicata è quasi sempre di 60 cm pertanto in casi di misure al limite è necessario recarsi presso un punto vendita con centimetro alla mano per prendere le misure della lavatrice.

La lavatrice compatta o slim, ha le stesse dimensioni della standard fatta eccezione per la profondità che varia dal modello più piccolo in assoluto 38 cm, fino ai 45 cm passando attraverso i 40 cm. Tempo addietro erano disponibili modelli con una profondità di 33 cm, che allo stato attuale non sono più prodotti. Una lavatrice slim è una ottima soluzione laddove si hanno dei problemi di spazio, tuttavia c'è da considerare che rispetto ad un modello tradizionale possiedono una capacità di carico leggermente inferiore, ad ogni modo riescono a raggiungere i 6 kg nei 38 cm e i 7 kg con i modelli da 45/46 cm.

La lavatrice con il cassetto sotto, ripropone la forma standard adagiata su un comodo cassettone, che ne rialza l’oblò portandolo in una posizione di maggiore comodità sia in fase di carico che di scarico della biancheria. Questo tipo di lavatrice nel tempo ha subito un cambiamento. Il primo esordio la vedeva nascere con l'intento di renderla più comoda si per la gestione del carico e dello scarico dei tessuti, non dovendosi abbassare per aprire l'oblò e tirarli fuori, che per riporre in un unico luogo i prodotti necessari al lavaggio. Un contenitore per riporre detersivi, ammorbidente e quanto altro utilizzato. In alcune rivisitazioni attuali, fermo restando la comodità, il cassetto è divenuto una seconda lavatrice, parliamo dei modelli si lavatrici lg, per mini carichi di biancheria: 2 kg. Nel complesso è molto più ingombrante rispetto ai modelli visti fino ad ora. Fermo restando la larghezza che è di 60 cm, l'altezza giunge fino a circa 122 cm mentre la profondità 67,5 cm.

La linea big (extra large) aveva fatto esordio sul mercato molti anni fa ed era caratterizzata da una elevata capacità di carico, ben 12 Kg, ma allo stesso tempo da un considerevole ingombro, maggiore sia in larghezza, altezza e profondità. La sua diffusione è stata scarsa a causa delle eccessive necessità di spazio ed è andata pian piano diminuendo con la produzione di lavatrici capaci di contenere fino a 12 kg di biancheria in dimensioni standard. Allo stato attuale quell'ingombro di 70 cm di larghezza, 99 cm di altezza e 77 cm di profondità viene coperto con due modelli della Lg, che ha superato la precedente capacità del cestello, portandole, dando ancora un senso a questa linea a ben 15 Kg con un modello ed a 17 Kg con un altro.

Ora che abbiamo delineato le tipologie come scegliere la lavatrice è già più semplice. Dobbiamo ancora valutare tuttavia le caratteristiche di una buona lavatrice, come il peso lavatrice, la centrifuga ed il consumo, che ora vedremo.

Capacità di carico lavatrice carica frontale

Nell’arco degli ultimi anni si è assistito ad un continuo aumentare della capacità di carico delle lavatrici. Abituati ad una capacità standardizzata nei 5 kg si è arrivati a quantità molto superiori. Il mercato della carica frontale ha una forbice che varia dai 4 kg dei modelli piccoli fino ai 12 kg con i modelli a carica frontale standard. Per orientarci meglio, prima di effettuare un acquisto lavatrice, scendiamo nel dettaglio della portata associandola al formato cui, approssimativamente, possiamo abbinarla:

Capacità di carico
Formato lavatrice
4
piccolo
5/6/7/8/9/10/11/12
standard
5/6/7
compatto
8/9
cassettone
15/17
big (grande) extra large

Rispetto al passato non si trova più la lavatrice mezzo carico, utilizzato per diminuire i consumi con i lavaggi a carico ridotto. Oggi il mezzo carico è stato sostituito con il carico varabile automatico in grado di ridurre, in funzione della quantità di biancheria inserita nel cestello, l’impiego di acqua ed il consumo di energia elettrica. Quindi acquistare una lavatrice con maggiore capienza, non necessariamente significa consumare di più, o meglio, il maggior consumo è rapportato alla maggiore capacità di carico. Il carico variabile, permette di adattare i consumi alla quantità di biancheria inserita, pertanto, ad uguale peso corrisponderà un rapportato consumo. La tecnologia per effettuare la regolazione automatica dei consumi, per quanto in linea generale percorre la stessa logica, nello specifico di ogni lavatrice il sistema può essere più e meno performante.

Giusto per fare un esempio e dare l’idea della differenza che possiamo riscontare, diciamo che la variabilità del carico la determina un strumento che si chiama pressostato. Ora più è efficiente, migliore e precisa sarà la determinazione del carico. Per essere pratici e come se avessimo due strumenti il primo settato su tre variabili, ovvero carico pieno, medio e mini (8/4/2 kg), il secondo settato a frazione di 1kg (8/7/6/5/4/3/2/1). Si evince chiaramente che nel secondo caso l’ottimizzazione è superiore così come il risparmio.

Lavatrice a carica dall’alto

La forma è di un parallelepipedo rettangolo, stretto e profondo, a vista tutto chiuso, con uno coperchio nella parte superiore, che una volta aperto dà accesso alla visione del cestello, chiuso da due sportellini ad incastro tra di loro, che una volta aperti consentono di caricare la biancheria. La particolarità di questo tipo di lavatrice sta nelle dimensioni ridotte, occupa infatti uno spazio di 40 cm in larghezza, 60 in profondità e 85 in altezza. In pratica lo stesso ingombro di una carica frontale compatta, con la differenza che il lato più stretto è quello della larghezza, quindi il suo posizionamento si può incastrare in modo diverso, per soddisfare esigenze di spazio differenti. Altro vantaggio è riconducibile alla facilità di carico, generato dalla non necessità di abbassarsi. Particolarità di questo prodotto è la dotazione di una rotella al di sotto del mobile, che con un’apposita leva visibile a filo mobile, nella parte bassa, si può estrarre se c’è la necessità di effettuarne uno spostamento facilitato.

Capacità di carico lavatrice carica dall'alto

Come per la tradizionale anche nella carica dall’alto la capacità di carico è aumentata passando dalla classica 5 kg, fino a raggiungere capienza di ben 8 kg. Indipendentemente dal carico, 5, 6, 7 o 8 kg, le dimensioni del mobile rimangono invariate. L’adeguamento del consumo alla quantità di biancheria avviene in modo automatico come per la lavatrice a carica frontale.

Lavatrici come scegliere il tipo di motore

Tra le caratteristiche lavatrice che spesso vengono evidenziate come migliorative delle prestazioni c'è il tipo di motore che viene utilizzato. Le prime lavatrici, di cui c'è ne sono ancora in giro nella case, ma non in vendita, parliamo della lavatrice non elettronica, siamo passati ai modelli con il motore universale a spazzole, che sono allo stato attuale le più diffuse ed impiegate alle lavatrici con motore inverter. Queste ultime sfruttano la capacità dell'inverter di regolare l'intensità del lavoro alle condizioni necessarie in quel momento per il lavaggio, ottimizzando ulteriormente i consumi. Allo stesso tempo non essendo dotato di spazzole, non sarà soggetto a problematiche relative alla loro usura.

Importanza dei giri della centrifuga e in che termini incide sul risultato finale del lavaggio

Un aspetto fondamentale per come scegliere la lavatrice che meglio si addice alle esigenze di chi la utilizza è la centrifuga. I modelli presenti sul mercato possono avere una centrifuga che va dai 400 giri, anche se oramai non viene più prodotta avendo ceduto il passo alla 800 o 1000 giri, fino a raggiungere la velocità di 1800 giri. La differenza dei giri è determinata dalla differenza del motore, che nel caso di lavatrici più veloci è di potenza maggiore e chiaramente di qualità più elevata. Dal punto di vista del consumo energetico, non si riconduce ad un consumo superiore. Ai fini del lavaggio una centrifuga più forte ha un risvolto diretto sui tessuti, ovvero sulla loro asciugatura, intesa come minore umidità residua nei tessuti al termine del ciclo di lavaggio.

La tabella sottostante indica in base al numero dei giri della lavatrice la percentuale residua di acqua a fine lavaggio.

Grafico percentuale umidità residua per giri di centrifuga.

È importante sottolineare che non tutti i tessuti possono essere centrifugati ad un alto numero di giri, pertanto superata una certa soglia di giri, solitamente dagli 800 giri a salire, le lavatrici sono dotate di un comando destinato a regolare la centrifuga in funzione delle necessità del lavaggio, si potrà così impostare una centrifuga più alta per il cotone ed una più bassa per un sintetico o decidere anche di escluderla completamente nel caso dei lavaggi più delicati. A seconda del modello il selettore della centrifuga può assumere la forma di una manopola, sulla quale sono indicate le fasi di giri intermedi impostabili, o di un pulsante che la regola digitalmente. La centrifuga è gestita elettronicamente per evitare di raggiungere il numero massimo dei giri in modo troppo repentino, la parte elettronica difatti controlla il progressivo e graduale aumentare dei giri fino al raggiungimento del limite massimo. La graduale progressione limita il più possibile stress ai tessuti.

Classe di efficienza energetica

A prescindere delle caratteristiche specifiche che ogni lavatrice può vantare, di basilare importanza nella determinazione del modello da acquistare è l’efficienza energetica. E' diventata una consuetudine radicata l’identificazione della classe, come metro di valutazione, e la necessaria appartenenza alla classe energetica A. Dobbiamo dire che recentemente, giorno 01 marzo 2021, la normativa sui consumi energetici è stata modificata introducendo nuove classi o meglio eliminando le classi superiori alla A. La catalogazione non prevede più la classe A+++, A++ ed A+.

L'eliminazione delle classi superiori è stata perseguita al fine di ingenerare confusione nel consumatore, al quale ora viene dato come unica classe di riferimento con la migliore prestazione la A. Nel corso degli anni a venire, considerando i miglioramenti tecnologici ed il raggiungimento di prestazioni di consumo più bassi, avverrà un declassamento per quei modelli di lavatrice che non sono riuscite a migliorare le prestazioni, ma al consumatore resterà sempre e solo il riferimento della classe A per poter eseguire di getto la valutazione ed il confronto. In questo periodo di transizione, tuttavia la riformulazione ha creato delle incertezze in quanto modelli in classe A+ sono state riclassificate come E. Questo non significa che la lavatrice non sia più efficiente, il consumo è rimasto invariato, ma che ha una nuova classificazione per la condizione attuale, ma non deve disincentivare al suo acquisto.

La nuova tabella arcobaleno come possiamo vedere dal questa sotto rappresentata ha una scala che va dalla A (migliore efficienza) alla G (peggiore efficienza).

Come leggere l’energy label

Nello specifico della tabella, dall'alto verso il basso, la prima lettera indica la classe di appartenenza, poi è indicato il consumo all’anno di energia elettrica, a seguire il , la portata del cestello in kg, la durata del programma di standard, consumo di acqua per il ciclo standard, la classe di centrifuga ed infine il rumore espresso in decibel nella fase di centrifuga, che più è basso più indica la lavatrice silenziosa. L’energy label è uguale per tutte le lavatrici sia esse a carica frontale che dall’alto.

Energy label lavatrice.

Maggiori dettagli sono disponibili nella pagina Energy label. Confronto tra vecchia e nuova Energy Label della lavatrice.

Quale tipo di detersivo utilizzare per IL ciclo DI lavaggio

Le lavatrici sono strutturate per poter impiegare sia il detersivo in forma liquida che in polvere, entrambi assicurano la stessa capacità di pulizia dei tessuti, tuttavia hanno delle caratteristiche diverse che li rendono più o meno idoneo all'impiego. Una prima differenza deve essere fatta in base alla temperatura di lavaggio, che vede più indicato l'uno o l'altro. Nel caso di lavaggio ad alte temperature va bene sia il detersivo liquido ed anche quello in polvere, mentre per le basse temperature (30°C o 40 °C.) è preferibile quello liquido in quanto quello in polvere potrebbe non sciogliersi completamente.

Altra distinzione va fatta in funzione del tipo di tessuto da lavare, ci riferiamo al lavaggio di capi particolarmente delicati, che necessitano di detersivi specifici per non farli rovinare. In ogni caso per un lavaggio corretto è necessario utilizzare sempre detersivi appositamente studiati per la lavatrice.

La quantità di detersivo che deve essere utilizzata per il lavaggio, non deve essere eccessiva, bisogna attenersi alle quantità indicate sul detersivo e proporzionarle alla quantità di bucato che si deve lavare. Più detersivo non significa miglior lavaggio, ma solo più schiuma e maggiore impatto ambientale. Per approfondire ed eseguire un calcolo in tempo reale della quantità di detersivo da impiegare leggi "Come dosare il detersivo per la lavatrice". L'ammorbidente può essere utilizzato su tutti i lavaggi che prevedono il suo impiego. Per stabilirlo è sufficiente consultare la tabella dei programmi riportata sul libretto di istruzioni, dove è indicato su ogni lavaggio se la fase dell'ammorbidente è compresa. Il candeggio è consigliabile farlo prima del lavaggio, pretrattando i tessuti, sebbene puoi trovare la "Vaschetta della candeggina nella lavatrice".

Il calcare provoca il malfunzionamento della lavatrice e come prevenirlo

Il calcare è una delle cause che provoca il malfunzionamento del prodotto e la sua rottura. Attacca tutte le superfici provocandone la corrosione e la rottura, l'elemento più a rischio è la resistenza elettrica, che attaccata dal calcare se ne ricopre, non riuscendo più a riscaldarsi, facendo raggiungere la temperatura dovuta all’acqua nei tempi previsti, con un conseguente aumento di consumo energetico. Anche la crociera è soggetta all'azione del calcare e dei detersivi aggressivi, che tendono a farle perdere la consistenza, fino a farla sgretolare e distaccare dall'albero inserito nei cuscinetti. Se vogliamo evitare delle noiose rotture non impieghiamo troppo detersivo e utilizziamo un anticalcare o in alternativa aggiungere ad ogni lavaggio un cucchiaio di bicarbonato nella vaschetta del detersivo. Per effettuare un’azione decalcificante si può effettuare un lavaggio a vuoto con aceto. Se non usi abitualmente dei prodotti per la cura della lavatrice vedi "Come disinfettare la lavatrice" è una pratica che oltre a pulire la lavatrice consente di eliminare parte del calcare, ma ricordati che devi farlo con periodicità altrimenti se trascuri troppo non potrai recuperare ai danni che il tempo avrà creato.

Concludiamo sperando di aver fornito tutti gli elementi utili per come scegliere una buona lavatrice invitandovi in caso di domande a scrivere nel forum lavatrici.

 
Condividi su FacebookCondividi su TwitterCondividi su RedditCondividi su WhathsappCondividi tramite email
 

 
 
 
 
 
 
Commenti recenti
Icona regione.
Giovanni da Chiavenna giorno 19/04/2022
Lavatrice Indesit: carica acqua e la scarica subito. Dopo 5/10 tentativi, a volte tiene l acqua e parte. Però alcune volte durante il funzionamento, la pompa scarica l acqua. Va in protezione? Per quale motivo, pressostato?
 
Icona elettro-domestici.com
 
Si il difetto può essere del pressostato o trappola dell’aria.
Icona regione.
Luisa da Firenze giorno 15/03/2022
Buongiorno, ho una lavatrice Hotpoint Ariston modello FMF 823 EU dopo aver fatto un ciclo, ho aspettato un'ora per farne un altro e inaspettatamente non si è accesa. Ho controllato la spina, la corrente ma tutto era ok. Nei giorni scorsi ho sentito varie volte ripetuti bip ma nelle istruzioni non venivano menzionati di conseguenza non sapevo il perché. Posso chiamare il tecnico oppure devo dar per scontato che non conviene ripararla e perciò devo comprarne una nuova?
 
Icona elettro-domestici.com
 
Buongiorno Luisa, la mancata accensione della lavatrice può dipendere da guasti facilmente risolvibili ed altri con riparazioni costose. Chiamare il tecnico implica sempre un costo, se la lavatrice è messa bene lo chiamerei.
Icona regione.
Debora da Sondrio giorno 29/01/2022
Buongiorno. Ho una lavatrice Aqualtis e oggi mi ha dato questo problema. Al termine del lavaggio quindi quando compare la scritta END la porta rimane bloccata e dopo qualche minuto riparte da sola facendo un rumore come se girasse il cestello e l'unico modo di spegnerla è staccarla dalla corrente. Una volta scollegata la porta rimane comunque bloccata.
 
Icona elettro-domestici.com
 
Buongiorno Debora, purtroppo è un problema della scheda elettronica.
Icona regione.
Andrea da Sondrio giorno 22/02/2021
Buongiorno, complimenti per i Suoi video, sono chiarissimi! Ecco la mia questione: la mia lavatrice ieri s'è spenta 10-15 minuti dopo aver fatto partire il lavaggio. Provando a riaccenderla fa scattare il salvavita. Ho controllato con il tester la resistenza e funziona, mentre la pompa di scarico sembrerebbe non funzionante perché il tester continua a segnare 1. Sostituendo quindi la pompa di scarico dovrei risolvere il problema? Inoltre, c'è qualche fusibile che dovrei controllare? La lavatrice è una Hotpoint Aqualtis AQ82L09.
 
Icona elettro-domestici.com
 
Buongiorno Andrea e grazie per gli apprezzamenti. Nessun fusibile da controllare. La pompa dovrebbe segnare intorno ai 170/190 Ω dipende dal modello, restituendoti 1 significa che non va e potrebbe certamente essere imputata del difetto, tuttavia una dispersione o corto potrebbe essere anche sui cablaggi o altro. Dovresti risolvere con la sostituzione, ma lo saprai a cose fatte.
Icona regione.
Carmine da Predosa giorno 23/11/2020
Buongiorno, ho un problema con una Candy carico dall'alto del 2018 ogni tanto non mi fa la centrifuga qualcuno sa aiutarmi?
 
Icona elettro-domestici.com
 
Buongiorno Carmine, la centrifuga è consequenziale allo scarico, pertanto quando non viene eseguita verifica se ha scaricato. Successivamente allo scarico, il fermo può dipendere da tachimetrica, spazzole, motore, scheda elettronica.
Icona regione.
Matteo da Trento giorno 31/01/2018
Buon giorno, possiedo una lavatrice modello rex Electrolux rwp105205w con un problema riguardante i risciacqui. La durezza del acqua e di 13/14 gradi francesi. In particolare si può notare come in ogni risciacquo sia presente sempre schiuma che non accenna a diminuire. Inoltre i capi risultano ancora insaponati se messi in acqua in una bacinella. Come dosaggio del detersivo non uso piu di 10 ml per 5 kg di biancheria che a sua volta viene riproporzionato al carico di volta in volta. Anche con l'opzione extra risciacquo la situazione non migliora. Cosa potrei operare per migliorare la situazione?
 
Icona elettro-domestici.com
 
Buongiorno Matteo, fai qualche lavaggio senza detersivo e poi fanne un altro con un buon disincrostante. La presenza di schiuma può dipendere da accumuli di detersivo nelle tubature e nel fondo della vasca.
Icona regione.
Michele da Milano giorno 19/09/2016
Buongiorno, possiedo una lavatrice Hotpoint Ariston Aqualtis AQ72L 09 e da qualche giorno non riesce a terminare qualsiasi programma, la lavatrice si ferma e cominciano a lampeggiare tutte le spie. Nel cestello rimangono vestiti puliti ma ancora bagnati. Qualcuno sa dirmi cosa devo fare? Devo chiamare l'assistenza? Magari potrei fare qualche controllo?
 
Icona elettro-domestici.com
 
Buongiorno Michele, i controlli che puoi fare sono quelli di routine: filtro, pompa di scarico, tubo di scarico e carico. Poi potrebbe trattarsi di più cose tra cui anche la scheda.
Icona regione.
Deborah da Vicenza giorno 07/09/2015
Buongiorno, la mia lavatrice da qualche giorno fa un rumore forte nel momento in cui appare sul display il simbolo che indica che sta scaldando l'acqua. In assenza della spia il funzionamento è regolare. Che problema può essere? Devo chiamare un tecnico per un controllo?
 
Icona elettro-domestici.com
 
Buongiorno Deborah, il riscaldamento dell’acqua non è associato a rumori forti, direi che è preferibile un controllo sul posto per identificarne la causa.
Icona regione.
Nadia da Como giorno 02/09/2015
Perché la lavatrice fa saltare il salvavita? Ho cambiato il condensatore e salta ugualmente, ho notato che i tre fili che sono collegati al pulsante del mezzo carico fanno accendere la lucina del cacciavite cercafase, ma se stacco un filo non salta ma non fa nulla (cioè non carica ne gira) rimetto il filo e salta il salvavita, ho staccato i fili della massa a terra generale e la lavatrice va. Domanda può essere il pulsante del mezzo carico ad essere responsabile?
 
Icona elettro-domestici.com
 
Buongiorno Nadia, il fatto che si accende la luce del cerca fase è normale, c’è la corrente e deve essere così, piuttosto è un problema di messa a terra, probabilmente c’è qualcosa in questa parte dell’impianto che non funziona bene, non scaricando la messa a terra, va a finire in qualche punto della lavatrice facendo massa e facendo staccare il contatore, ecco perché togliendola come hai fatto tu, funziona. Direi che devi controllare l’impianto e verificare dove, il filo della messa a terra, fa massa.
Icona regione.
Vito da Anonimo giorno 29/05/2015
Ciao, dovrei acquistare una lavatrice e vorrei sapere quale tra le lavatrici in commercio parlando di qualità e prezzo è la migliore a livello di consumo sia energetico che di acqua.
 
Icona elettro-domestici.com
 
Buongiorno Vito, in commercio ci sono migliaia di modelli di lavatrici ognuna della quali può avere caratteristiche specifiche differenti, dimensioni, capacità di carico, ed altro. Tutti questi fattori possono influire per quanto riguarda il consumo di acqua e di elettricità. Ad esempio una lavatrice di 4 o 5 kg, potrebbe consumare meno di una di 8 o di 9 ed anche 10 kg, ma logicamente questo dipende da un rapporto al carico. Tutto questo per dirti che in senso assoluto, si potrebbe analizzando tutti i modelli, ma direi che è un’operazione che richiede moltissimo tempo, identificare quella che consuma di meno in assoluto, che non equivale necessariamente, anzi, alla migliore. Il mio consiglio è quello di identificare in grande linee le esigenze primaria quali, dimensioni, capacità e successivamente tra i modelli che le soddisfano identificare il modello con le prestazioni migliore e che in quel momento può proporre un prezzo più conveniente, tenendo sempre in considerazione la vicinanza di un centro di assistenza tecnico nelle tue zone e aggiungo la possibilità di effettuare una estensione di garanzia, che ti tutela totalmente per un po’ di anni.
Icona regione.
Antonio da Cosenza giorno 11/04/2015
Ciao, per risparmiare sul consumo dei energia della lavatrice esistono alcune tecnologie che permettono alla lavatrice di adattarsi alle dimensioni del carico inserito. Inoltre, si può automaticamente far partire il meccanismo che spegne lo standby risparmiando un po’. Altre informazioni le trovate a questo link.
 
Icona elettro-domestici.com
 
Buongiorno Antonio, grazie per il tuo prezioso contributo.

Se non hai trovato quello che cercavi, se vuoi suggerire, commentare o aggiungere qualcosa compila il modulo.

supporto
 
 
Altri articoli che ti potrebbero interessarti:
 
 
Spazio trasparente.
Immagine rappresentativa articolo.

Se ti trovi a leggere questo articolo quasi certamente in modo graduale o improvvisamente il cestello della lavatrice si è bloccato: non gira più. Sicuramente un bel problema! Il cestello della lavatrice che non gira equivale all'impossibilità di utilizzarla, di fare dei lavaggi. Ma non preoccuparti ci sono delle cause ben precise responsabili del cestello lavatrice che non gira.
 
 
Spazio trasparente.
Immagine rappresentativa articolo.

Ovviamente il tema di questo articolo è capire cosa non sta funzionando quando la lavatrice non carica acqua, ma al fine di eseguire una corretta diagnosi è importante stabilire il momento in cui il carico dovrebbe avvenire. Una piccola precisazione, quasi scontata, in realtà non lo è, doverosa per iniziare con il piede giusto! Se ti chiedessi quando avviene il carico dell'acqua? La risposta potrebbe essere: prima del lavaggio!
 
 
Spazio trasparente.
Immagine rappresentativa articolo.

Se la lavatrice o asciugatrice Electrolux non cambia i programmi è sul display c'è un lucchetto, il blocco probabilmente è causato dalla sicurezza bambini. Questi elettrodomestici, sono dotati di una sicurezza, che impedisce la modifica del programma impostato ed anche la possibilità di eseguire una nuova programmazione al termine del ciclo di lavaggio o asciugatura in esecuzione.
 
 
Spazio trasparente.
Immagine rappresentativa articolo.

Nella lavatrice, nella lavasciuga (no pompa di calore), nella lavastoviglie, nell’asciugatrice (no pompa di calore), nel forno elettrico e nello scaldabagno è presente una, o più di una, a seconda del prodotto, resistenza elettrica.
 
 
Spazio trasparente.
Immagine rappresentativa articolo.

Una anomalia molto diffusa relativamente al malfunzionamento della lavatrice è quella che la vede responsabile dello stacco improvviso della corrente elettrica durante il suo funzionamento. Mentre tutto sembra che stia procedendo in modo regolare, il salvavita si stacca.
 
 
Spazio trasparente.
Immagine rappresentativa articolo.

Il codice di errore E71 in una lavatrice a marchio Electrolux, vale anche per Aeg, Zoppas o prodotti appartenenti allo stesso produttore, può presentarsi durante un ciclo di lavaggio o ancora prima che inizi. Può anche non essere restituito sul display, ma per visualizzarlo è necessario entrare nel test diagnostico. In tutti i casi la lavatrice blocca il suo funzionamento.
 
 
 
 
 
 
 

 
Linea
 
lineaPrivacy Policy lineaCookie Policy lineaDisclaimerlineacanale you tubelineaFan Page FacebooklineaCopiright.linea
Linea